Coronavirus, Pino Arlacchi: “Un’influenza trasformata nella peste nera: dai media uno spettacolo disgustoso”

Faccio fatica, in questi giorni, a leggere i giornali e guardare le televisioni. Lo spettacolo è disgustoso. Una banale, leggera influenza che sarebbe potuta passare inosservata e che fa meno vittime di un paio di incidenti stradali, è stata trasformata nella peste nera e nel Day After da mezzi di comunicazione in crisi di ascolti, lettori e credibilità. Prontamente assecondati da autorità pubbliche inette e pusillanimi, in perenne fuga dalle loro responsabilità.

Undici anni fa ho scritto un intero volume sul partito della paura, e ne sto pubblicando un altro dal titolo “Il grande inganno”. Questo è il mio contributo contro i “chiagni e futti” che dominano quasi incontrastati l’industria mediatica diffondendo allarmi falsi, inventati o grossolanamente esagerati.

E l’Italietta di questi giorni – un paese dal quale in certi momenti darei le dimissioni – è teatro e vittima delle loro gesta.

di Pino Arlacchi

https://www.lantidiplomatico.it/dettnews-pino_arlacchi_sul_coronavirus_uninfluenza_trasformata_nella_peste_nera_i_media_hanno_offerto_uno_spettacolo_disgustoso/82_33255/

 

 

Coronavirus, la Bocconi e il libero mercato. Perché non dimentichiate

Con un intervento su twitter, T. M. professore ordinario di Economia all’Università Bocconi di Milano ha spiegato come abbia pienamente senso che il prezzo delle mascherine si sia impennato in concomitanza con l’epidemia di Covid-19:
“I prezzi più alti” – ci spiega – “servono ad allocare le mascherine a chi ne ha veramente bisogno. E a scoraggiare quelli meramente ansiosi. Non e’ sciacallaggio. E’ razionalità.”

Ecco, per carità di patria avrei lasciato correre un’uscita così improvvida, se non fosse che gironzolando sui social si finisce per trovare un buon numero di persone (anche sedicenti ‘di sinistra’) che sostengono che il professore ha ragione, che è proprio così, o addirittura che ‘si tratta di leggi naturali’.

Ora, siccome quel giudizio ha dietro di sé il principio di autorità, e siccome la confusione nelle italiche menti è già ben oltre ogni livello di guardia, una breve puntualizzazione è opportuna.

1) L’idea che la ‘razionalità’ delle leggi di mercato serva ad ‘allocare i beni a chi ne ha veramente bisogno’ è un’idea che circola nei dipartimenti di economia e talvolta sui manuali.

Trattasi, per dirla con moderazione, di una schietta idiozia.

L’idea, derivata come mille altre, dalle idealizzazioni astratte di cui campa la scienza economica neoclassica, sarebbe che la gravità del bisogno si ripercuote in intensità del desiderio, e l’intensità del desiderio si ripercuote in innalzamento dell’offerta (della disponibilità a pagare).

Ergo, chi ha più bisogno di mascherine, o Amuchina o altro finirà per offrire di più e portarsele a casa.

Ovviamente, chiunque non abbia appaltato il cervello per esperimenti in vivo, capisce subito che il mercato NON esamina i ‘gradi di bisogno’, e che NON ci si reca in farmacia o altrove, con attestati o cestini di bisogno.
Ciò cui il mercato è interessato è solo la DOMANDA REALE, non quella ‘psicologica’ o ‘fisiologica’, e la domanda reale è dettata da chi ha il denaro per fare l’acquisto. E se ha abbastanza denaro per acquistare un ettolitro di Amuchina solo per il piacere di pulire la piscina, a ciò il mercato è del tutto cieco. (Il presupposto ideale che renderebbe la variabile ‘bisogno soggettivo’ determinante è l’esistenza di una distribuzione uniforme dei redditi; quanto questo dato abbia a che fare con la realtà può giudicarlo ciascuno da sé.)

2) Chi parla in questi casi di ‘razionalità’ fa parte di quella significativa parte della popolazione che, vittima di una dieta unilaterale a studi economici, ha introiettato l’idea che la cosiddetta ‘razionalità economica’ sia una forma di ragione umana.
Naturalmente sul piano proprio della stessa razionalità il comportamento più razionale di chi abbia bisogno di X, e non possieda il denaro per accedervi, è di munirsi di un bastone nodoso e abbattere, in un angolo buio, il detentore di X, appropriandosene senz’altro.

Per grande fortuna dei detentori di capitale, e dei loro intellettuali accademici di riferimento, la maggior parte delle persone non ragiona secondo i parametri dell’Homo Oeconomicus.

3) Una nota infine a chi parla a proposito di queste come di altre ferree leggi dell’economia’ in termini di ‘leggi di natura’. Ecco, chi fa questi discorsi è talmente interno al sistema, da non riuscire più nemmeno ad immaginare che qualcosa possa esistere all’esterno.

La “naturalità delle ferree leggi del mercato” è la stessa ‘naturalità’ di consegnare sette vergini in pasto al Minotauro, o di torturare e squartare sulla pubblica piazza i tentati regicidi, o di fucilare dieci civili per ogni soldato tedesco ucciso.
E’ la naturalità di qualcosa che, nel contesto dato, abbiamo buone ragioni di credere che accadrà.

E che tuttavia qualunque possessore di ragione umana, a dispetto di ogni ‘razionalità economica’, continuerà a ritenere ributtante.

di Andrea Zhok (Professore di Filosofia Morale all’Università di Milano)

https://www.lantidiplomatico.it/dettnews-coronavirus_la_bocconi_e_il_libero_mercato_perch_non_dimentichiate/11_33265/

 

Bruce Aylward, OMS: “l’unico esempio di successo per contenere il Covid-19, è proprio quello cinese”

Bruce Aylward, team leader dell’OMS, afferma che lo sforzo di contenimento del coronavirus in Cina, evidenziando anche l’applicazione della tecnologia 5G nelle aree remote del paese asiatico

Bruce Aylward, team leader delle missione congiunta Organizzazione Mondiale Sanità e Cina, ha elogiato le misure intraprese da Pechino per arginare la diffusione del Coronavirus.

“Di fronte ad una malattia di cui non si sapeva nulla, la Cina ha adottato una delle strategie più antiche per il controllo delle malattie infettive. Ed ha messo in pratica, probabilmente, il più ambizioso controllo nella Storia di una malattia agile e aggressiva”, ha dichiarato Aylward.

Video New China TV

Ha poi spiegato mostrando un grafico: “Ecco, quando guardate sulla curva della differenza tra ciò che poteva essere e ciò che attualmente è, vi renderete conto che centinaia di migliaia di cinesi hanno tratto beneficio da questo incredibile sforzo”.

Il rappresentante dell’OMS ha concluso affermando che “l’unico esempio di successo che conosciamo, per contenere il Covid-19, è proprio quello cinese”

https://www.lantidiplomatico.it/dettnews-video_bruce_aylward_oms_elogia_le_misure_della_cina_lunico_esempio_di_successo_per_contenere_il_covid19__proprio_quello_cinese/82_33266/

 

Speciale PandoraTV – Da oggi si decide la sorte di Julian Assange

Nel silenzio di tutti i media, il fondatore di Wikileaks affronta l’offensiva di quattro Stati — Gran Bretagna, Stati Uniti, Svezia, Ecuador — che hanno preso su di loro la vergogna di perseguitare un uomo che ha rivelato al mondo la verità dei loro misfatti. Read More “Speciale PandoraTV – Da oggi si decide la sorte di Julian Assange”

Unione Inquilini propone emendamento a decreto emergenza Coronavirus

Corona virus: “Siano sospese le esecuzioni di sfratto comunque motivati e delle esecuzioni di esproprio  a causa di pignoramento da parte degli istituti di credito nelle Regioni interessate da contagi di corona virus. Unione Inquilini propone emendamento al decreto legge 23 febbraio 2020”    Nota della Segreteria Nazionale Unione Inquilini.

Alla Camera dei deputati è in discussione il decreto legge 23 f4ebbraio 2020, n 6 relativo a interventi in materia di contenimento e gestione dell’emergenza da COVID-19.

In tale contesto l’Unione Inquilini ha oggi inviato ai gruppi parlamentari una proposta di emendamento affinchè tra le misure da prendere sia prevista anche la possiblità di sospendere l’esecuzione degli sfratti e degli espropri forzosi a seguito di pignoramento da parte degli istituti di credito.

Sarebbe grave che nelle Regioni e nei comuni interessati si possano attuare misure straordinarie mentre al contempo si continuano ad eseguire sfratti ed espropri mettendo le famiglie in strada con la forza pubblica, senza passaggio da casa a casa, mettendo queste famiglie spesso composte anche da minori, o anziani o persone disabili, in serio pericolo per la loro salute.

Sarebbe un segnale importante che alla Camera dei Deputati fosse presentato un emendamento di sospensione degli sfratti comunque motivati e degli espropri a seguito di pignoramento da parte degli istituti di credito.

A tal fine proponiamo una bozza di  emendamento:

ac 2402
Art. 1
al comma 1  aggiungere la lettera p) con il seguente testo:
“p) sospensione delle esecuzioni degli sfratti con l’ausilio della forza pubblica, comunque motivati nonchè delle esecuzioni forzose degli espropri a seguito di pignoramento da parte di istituti di credito.
Segreteria Nazionale Unione Inquilini

Unione Inquilini

Segreteria Nazionale

Via Cavour 101 – 00184 Roma
Tel. 064745711
Facebook: Unione Inquilini Notizie
Roma 25 febbraio 2020

Down, dove ci porta il cuore

Superando.it

La storia del viaggio controcorrente di un pediatra – Bruno Marino – e dei suo colleghi dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù di Roma, i quali molto tempo fa credettero che curare il cuore di bambini con sindrome di Down fosse possibile, a patto di fare diagnosi subito e di intervenire entro pochi mesi dalla nascita: questo racconta il noto pediatra ematologo Paolo Cornaglia Ferraris nel suo libro di recente uscita, intitolato “Down, dove ci porta il cuore”
(continua…)

La riabilitazione che passa dall’alleanza tra operatori, pazienti e familiari
«È solo grazie all’alleanza tra operatori, paziente e familiari che è possibile immaginare un percorso riabilitativo efficace»: a dirlo è Pamela Salucci, che dirige l’Unità Operativa Gravi Cerebrolesioni Acquisite all’Istituto Riabilitativo Montecatone di Imola (Bologna) ed è su queste basi che è recentemente nato, presso tale struttura, un ambulatorio multispecialistico per la valutazione e il trattamento dei disturbi muscolo scheletrici secondari a grave cerebrolesione acquisita o mielolesione, spesso causa secondaria di limitazione funzionale e di disabilità
(continua…)

Le nuove Linee Guida per l’accessibilità di siti e app degli Enti Pubblici
Un altro passo è stato fatto nell’iter italiano per il recepimento della Direttiva Comunitaria del 2016, riguardante l’accessibilità dei siti web e delle applicazioni mobili degli Enti Pubblici. È del 9 gennaio scorso, infatti, la pubblicazione da parte dell’AGID (Agenzia per l’Italia Digitale) delle “Linee Guida sull’accessibilità degli strumenti informatici”, contenenti indicazioni rivolte alle Amministrazioni, con l’obiettivo di migliorare l’accessibilità degli strumenti informatici, compresi appunto i siti web e le applicazioni mobili. Vediamo tutte le novità nel dettaglio
(continua…)

Chiediamo modifiche a quel Disegno di Legge sulla vita indipendente
«Ci sono gravi “retromarce” rispetto al testo concordato in precedenza in un Tavolo Tecnico con le nostre Associazioni. Per questo chiediamo alcune modifiche, per arrivare a una legge che sancisca davvero il diritto esigibile delle persone con disabilità grave a vivere una vita indipendente»: lo scrivono in una lettera appello rivolta a tutti i rappresentanti istituzionali della Regione Puglia, le organizzazioni ENIL Puglia, FISH Puglia, ANFFAS Puglia e la Rete A.Ma.Re Puglia, a proposito del Disegno di Legge Regionale sulla vita indipendente approvato nei giorni scorsi
(continua…)

Duchenne e Becker: annullata la Conferenza Internazionale
Come viene comunicato dall’Associazione Parent Project, la diciottesima Conferenza Internazionale sulla distrofia muscolare di Duchenne e Becker, promossa a Roma, per le giornate dal 28 febbraio al 1° marzo, e della quale avevamo riferito in altra parte del giornale, è stata annullata, «data la situazione attuale di allerta legata al Coronavirus – CODIV-19, tenendo conto, in primis, della necessità di tutelare la salute di tutti i partecipanti, a partire dai giovani pazienti con Duchenne e Becker e dai loro familiari stretti»
(continua…)

Prima i Diritti, poi il Bilancio: un altro provvedimento che parla chiaro
«È la garanzia dei diritti incomprimibili ad incidere sul bilancio e non l’equilibrio di questo a condizionarne la doverosa erogazione»: lo ha stabilito una recente Ordinanza prodotta dal Tribunale di Catania, riconoscendo la condotta discriminatoria nei confronti di un alunno con disabilità posta in essere dall’Ente Locale che aveva inizialmente omesso l’assegnazione di un assistente per l’autonomia e la comunicazione per 24 ore settimanali, come previsto dal PEI (Piano Educativo Individualizzato) e che successivamente aveva assegnato l’assistenza specialistica per sole 6 ore alla settimana
(continua…)