Newsletter OIPA del 17 febbraio 2020

Il Tribunale Ordinario di Ivrea ha ordinato la confisca di quattro cani e condannato quattro persone a pagare un’ammenda per il reato di detenzione di animali incompatibile con la loro natura.

CANI SEQUESTRATI A CALUSO (TO): TRE ANNI DOPO L’INTERVENTO DELLE GUARDIE ZOOFILE OIPA, ARRIVANO LA CONFISCA E LE CONDANNE PER DETENZIONE INAPPROPRIATA E MINACCE

Il Tribunale Ordinario di Ivrea ha ordinato la confisca di quattro cani e condannato quattro persone a pagare un’ammenda per il reato di detenzione di animali incompatibile con la loro natura. Due di loro sono state inoltre condannate a pagare una multa per aver minacciato le guardie zoofile dell’OIPA di Torino. Nel 2017, infatti, le guardie avevano trovato tre cani legati a catena, senza acqua e senza riparo, presso un’azienda agricola di Caluso (TO). Un altro cane, invece, era detenuto in un piccolo serraglio ricoperto di escrementi. I titolari dell’azienda non possedevano alcuna documentazione relativa agli animali ed avevano addirittura minacciato di “farli sparire”. I cani erano quindi stati immediatamente sequestrati e trasferiti al canile convenzionato.

>

 

VIVERE DA RANDAGI NELLA GIUNGLA URBANA, DA SOLI E SENZA CURE, È IMPOSSIBILE: SERVE AIUTO IMMEDIATO PER MOWGLI, CHE LOTTA PER LA VITA, E I SUOI AMICI DI COLONIA ACCUDITI DAI VOLONTARI DELL’OIPA DI MILANO

Con un intenso e amorevole lavoro di monitoraggio e mantenimento, gli angeli blu di Milano fanno il possibile per consentire ai gatti di colonia una vita dignitosa. La giungla urbana, però, è pericolosa e i mici non sempre trovano un rifugio sicuro. Tra loro c’è Mowgli, che sta lottando per sopravvivere, ricoverato in clinica per una grave anemia dovuta ad un’infezione. Mowgli e tutti i suoi compagni hanno bisogno di medicinali, coperte calde, antiparassitari, crocchette ed integratori vitaminici.



LA VOSTRA SOLIDARIETÀ HA RESTITUITO LA GIOIA DI VIVERE A SERGIO, CHE OGGI CAMMINA GRAZIE AL SUO NUOVO CARRELLINO. ORA CERCA UN’ADOZIONE DEL CUORE

Ricordate Sergio? Quando vi abbiamo raccontato di lui, era chiuso in canile da 7 anni ed afflitto da una malattia degenerativa alla spina dorsale a causa della quale non riusciva più a camminare. Dopo anni senza né affetto né stimoli, oggi può finalmente riassaporare il piacere di una passeggiata: grazie alla vostra generosità gli angeli blu dell’OIPA di Pistoia hanno potuto fargli costruire un carrellino su misura. Sergio è un cane equilibrato, dolce e fiducioso: ha bisogno di una famiglia dal grande cuore che lo accolga.


“ANIMAL HOARDING”: LE GUARDIE ZOOFILE DELL’OIPA BERGAMO IN AIUTO DI QUATTRO CAGNOLINI PRIVATI DI LIBERTÀ E CURE. SERVONO ADOZIONI E ASSISTENZA SANITARIA

Acquistati cinque anni fa per un bisogno compulsivo di accumulo, quattro pinscher hanno vissuto rinchiusi 24 ore su 24 all’aperto, in un piccolo recinto dove a malapena filtrava luce, senza un giaciglio, privati della libertà e delle più basilari cure veterinarie. Tutti sono tormentati da congiuntivite e presentano vaste aree senza pelo a causa del continuo contatto col cemento freddo. Insieme a loro molti altri animali “accatastati” come oggetti, tra cui canarini, colombi e galline. Le guardie zoofile OIPA stanno provvedendo alla loro assistenza sanitaria e cercano loro un’adozione. È anche possibile contribuire alle cure veterinarie di cui hanno tanto bisogno.

GESSY, CAGNOLINA PRIVATA DI CURE PER INDIGENZA DEL PROPRIETARIO, È GUARITA E FELICE GRAZIE ALLE GUARDIE DELL’OIPA DI PESARO URBINO

Ricordate Gessy? Era trascurata dal proprietario a causa una grave situazione d’indigenza in cui versava da tempo dopo aver perso il lavoro. Era stata trovata affetta da una grave dermatite che le aveva causato prurito e la perdita di pelo in ampie aree del corpo. Gessy è stata ceduta alle guardie eco-zoofile dell’OIPA di Pesaro Urbino intervenute in suo aiuto ed era stata trasferita presso il canile sanitario di competenza per essere curata e sterilizzata. È stata quindi adottata da una delle guardie: ora è guarita e vive insieme ad un amico cane con cui condivide giochi, passeggiate e tante scorribande

I CERCAFAMIGLIA: CARLOS

Un “cucciolificio” orribile e squallido, ecco da dove viene il dolcissimo Carlos, sfruttato e maltrattato in un allevamento abusivo di cani di razza dogo argentino. Liberato dalle guardie dell’OIPA di Roma, cerca una famiglia con cui condividere tutto quello che gli è stato negato fino ad oggi: libertà, cure, affetto e compagnia. Molto docile sia con le persone che con i suoi simili, Carlos ha 2 anni. Cosa aspettate? Dopo tutte le privazioni e i soprusi subiti, ha diritto alla sua fetta di felicità. Info: Sezione OIPA di Roma, Tel. 0693572502, roma@oipa.org

CAMPAGNA SOCI 2020

Da oltre trent’anni abbiamo scelto di stare accanto agli ultimi, di essere la loro voce e la loro forza, ma è solo grazie a chi non vuole arrendersi al male che lo circonda e decide di essere parte di un cambiamento tangibile, se riusciamo ad essere sempre più forti.

È questa forza che ci guida quando ci imbattiamo in situazioni che straziano anima e cuore e ci permette di essere il sostegno di cui gli animali in difficoltà hanno un bisogno spesso vitale.

Iscriviti all’OIPA per credere, come noi, che solo chi è così folle da pensare di cambiare il mondo, lo cambia davvero.

 

Sharing - Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *