Sudafrica, da stato armato nucleare a eroe del disarmo

ICAN accoglie con favore la continua leadership del Sudafrica in materia di disarmo nucleare e spera che la sua azione ispirerà altre nazioni africane ad aderire al Trattato. In quanto continente, l’Africa ha storicamente assunto una posizione forte contro le armi nucleari.

 

Sudafrica, da stato armato nucleare a eroe del disarmo

Sudafrica, da stato armato nucleare a eroe del disarmo
Il Sudafrica ratifica il trattato di messa al bando delle armi nucleari (Foto di ICAN)

Oggi l’unico paese che è passato dallo sviluppo di un arsenale nucleare al suo smantellamento e che è stato un esplicito oppositore di queste armi di distruzione di massa ha compiuto un altro passo cruciale verso un mondo libero dalle armi nucleari: nel quartier generale dell’ONU a New York, il Sudafrica ha appena ratificato il Trattato ONU sulla proibizione delle armi nucleari (TPAN).

ICAN accoglie con favore la continua leadership del Sudafrica in materia di disarmo nucleare e spera che la sua azione ispirerà altre nazioni africane ad aderire al Trattato. In quanto continente, l’Africa ha storicamente assunto una posizione forte contro le armi nucleari; ora i singoli paesi hanno un’opportunità unica di avere un impatto significativo verso la rapida entrata in vigore del Trattato sulla messa al bando delle armi nucleari.

Una rapida storia delle armi nucleari del Sudafrica

La ratifica del TPAN da parte del Sudafrica è unica nel suo genere, a causa della sua storia riguardo alle armi nucleari.  Già nel 1948, il Sudafrica, ricco di uranio, era interessato all’energia atomica e all’industria mineraria, commerciale ed energetica che poteva essere costruita intorno ad essa. Il governo acquistò il suo primo reattore dagli Stati Uniti nel 1957.

Mentre ufficialmente lo scopo del programma di esplosione nucleare non è cambiato da scopi pacifici a scopi militari fino al 1977, i rapporti dei servizi segreti statunitensi mostrano che il Sudafrica ha formalmente iniziato il suo programma di armi nucleari nel 1973.  Inizialmente, la forte pressione internazionale gli ha impedito di testare queste armi, ma nel 1982 il Sudafrica aveva sviluppato e costruito il suo primo ordigno esplosivo nucleare. Nel 1989 il Sudafrica aveva 6 bombe, ciascuna contenente 55 kg di uranio altamente arricchito (HEU), in grado di fornire un equivalente esplosivo di 19 kilotons di TNT.

Per saperne di più sulle armi nucleari del Sudafrica.

Da stato armato nucleare a campione di disarmo

Nel 1989 il governo ha ufficialmente posto fine al programma nucleare e nel 1991il Sudafrica ha aderito al Trattato di non proliferazione (TNP) come Stato non dotato di armi nucleari. Nel 1994, l’AIEA ha confermato che tutte le armi nucleari del Sudafrica erano state smantellate.

Da allora il Sudafrica è stato il campione di un mondo senza armi nucleari. Nel 1996 si è unito ad altre nazioni africane nel dichiarare l’Africa una zona libera dalle armi nucleari attraverso il Trattato di Pelindaba, che prende il nome dal vecchio centro di ricerca sudafricano. La Commissione africana per l’energia nucleare (AFCONE) – istituita allo scopo di garantire che gli Stati parte rispettino gli impegni assunti nel trattato – ha sede a Pretoria. Nel 1999 il Sudafrica ha aderito al trattato sul divieto totale degli esperimenti nucleari (CTBT).

Un discorso del 1998 all’Assemblea Generale delle Nazioni Unite del presidente Nelson Mandela illustra i modi in cui il Sudafrica ha contestato gli argomenti di dissuasione utilizzati da altre nazioni armate di armi nucleari:

“Dobbiamo porci la domanda, che potrebbe sembrare ingenua a coloro che hanno elaborato argomentazioni sofisticate per giustificare il loro rifiuto di eliminare queste terribili e terrificanti armi di distruzione di massa: perché ne hanno comunque bisogno?

