“Socialismo o Barbarie confessa Trump”

Socialismo o Barbarie confessa Trump

Socialismo o Barbarie confessa Trump
di Giorgio Cremaschi

Nel suo discorso elettorale alla convenzione del suo partito Donald Trump, dopo aver chiamato alle armi la peggiore feccia fasciorazzista del paese, dai suprematisti bianchi ai fanatici del libero mitragliatore in libera folla; dopo aver innalzato lo stendardo dei reazionari di ogni epoca: legge e ordine; dopo aver dato via libera ad una criminale diffusione senza sperimentazione del vaccino Covid ( a proposito che dicono i novax suoi fan); dopo aver assunto la rappresentanza dell’ America bianca ricca e rancorosa verso il mondo, il presidente USA ha lanciato il suo slogan centrale: la scelta è tra sogno americano e socialismo.

È vero, anche se il socialismo non è certo il burocrate incolore Biden. È vero che il “sogno americano” in realtà è un incubo razzista, violento, sfruttatore fondato sul dominio dei ricchi che imbrogliano tutti gli altri facendo credere che prima o poi toccherà anche a loro.

È vero che il capitalismo liberale è morto ucciso dalla sua stessa creatura, la globalizzazione, e che ora il solo capitalismo reale in campo, negli USA prima di tutto, è quello fascista e razzista.

È vero, la pandemia e la crisi sociale hanno posto l’umanità di fronte ad un bivio e negli USA del dominio assoluto del privato e dei soldi questo bivio è giunto prima. Comunque vadano le elezioni di novembre, l’alternativa nata nelle rivolte del popolo di Black lives matter contro la violenza razzista del sistema, quell’alternativa è posta e andrà avanti.

Come ha confessato Trump quell’alternativa è tra socialismo o sogno americano, cioè tra SOCIALISMO O BARBARIE.

Notizia del:

Estrattivismo pandemico

logo-comune

Newsletter

Estrattivismo pandemico. III parte

Estrattivismo pandemico. III parte
Dalla Cordigliera andina all’Amazzonia, il Perù è uno dei dieci paesi del mondo con il maggior tasso di bio-diversità. Chi specula sul virus lo sta trasformando legalmente in uno Stato di polizia minerario. La terza puntata di una grande inchiesta internazionale

Per la prima volta il mare

Per la prima volta il mare
Ci sono voluti ben 32 anni della sua esistenza perché Samah, giovane vedova, potesse scoprire che l’acqua del mare ha lo stesso sapore salato delle sue lacrime. Come lei, molte altre centinaia di palestinesi della Cisgiordania hanno visto, per la prima volta nella loro vita, qualche settimana fa le onde di una spiaggia. È quella di Jaffa, uno dei porti più antichi del mondo, oggi inglobato dall’espansione urbana di Tel Aviv. Quei palestinesi sono stati lasciati entrare “illegalmente” nella loro terra attraverso un passaggio nel muro dell’apartheid. Sulle ragioni di questa sorprendente “generosità” da parte delle autorità israeliane, ci sono molte e diverse ipotesi (Zeitun riporta qui quella argomentata da Shir Hever Nadia e Nasser-Najjab su MiddleEastEye). Quel sembra però purtroppo certo è che essa precede di poco una nuova ampia offensiva di guerra contro Gaza. Qui vi proponiamo, comunque, lo straordinario racconto (e le meravigliose immagini) di quella prima volta sulla spiaggia per tante persone che ha fatto Dareen Tatour, poetessa, fotografa e film-maker, cittadina israeliana della minoranza palestinese, condannata a tre anni di detenzione per aver scritto e fatto circolare una poesia: “Resist, My People, Resist Them”. Una testimonianza molto emozionante e davvero imperdibile per chi ha voglia di capire davvero quel che quasi mai le parole sono capaci di raccontare della tragedia che si consuma ogni giorno nella terra più amata

Per nominare l’innominabile

Per nominare l'innominabile
«Considerato “naturale” per la donna, tanto il generare la vita quanto averne cura (allevarla, crescerla, sostenerla materialmente e psicologicamente senza limiti di tempo) – scrive Lea Melandri – sembra impossibile pensare che la maternità riservi ostacoli, ripensamenti, ambivalenze inaspettate per la donna…». Viviana, Gioele e una quotidianità che si dà per scontata

Quando i matti divennero liberi

Quando i matti divennero liberi
Quarant’anni fa moriva Basaglia. Tutto è stato scritto, troppo è stato dimenticato

Il sogno di Maria Montessori

Il sogno di Maria Montessori
Centocinquanta anni fa nasceva Maria Montessori. Ha portato grandi rivoluzioni nel campo dell’educazione (a cominciare dal suo “aiutami a fare da solo”) perché era capace di grandi visioni. Già nel 1936 quando il mondo stava per precipitare nella catastrofe della seconda guerra mondiale, sosteneva come non avessero più ragione di esistere le singole nazioni con i loro confini

La scuola del territorio

La scuola del territorio
Ci sono almeno due cose da non fare a pochi giorni dall’inizio dell’anno scolastico: usare l’espressione distanziamento sociale e parlare di programmi da recuperare. Tra quelle da fare? Immaginare e sperimentare una scuola fuori dalle aule: visitare fabbriche, fare lezione nei cortili e nei parchi, imparare a fare il pane in un forno, fare un giornale con e per il territorio… Già, “un territorio che va conosciuto, amato, coccolato, protetto – scrivono Maristella Borlenghi e Roberto Lovattini, insegnanti – e che ci dà la possibilità di tanti lavori interdisciplinari”

Ascolto, ricerca e utopia

Ascolto, ricerca e utopia
Verso il 26 settembre di Priorità alla Scuola

Scuola, bellezza e territorio

Scuola, bellezza e territorio
Possiamo pensare la scuola come luogo di stupore e pensiero critico
benvenutiovunque-4
Benvenuti ovunque, testata interna a Comune, dedicata al migrare e all’affermazione della libertà di movimento, è curata con la Rete dei Comuni Solidali. È possibile iscriversi alla Newsletter di Benvenuti ovunque cliccando qui

Una politica per l’Antropocene

Una politica per l’Antropocene
Abbiamo bisogno di un immaginario comune, di una cosmovisione

Se s’incendia il Chiapas

Se s'incendia il Chiapas
La guerra a bassa intensità contro gli zapatisti vicina a un cambio di passo
facebook twitter instagram

Notizie da Pressenza IPA: [Honduras] Non esiste società che si possa costruire sulla base dell’oblio e dell’impunità

Pressenza

Notizie da Pressenza IPA – 01.09.2020

[Honduras] Non esiste società che si possa costruire sulla base dell’oblio e dell’impunità

Giorgio Trucchi, Managua, Nicaragua

Pressenza

America Centrale, Diritti Umani

Gli eco-attivisti di XR contro la ExxonMobil

The Ecologist

Pressenza

Ecologia ed Ambiente, Europa

Sgombero campo Rom di Torino: qual è il punto di vista delle persone Rom?

Fabrizio Maffioletti, Torino

Pressenza

Diritti Umani, Europa, Interviste, Migranti, Politica

Cambiamento del ciclo lunare del Popolo Nazione Charrúa e interculturalità

Annalisa Pensiero, Ciudad de Buenos Aires, Argentina

Pressenza

Popoli originari, Sud America

Jacob Blake, preso a colpi di pistola dalla polizia

Amy Goodman, New York City

Pressenza

Diversità, Nord America, Opinioni

Bolivia e Honduras: la storia si ripete

Verónica Zapata, La Paz, Bolivia

Pressenza

Politica, Questioni internazionali, Sud America

Segreti commerciali e catastrofe climatica

The Ecologist

Pressenza

Ecologia ed Ambiente, Economia, Opinioni, Politica

Il momento della verità della geotermia elettrica

Redazione Italia

Pressenza

Comunicati Stampa, Ecologia ed Ambiente, Europa

La società della cura: l’università estiva di Attac 2020

Attac Italia, Cecina Mare (LI)

Pressenza

Comunicati Stampa, Europa, Politica

Tribunale di Roma accoglie tesi Unione Inquilini, non si sfratta chi non ha ricevuto ammortizzatori sociali

Redazione Roma, Roma

Pressenza

Comunicati Stampa, Diritti Umani, Europa

Pressenza Agenzia stampa internazionale per la pace, la nonviolenza, l’umanesimo e la nondiscriminazione con sedi a Atene, Barcellona, Berlino, Bordeaux, Bruxelles, Budapest, Buenos Aires, Firenze, Madrid, Manila, Mar del Plata, Milano, Monaco di Baviera, Lima, Londra, New York, Parigi, Porto, Quito, Roma, Santiago, Sao Paulo, Torino, Valencia e Vienna.
Pressenza Facebook Pressenza Twitter Pressenza Youtube
Annullare l’iscrizione

[Superando.it] Gli articoli di oggi – 1 settembre 2020

La necessità di mantenere alta l’attenzione sulle Malattie Rare
In uno scenario come quello della pandemia da coronavirus, in cui i problemi dei Malati Rari sono aumentati in modo esponenziale e con il rischio concreto, riguardante anche il mondo della ricerca, che le Malattie Rare passino del tutto in secondo piano, l’Intergruppo Parlamentare delle Malattie Rare ha deciso di elaborare – in un documento condiviso da una rappresentanza ampia e competente di Associazioni – una “Relazione programmatica” sul tema, che verrà presentata il 9 settembre, durante una conferenza stampa online, realizzata in collaborazione con l’OMAR (Osservatorio Malattie Rare)
(continua…)

Un taxi gratuito, via terra e… via mare
«Via terra e via mare, per il tempo libero, la vacanza, lo sport oppure anche solo per fare shopping: “Tassibile” è tutto quello che può fare un taxi, ma lo fa gratuitamente, e anche via mare!»: è stato lanciato così, dall’Associazione grossetana Tutto Possibile, il progetto “Tassibile”, consistente appunto in un servizio gratuito fornito da un pulmino attrezzato per ogni forma di disabilità, che copre il territorio della Provincia di Grosseto ed è completato da un’imbarcazione pure accessibile, che consente alle persone con disabilità di partecipare ad escursioni in mare
(continua…)

Risposte positive alla protesta sui farmaci salvavita per l’epilessia
Le positive risposte ricevute dal Ministero della Salute e dall’Agenzia Italiana del Farmaco sia sulle criticità riguardanti alcuni farmaci salvavita per l’epilessia, sia sulle proposte di soluzioni universalistiche concernenti altre patologie croniche e invalidanti, hanno portato la Presidenza dell’AICE (Associazione Italiana Contro l’Epilessia), affiancata dall’ANFFAS e dalle Società Scientifiche SINP e SINPIA, oltreché supportata dalle Federazioni FAND e FISH, a sospendere la propria iniziativa di sciopero della fame
(continua…)

Prestigioso premio internazionale per il cortometraggio della FISH “O L T R E”
«Un cortometraggio rivolto soprattutto a chi di disabilità ne sa poco o nulla e che magari pensa ad una condizione inconciliabile con il lavoro»: così la FISH (Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap), che lo aveva prodotto nell’àmbito del progetto “JobLab”, aveva presentato il cortometraggio di Ari Takahashi “O L T R E – oltre il pregiudizio / oltre la disabilità”. E oggi quel cortometraggio ha vinto ben due Premi al Merito, con tanto di menzione speciale, all’“Accolade Global Film Competition” di Los Angeles, concorso internazionale quanto mai prestigioso
(continua…)

Stage lavorativi a Barcellona, per ventisei giovani con sindrome di Down
È stato approvato il nuovo progetto targato AIPD (Associazione Italiana Persone Down), denominato “Lavorando per lavorare”, che durerà ventiquattro mesi, prevedendo flussi di stage lavorativi di tre settimane nel settore alberghiero per ventisei giovani con sindrome di Down accompagnati dagli educatori delle loro tredici Sezioni AIPD di appartenenza. Gli stage si svolgeranno in Spagna, a Barcellona, presso l’Ostello Inout dell’Associazione Icaria Iniciatives Socials e partiranno dopo il mese di ottobre
(continua…)

Quelle persone con disabilità devono ricevere tutte l’Assegno di Cura
«In realtà non è affatto risolta la lunga vicenda di quell’Ambito Sociale della Campania in cui da tempo le persone con disabilità non ricevono l’Assegno di Cura. Le persone beneficiarie, infatti, dovrebbero essere quarantanove, mentre solo per ventitré di loro si sta procedendo alla liquidazione di quanto dovuto»: a denunciarlo è la Federazione FISH Campania, il cui presidente Romano garantisce l’impegno della propria organizzazione, «fino a quando tutte le persone con disabilità non avranno ricevuto l’Assegno di Cura»
(continua…)

Una campagna sulle discriminazioni multiple delle donne con disabilità
Nell’àmbito della più ampia iniziativa denominata “Violenza sulle donne. In che Stato siamo?”, l’organizzazione D.i.Re (Donne in rete contro la violenza) ha lanciato una nuova campagna di sensibilizzazione centrata sul tema “Donne con disabilità e discriminazioni multiple”, iniziativa rivolta alla popolazione e alle Istruzioni, che si protrarrà fino all’8 marzo del prossimo anno
(continua…)

Per una scuola nuova, che sia come un “vestito su misura”
«Attendiamo con fiducia la ripresa della scuola a settembre – scrive Edda Calligaris, presidente dell’ANFAMIV (Associazione Nazionale delle Famiglie dei Minorati Visivi) -, immaginando che la riflessione su quanto è accaduto, nel male e nel bene, dia frutti che ci pongano di fronte a una scuola nuova, dove i bambini e i ragazzi con disabilità siano posti in primo piano, una realtà che sia come un “vestito su misura”, capace di informare formando e soprattutto di educare (ossia di “portare fuori”), di attivare le risorse palesi e nascoste che si trovano dentro ogni bambino o ragazzo»
(continua…)

È inaccettabile risparmiare su quei dispositivi medici salvavita
Le Associazioni FINCOPP e AIMAR, insieme ad altre organizzazioni e a tante persone costrette al cateterismo a intermittenza, ritengono inaccettabile la gara di appalto al ribasso indetta dalla Regione Lazio, per fornire cateteri vescicali a migliaia di persone con disabilità che utilizzano tali presìdi salvavita. In tal modo, infatti, l’operatore che vincerà l’appalto avrà il monopolio di fornitura per quarantotto mesi, e per le persone non sarà più possibile avere la libera scelta del catetere ritenuto migliore
(continua…)