Newsletter OIPA del 22 gennaio 2020

Dea, Bianca, Anna, Barbi, Paco e Filomena sono alcuni dei cani ospiti del piccolo rifugio “Cuori pelosi” che hanno bisogno di cucce, cibo e coperte, ma soprattutto di una casa calda e accogliente.

CIBO, CASETTE, CUCCE E COPERTE PER SCALDARE I CANI SALVATI DAGLI ANGELI BLU DELL’OIPA TURSI (MT). AIUTALI A COSTRUIRE IL RIFUGIO!

Dea, Bianca, Anna, Barbi, Paco e Filomena sono alcuni dei cani ospiti del piccolo rifugio “Cuori pelosi” che hanno bisogno di cucce, cibo e coperte, ma soprattutto di una casa calda e accogliente. I volontari dell’OIPA di Tursi (MT) hanno ricevuto dal Comune un terreno dove danno riparo agli animali che ne hanno bisogno in attesa di un’adozione. I cani che qui hanno trovato rifugio, recuperati da situazioni di disagio e abbandono, sono 18, tra cui 5 cuccioli appena arrivati. I lavori da fare sono ancora tanti, c’è necessità di cucce e casette e mangime specifico per i cani più delicati.

 

LEGATI A CATENA, SENZA RIPARO, PRIVI DI ACQUA E CIBO: DUE PASTORI LIBERATI GRAZIE AI VOLONTARI DELL’OIPA DI BENEVENTO

“C’è un cane legato con una catena cortissima, è magrissimo”: alcuni turisti in gita a Limatola (BN), hanno allertato i volontari dell’OIPA della presenza di un giovane pastore tedesco denutrito e legato ad una catena. Giunti sul posto, i volontari hanno trovato il cane scheletrico e sofferente, privo di un riparo e senza né cibo né acqua, legato ad un edificio in costruzione. Nelle vicinanze hanno individuato anche un’altra femmina di pastore tedesco legata con una catena talmente stretta da non poter deglutire. Solo il sadismo può spingere qualcuno ad acquistare cani di razza, con il pretesto di fare da guardia ad edifici e baracche, per poi dimenticarsene e abbandonarli a morire di stenti.



INVESTITO LA NOTTE DI S. STEFANO, CUCCIOLO, MICIO RANDAGIO, STAVA AGONIZZANDO A BORDO STRADA: INSIEME AI VOLONTARI DELL’OIPA DI VICENZA POSSIAMO FARLO TORNARE A CAMMINARE

Nonostante il codice della strada obblighi chi investe un animale a prestargli soccorso, c’è ancora chi finge di aver urtato un sacco della spazzatura.Il piccolo Cucciolo è stato investito la notte di S. Stefano, ma per fortuna un passante l’ha soccorso ed ha poi allertato gli angeli blu dell’OIPA di Vicenza. Era in grave ipotermia, perdeva molto sangue e non riusciva a muovere le zampe posteriori a causa di fratture multiple al bacino. Per evitare che perdesse per sempre l’uso degli arti è stato sottoposto ad un intervento invasivo. Ora si sta piano piano riprendendo, ma per recuperare a pieno la mobilità dovrà affrontare una lunga degenza.
Con il tuo aiuto Cucciolo potrà tornare a camminare.


TIGRE MALATA PICCHIATA DURANTE L’ESIBIZIONE IN UN CIRCO RUSSO: FIRMA ANCHE TU LA PETIZIONE PER DIRE NO ALLO SFRUTTAMENTO DEGLI ANIMALI NEI CIRCHI!

Xena è costretta ad esibirsi nel Circo Nikulin di Mosca insieme ad altre tigri, orsi, cani, gatti e uccelli. Neanche di fronte al suo evidente stato di dolore e malessere il domatore smette di vessarla con un pungolo. Nessuna pietà, nessun rispetto. Acquistando un biglietto per uno spettacolo che sfrutta gli animali, stai finanziando la loro agonia ed il loro abuso. Boicotta il circo con gli animali e firma la petizione per fermarli

CON IL VOSTRO AIUTO, ALE, IL CANE SFIGURATO SALVATO DAGLI ANGELI BLU DELL’OIPA DI AVELLINO, È TORNATO A SORRIDERE

Ale era stato ritrovato con il muso a brandelli e guaiva dal dolore a causa delle profonde ferite causate dall’aggressione da parte di altri cani. Grazie al vostro prezioso sostegno, è stato sottoposto a due interventi di chirurgia necessari per cominciare a ricostruire il suo muso sfigurato. Oggi ha riacquistato le sue energie, è attivo, giocherellone e, nonostante il trauma, ama la compagnia degli altri cani. A febbraio lo attende una nuova operazione alla mandibola. I volontari dell’OIPA di Avellino ringraziano di cuore chi ha sostenuto Ale e rinnovano l’appello per trovargli uno stallo o, meglio ancora, una famiglia che lo voglia adottare.

I CERCAFAMIGLIA: TATO

Lui è Tato, un gigante buono che alle ingiustizie sùbite dalla crudeltà umana ha risposto con un “qua la zampa”! Lui è un buono per natura: spensierato e dolcissimo, ha bisogno di tutto il conforto del mondo e noi vorremmo vederlo finalmente felice di accoccolarsi su un bel divano a sonnecchiare serenamente. C’è qualcuno fra voi che desidera la compagnia del simpaticissimo Tato? Lui in cambio vi darà tutto l’amore del mondo e vi terrà su il morale porgendovi la zampa, e lui sa battere davvero il “5”! Giocherellone, vivace, socievole e coccolone, Tato ha circa 3 anni, va d’accordo con i cani femmine, con i maschi da verificare. Abituato alla macchina, sulla quale sale e viaggia senza problemi, e all’ambiente urbano.

CAMPAGNA SOCI 2020

Da oltre trent’anni abbiamo scelto di stare accanto agli ultimi, di essere la loro voce e la loro forza, ma è solo grazie a chi non vuole arrendersi al male che lo circonda e decide di essere parte di un cambiamento tangibile, se riusciamo ad essere sempre più forti.

È questa forza che ci guida quando ci imbattiamo in situazioni che straziano anima e cuore e ci permette di essere il sostegno di cui gli animali in difficoltà hanno un bisogno spesso vitale.

Iscriviti all’OIPA per credere, come noi, che solo chi è così folle da pensare di cambiare il mondo, lo cambia davvero.

 

Sharing - Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *