Neuropsichiatra alla Corte di Londra: Assange è ad alto rischio suicidio se verrà estradato negli USA

L’editore di WikiLeaks, che rischia fino a 175 anni di carcere per il suo ruolo nell’ottenere e pubblicare documenti statunitensi classificati, è prigioniero nel, carcere di massima sicurezza di Belmarsh da quando è stato rimosso dall’ambasciata ecuadoriana l’11 aprile 2019.

L’editore di WikiLeaks Julian Assange è a “altissimo rischio di suicidio” se dovesse avvenire l’estradizione negli Stati Uniti, e il rischio di suicidio “deriva direttamente dal disturbo psichiatrico di Assange”, ha dichiarato davanti all’Old Bailey, oggi, il Neuropsichiatra Michael Kopelman.

Il signor Assange ha una storia di depressione clinica, secondo il medico, capo della sezione di neuropsichiatria al Kings College di Londra, spiegando le sue diagnosi sullo stato mentale del signor Assange durante uno straziante esame capo condotto dall’avvocato difensore Ed Fitzgerald QC.

Il professor Kopelman ha detto di aver sempre qualificato le sue affermazioni “per quanto può dire uno psichiatra”, osservando che il rischio di suicidio in caso di estradizione avvenuta o diventi imminente sarebbe “molto alto”. Ha anche notato che c’è “un’abbondanza di fattori di rischio nel suo caso”, così come gli alti tassi di suicidio dei pazienti in isolamento nelle carceri statunitensi.

Il professore, che ha detto di aver condotto una diagnosi “vecchio stile” sul paziente, ha valutato un “disturbo depressivo ricorrente con prominente ideazione suicidaria” che è diventato “più grave durante il blocco” e che ha trovato prove che suggeriscono “una genetica predisposizione “alla depressione clinica. Il signor Assange ha una storia di autolesionismo, con due parenti stretti che si sono tolti la vita, è stato riferito davanti alla corte.

“È vero che non possiamo sommarli e fare una previsione matematica del suo rischio di suicidio, tutto ciò che possiamo fare è notare che ci sono un’abbondanza di fattori di rischio noti nel caso di Assange”, ha spiegato il professor Kopelman.

La corte ha anche sentito che il signor Assange aveva assunto vari farmaci per alleviare i suoi sintomi.

L’accusa, rappresentata da James Lewis, ritiene che Assange stia esagerando o fingendo i suoi sintomi.
Secondo Lewis , durante l’interrogatorio per l’accusa, esaminando la base delle valutazioni del professor Kopelman e chiedendo se fosse basato sulla classificazione statistica internazionale delle malattie ICD dell’Organizzazione mondiale della sanità.

Il professore ha chiarito che “non era un grande fan” di quelli che chiama libri insanguinati”, come l’ICD o il Manuale diagnostico e statistico.

Ha notato che di solito dà la sua diagnosi clinica e poi dice “qual è l’equivalente in ICD”.

“Ho fatto parte di un paio di comitati ICD-11 e devo dire che è un’organizzazione molto politica e avete un comitato che definisce i criteri di diagnosi”, ha aggiunto il professore, dicendo che “alcuni sono migliori di altri”.

Sono state sollevate alcune domande circa le qualifiche del professore, che negli ultimi tre decenni ha testimoniato in tribunale sia per la difesa che per l’accusa.

Il professor Kopelman ha definito “un po’ esagerato” il fatto che la sua esperienza sia stata messa in discussione dato che recentemente proprio Lewis desiderava assicurarsi la sua competenza come testimone esperto in un caso separato, fatto che ha provocato risate in tribunale. Il giudice ha anche notato che Lewis ha avuto poche risposte su questo punto.

Il controinterrogatorio si è concentrato molto sul fatto che il signor Assange stesse fingendo o esagerando i sintomi e se il professore avesse le capacità per rilevare l’esagerazione o la falsità.

“Individuare esagerazioni e falsità” è “una parte importante” della neuropsicologia, ha chiarito il professore, aggiungendo che:”Ogni volta che sono stato in prigione, sono consapevole della possibilità di esagerare. Ogni volta.”

Il signor Lewis ha anche esaminato il rapporto del professore alla corte, chiedendogli perché alcune osservazioni nei fascicoli dei pazienti erano state escluse dal rapporto del tribunale e perché erano state menzionate altre dichiarazioni. Il signor Lewis ha continuato a sfidare il professore citando sezioni delle sue note mediche che a suo parere erano “incoerenti” con il rischio di suicidio e con la depressione clinica.

“Il mio riassunto delle note è più completo di qualsiasi rapporto psichiatrico disponibile”, ha insistito il professor Kopelman, aggiungendo: “Ho fatto del mio meglio” e osservando che il signor Lewis “troverà sempre cose” che secondo lui avrebbero dovuto essere incluse .

Assange potrebbe essere condannato fino a 175 anni di prigione se fosse condannato per tutte le accuse mosse contro di lui negli Stati Uniti. Le accuse riguardano quasi interamente il suo ruolo nella pubblicazione dei registri di guerra in Iraq e in Afghanistan , fascicoli sui detenuti di Guantanamo Bay e cablogrammi diplomatici che hanno rivelato crimini di guerra, nonché altre criminalità e abusi commessi dal governo degli Stati Uniti e dalle forze appoggiate dagli americani.

https://www.lantidiplomatico.it/dettnews-neuropsichiatra_alla_corte_di_londra_assange__ad_alto_rischio_suicidio_se_verr_estradato_negli_usa/82_37402/

 

--------------------------
Iscriviti al nostro canale Telegram
al nostro account Twitter
o visita la nostra pagina Facebook

--------------------------

Sharing - Condividi