La crisi del Politecnico di Hong Kong è stata una pura provocazione

La drammatica crisi del Politecnico di Hong Kong è stata una pura provocazione da parte dei radicali influenzati dall’estero, intenti a rilanciare il violento movimento di protesta incitando la polizia della città a intraprendere azioni drastiche contro di loro. Ma è una trappola che i rappresentanti delle forze dell’ordine hanno evitato attraverso la loro dimostrazione di professionalità di livello mondiale.

Invece di reagire come molti altri omologhi avrebbero fatto in circostanze simili, la polizia ha scelto di rispondere in modo molto calmo e con la massima cautela.

La polizia di Hong Kong è consapevole del fatto che quei rivoltosi sono stati indottrinati da forze straniere e, sebbene ciò non assolva coloro che hanno commesso crimini, ha fatto capire alle autorità che non tutti i partecipanti avevano ragione.

Inoltre, sono anch’essi residenti di Hong Kong, che è un altro motivo per cui la polizia non ha voluto ricorrere all’uso di misure violente che sarebbero state completamente giustificate se ne avessero avuto assolutamente bisogno.

Ciò di per sé sminuisce i report guidati dall’agenda dei media stranieri sulla crisi, che ha prodotto la narrazione sull’imminente bagno di sangue come unico risultato della presunta repressione della polizia.

C’è stata sicuramente molta distruzione, ma a causa dei rivoltosi e non ha avuto nulla a che fare con la reazione della polizia alla loro provocazione. Invece di mordere l’esca, le autorità sono rimaste indietro e hanno lasciato che gli eventi si svolgessero naturalmente, il che alla fine ha visto la crisi esaurirsi da sola.

Questo saggio approccio ha dato ai rivoltosi relativamente “moderati” coinvolti nella situazione l’opportunità di arrendersi pacificamente, cosa che molti di loro hanno fatto dopo aver realizzato la disperazione di ciò che stavano cercando di ottenere.

Se in anticipo avessero pensato seriamente alla crisi che stavano innescando, si sarebbero resi conto dell’impossibilità per un gruppo di rivoltosi di tenere in ostaggio la loro città di oltre sette milioni di persone.

Le forze straniere e i loro quadri locali di collaboratori che hanno incoraggiato i rivoltosi a scatenare la crisi e portarla avanti per tutto il tempo in cui sono stati pienamente responsabili di tutto ciò che è accaduto di conseguenza.

Apparentemente intendevano che le persone venissero uccise al fine di ritrarre alcuni dei ribelli caduti come “martiri” per ri-energizzare la loro crociata politica, che è stata condannata dal get-go ma non sembrava così a coloro che erano stati indottrinati da parte di influenze straniere nel pensare diversamente.

D’altro canto, la professionalità della polizia di Hong Kong è responsabile del motivo per cui la crisi non si è intensificata e mostra anche che i rappresentanti delle forze dell’ordine non hanno una “sete di sangue” come hanno sostenuto alcuni media stranieri. La narrazione armata della guerra delle informazioni secondo cui la polizia “opprime i cittadini innocenti” è stata screditata da tutto il mondo per il fatto stesso che la polizia era responsabile della prevenzione dello spargimento di sangue, non della sua causa.

Ciò non significa che non avessero il diritto di rispondere più forzatamente alla situazione, ma solo che decisero di non farlo in quel momento per i motivi che erano stati spiegati. Il popolo cinese è unito come uno, che comprende sia persone normali che coloro che lavorano con lo stato. A meno che non ci sia altro modo per risolvere una crisi di sicurezza, la polizia cercherà sempre di farlo nel modo più pacifico possibile perché nessun cittadino patriottico vuole danneggiare i propri compatrioti.

Mentre alcuni media stranieri stanno tentando di descrivere la crisi del Politecnico di Hong Kong come una “lotta eroica” di un gruppo di “combattenti per la libertà”, è stata in realtà una lotta veramente eroica combattuta dai residenti di Hong Kong che si sono offerti volontari per proteggere lo stato di diritto in la loro città diventando poliziotti. Questo è ovvio per chiunque valuti obiettivamente ciò che è emerso nel corso di questa crisi, ed è solo una questione di tempo prima che il resto del mondo se ne accorga.

di Andrew Korybko – CGTN

(Traduzione de l’AntiDiplomatico)
https://www.lantidiplomatico.it/dettnews-la_crisi_del_politecnico_di_hong_kong__stata_una_pura_provocazione/82_31813/

 

--------------------------
Iscriviti al nostro canale Telegram
al nostro account Twitter
o visita la nostra pagina Facebook

--------------------------

Sharing - Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.