“In realtà, non esiste una risposta razionale che spieghi in modo soddisfacente quella che alla fine è la conseguenza dell’inerzia della guerra fredda e l’attaccamento all’uso della minaccia della forza bruta per affermare il primato di alcuni Stati su altri”.

Negli anni successivi, il Sudafrica ha continuato a sostenere con fermezza il principio del disarmo nucleare ed è entrato a far parte di un nucleo di paesi che dal 2012 ha promosso l’iniziativa umanitaria per porre fine alle armi nucleari. L’iniziativa si è trasformata in un movimento che il 7 luglio 2017ha portato all’adozione del Trattato ONU sulla proibizione delle armi nucleari (TPAN).  Il Sudafrica ha sottoscritto il Trattato il giorno in cui è stato aperto alla firma e ora diventerà il 22° Stato che lo ha ratificato.

“Come paese che ha volontariamente smantellato il suo programma di armi nucleari, il Sudafrica è fermamente convinto che non ci sono mani sicure per le armi di distruzione di massa […..] Stiamo facendo appello a tutti gli Stati membri dell’ONU perché firmino e ratifichino il trattato di messa al bando per liberare il mondo e l’umanità da queste armi letali di distruzione di massa“. – Jacob Zuma, settembre 2017, cerimonia di firma del TPAN.

Come ICAN, accogliamo con favore e celebriamo questa ratifica e incoraggiamo il Sudafrica a mantenere il suo ruolo guida negli sforzi globali per realizzare il disarmo nucleare.

25.02.2019 – International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Quest’articolo è disponibile anche in: Inglese

Qui l’articolo originale sul sito del nostro partner

 


I ragazzi chiedono futuro: gNe aderisce al #climatestrike del 15 marzo

Posted: 25 Feb 2019 01:17 PM PST

Il venerdi è il giorno in cui giovani di tutto il mondo fanno sentire la loro voce e chiedono un futuro. Abbiamo solo 11 anni per agire e limitare i danni da cambiamento climatico. Al seguito di Greta Thunberg, la sedicenne svedese che sciopera da scuola ogni venerdi per il clima e parla ai potenti del […]

Giornalisti Nell’Erba

TAV: dopo quella dei costi chi fa l’analisi dei malefici?

Posted: 25 Feb 2019 11:01 AM PST

Dopo la visita a Firenze di Marco Ponti e Francesco Ramella con la benemerita iniziativa di Idra dove si è parlato di analisi costi benefici delle grandi infrastrutture, non potevano mancare le chiacchiere degli ultimi “Giapponesi nella giungla” a sostegno del progetto più disgraziato che si sia visto a Firenze. Così, sia il sindaco Dario […]

Redazione Italia

Il Modello Formigoni ha spalancato le porte ai privati

Posted: 25 Feb 2019 06:53 AM PST

Formigoni ha sempre potuto contare sulla non belligeranza di una gran parte del  centrosinistra che, convinto che vincere in Lombardia fosse impossibile, ha sempre ricercato forme di compartecipazione al potere attraverso accordi diretti o mediati da rappresentanze sociali sul territorio di Vittorio Agnoletto prima pubblicazione su Il Manifesto, 22/02/2019 Il business è nella sanità, nella […]

Vittorio Agnoletto

QE per sempre: il drammatico voltafaccia della Fed

Posted: 25 Feb 2019 01:02 AM PST

Il Quantitative Easing doveva essere una misura di emergenza. Ma il ritorno alla normalità ha peggiorato ulteriormente la situazione. I rubinetti monetari devono essere aperti per i debitori piuttosto che per le banche creditrici. di Ellen Brown, 21 febbraio 2019 L’articolo originale si trova qui     Il Quantitative Easing (QE, emissione straordinaria di moneta da […]

Redazione Italia

 

Sharing - Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *