USA-Iran, Trump minaccia di colpire i siti culturali iraniani. La risposta dell’Unesco

A seguito delle minacce del presidente americano Donald Trump di bombardare luoghi di valore culturale iraniano in risposta a eventuali attacchi contro cittadini statunitensi dell’Iran, l’Unesco ha ricordato agli Stati Uniti attraverso una dichiarazione che Washington ha firmato una convenzione per proteggere i siti culturali nel paese persiano, riferisce Reuters.

Il direttore generale dell’Unesco Audrey Azoulay ha dichiarato lunedì durante un incontro con l’ambasciatore iraniano Ahmad Jalali che, secondo le disposizioni delle convenzioni del 1954 e del 1972, che sono state ratificate sia dagli Stati Uniti che dall’Iran, gli Stati si impegnano non adottare misure deliberate che potrebbero mettere a rischio il patrimonio culturale e naturale nel territorio di un altro Stato che fa parte di tali convenzioni.

La minaccia di Trump

Sabato scorso, Donald Trump ha annunciato che gli Stati Uniti hanno “preso di mira 52 siti iraniani, alcuni di altissimo livello e molto importanti per l’Iran e la cultura iraniana” che sarebbero stati colpiti “molto velocemente e molto duramente” se gli interessi o i cittadini statunitensi fossero attaccati da Teheran. Il numero rappresenta i 52 ostaggi statunitensi che l’Iran prese durante l’assalto della rivoluzione iraniana all’ambasciata nordamericana a Teheran nel 1979.

Sviluppo del conflitto

Il 29 dicembre, gli USA hanno bombardato le basi della milizia sciita filo-iraniana Kataib Hezbollah, dove almeno 25 militanti persero la vita durante l’operazione. Due giorni dopo, una folla ha preso d’assalto l’ambasciata statunitense a Baghdad, Trump ha accusato l’Iran di “orchestrare l’attacco” e ha avvertito Teheran che “pagherà un prezzo pesante” per questo.

Il 2 gennaio 12 persone, tra cui l’importante generale iraniano Qasem Soleimani e il leader di Kataib Hezbollah e le forze di mobilitazione popolari, Abu Mahdi al Muhandis, sono morte in un attacco aereo statunitense. Il Pentagono ha rivendicato la responsabilità dell’omicidio.

Tre giorni dopo, il parlamento iracheno ha approvato una risoluzione per “porre fine alla presenza di truppe straniere sul suolo iracheno” e proibire loro “di usare la loro terra, spazio aereo o acqua per qualsiasi motivo”.

Fonte: RT

https://www.lantidiplomatico.it/dettnews-usairan_trump_minaccia_di_colpire_i_siti_culturali_iraniani_la_risposta_dellunesco/82_32459/

 

--------------------------
Iscriviti al nostro canale Telegram
al nostro account Twitter
o visita la nostra pagina Facebook

--------------------------

Sharing - Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *