Miliziano conferma che i ‘caschi bianchi’ preparavano attacchi chimici per incolpare il governo siriano

Le truppe siriane hanno liberato la strategica città di Maarat al-Numan nella provincia di Idlib, ieri, allo stesso tempo l’esercito russo aveva annunciato di avere informazioni che indicavano che i resti del famigerato “gruppo di salvataggio” dei caschi bianchi stavano complottando provocazioni in Siria per ribaltare una situazione ormai senza speranza per i gruppi jihadisti

L’esercito siriano ha catturato un miliziano che ha fornito loro prove a conferma che i caschi bianchi stavano preparando possibili attacchi chimici sotto falsa bandiera nel nord della Siria. Un video dell’interrogatorio del miliziano è stato fornito ai media dal Centro del Ministero della Difesa russo per la riconciliazione siriana.

Il miliziano, di nome Abu Hamza, ha rivelato nel video di essere responsabile della custodia dei magazzini nella città di Kafer Hamra, nella campagna settentrionale di Aleppo. Lì, ha detto, ha visto di recente l’arrivo di “persone della protezione civile”, cioè dei “caschi bianchi”.

Video Ria.ru

“Non so cosa sia stato conservato lì. Qualche tempo fa alcune persone sono arrivate in un minibus e hanno caricato scatole con razzi e munizioni. Hanno anche preso le attrezzature per le riprese “, ha aggiunto Hamza.

L’uomo ha spiegato che dopo l’inizio dei combattimenti, è stato portato al fronte nell’area di Rashidin-4 nel sud-ovest di Aleppo, dove ha combattuto con il gruppo armato “Jaysh al-Osman”. Non avendo familiarità con l’area, l’uomo ha affermato essersi perso durante il suo ritiro, e quindi successivamente è stato catturato.

La testimonianza arriva sulla scia dei rapporti diffusi secondo cui oltre 40 attivisti dei caschi bianchi erano arrivati ??nel villaggio di Einata, nella provincia di Idlib, con il timore che potessero prepararsi a mettere in scena un attacco chimico sotto bandiera falsa.

Lunedì scorso, il Ministero della Difesa russo ha riferito, citando l’intelligence , che miliziani e resti dei caschi bianchi stavano progettando di mettere in scena una provocazione che implicava l’uso di cloro gassoso contro la popolazione civile per provocare una risposta occidentale. Secondo il portavoce del MoD, il generale Yuri Borenkov, due laboratori chimici nelle città di Akrabat e Selhab nella provincia di Idlib venivano utilizzati per sintetizzare i prodotti chimici, con specialisti che lavorano in questi laboratori che ricevonoaddestarmento in Europa.

Ieri, l’esercito siriano ha ripreso il controllo sulla città strategicamente importante di Maarat al-Numan nella provincia di Idlib. La città, situata all’incrocio dell’autostrada Hama Aleppo, e che collega le due più grandi città della Siria, Damasco e Aleppo, era una roccaforte dei terroristi dal 2012. L’esercito siriano ha iniziato un’operazione per liberare Idlib sud-orientale a dicembre, liberando dozzine di villaggi prima di un cessate il fuoco sono entrati in vigore all’inizio di questo mese. Tuttavia, i miliziani hanno ripetutamente rotto il cessate il fuoco e attaccato truppe governative e i civili, spingendo Damasco a ricominciare la sua offensiva.

https://www.lantidiplomatico.it/dettnews-video_miliziano_conferma_che_i_caschi_bianchi_preparavano_attacchi_chimici_sotto_falsa_bandiera_a_idlib_per_incolpare_il_governo_siriano/82_32834/

 

--------------------------
Iscriviti al nostro canale Telegram
al nostro account Twitter
o visita la nostra pagina Facebook

--------------------------

Sharing - Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.