Assad: Trump ha il merito di aver svelato il vero volto del regime americano

l presidente siriano Bashar al-Assad ha rilasciato un’intervista alla stazione televisiva russa Zvezda, realizzata dalla giornalista Olga Belova. Di seguito il testo completo.

 

Per la diffusione, si prega di citare la Traduzione de L’AntiDiplomatico

Giornalista: Signor Presidente, grazie mille per averci dato questa opportunità e per averci incontrato. Siamo qui in Siria nel quinto anniversario dell’inizio delle operazioni militari russe sui territori del vostro Paese, l’operazione che mirava a liberare la Siria dal terrorismo. Ecco perché vogliamo discuterne con lei e riassumere i risultati di questi eventi.

Presidente Assad: Siete i benvenuti in Siria. È un piacere incontrarvi oggi e rilasciare questa intervista alla vostra rispettabile stazione televisiva.

Domanda 1: Signor Presidente, se guardiamo indietro agli eventi accaduti cinque anni fa, come descrive la situazione in Siria nel 2015? Allora sperava di ricevere un aiuto esterno?

Presidente Assad: Per riassumere la situazione in quel momento, posso dire che era molto pericolosa. I terroristi stavano avanzando in diverse regioni della Siria e occupando città, con il sostegno diretto di Stati Uniti, Francia, Regno Unito, Qatar e Arabia Saudita; oltre al sostegno indiretto di altri paesi occidentali.

Questa pericolosa situazione in Siria è stata oggetto di discussioni tra noi e la leadership militare e politica russa, in particolare dopo il 2014, quando l’ISIS ha iniziato a operare e ad occupare vaste aree nel deserto siriano. Naturalmente speravamo di ricevere aiuto per una serie di motivi. In primo luogo, la posizione politica della Siria è importante e di conseguenza qualsiasi problema in questa regione si diffonderà in tutto il Medio Oriente e interesserà anche altre regioni. La lotta per la conquista della Siria risale alla notte dei tempi per la sua importanza, non è una novità. L’altro motivo è che il terrorismo, che la Siria sta combattendo, è lo stesso terrorismo che ha rapito i bambini della scuola di Beslan nel 2004, ed è lo stesso terrorismo che ha attaccato il teatro di Mosca e ucciso persone innocenti.

Domanda 2: Se confrontiamo la situazione che esisteva cinque anni fa con la situazione attuale, qual è la sua valutazione di ciò che sta facendo la Russia, del ruolo del Ministero della Difesa e di ciò che stanno facendo le truppe russe, che operano qui negli ultimi cinque anni in prima linea nella guerra al terrorismo?

Presidente Assad: Non c’è dubbio che l’esercito russo sia tecnicamente molto avanzato, questo è stato dimostrato ed è diventato evidente durante la guerra. È inoltre altamente professionale, nell’individuare con precisione i propri obiettivi e nel procedere con determinazione per raggiungerli. Per quanto riguarda il personale militare russo con cui ci siamo impegnati a tutti i livelli, dagli ufficiali ai soldati, hanno lavorato incessantemente; per esempio, quando le battaglie erano feroci, i piloti russi iniziavano i loro raid aerei alle tre del mattino, prima dell’alba, ed a volte continuavano fino a tarda notte. Non avevano tempo per riposare. L’esercito russo ha ovviamente fatto dei sacrifici, alcuni dei suoi membri sono stati uccisi in territorio siriano.

Il Ministero della Difesa russo – che è l’ombrello sotto il quale operano questi combattenti – nella sua capacità militare e politica, ha mostrato un grande grado di credibilità. Sarebbe stato difficile portare a termine queste operazioni militari congiunte tra i nostri due eserciti, se non fosse stato per la credibilità del Ministero della Difesa russo che è stata resa evidente dalla loro trasparenza, chiarezza e integrità in tutto ciò che abbiamo concordato e implementato insieme durante il negli ultimi cinque anni. Questo riassume le impressioni di molti militari siriani nelle loro relazioni con le loro controparti russe. Vorrei aggiungere un ultimo punto: il popolo russo è sempre stato orgoglioso del proprio esercito, ma dopo tutte queste battaglie ha tutto il diritto di essere ancora più orgoglioso dei loro grandi risultati.

Domanda 3: Grazie mille per queste parole. Torniamo alla cooperazione tra l’esercito russo e quello siriano. Da quando ne abbiamo parlato, anche l’esercito siriano è cambiato molto negli ultimi cinque anni. Quali sono le aree di competenza che gli esperti siriani, l’esercito siriano, hanno acquisito attraverso la loro interazione con l’esercito russo e il ministero della Difesa russo?

Presidente Assad: Non c’è dubbio che l’esercito russo possiede una vasta gamma di competenze. Ciò risale alla Grande Guerra Patriottica durante la quale acquisì competenze militari in una guerra convenzionale, oltre a quelle acquisite durante la guerra cecena. Quella è stata una guerra non convenzionale e simile a quella che stiamo combattendo oggi, nel senso che è stata sostenuta da potenze straniere per indebolire la Russia e forse anche con l’obiettivo di dividerla. Coinvolgeva gruppi terroristici che apparivano in diverse forme come cellule dormienti; tutto nella guerra cecena non era convenzionale.

Abbiamo anche noi molta esperienza, anche se diversa. La nostra esperienza nella lotta al terrorismo risale alla seconda metà degli anni ’70 ed è proseguita nei primi anni ’80; è stata anche una lotta contro gruppi terroristici estremisti. Tuttavia, la guerra che stiamo combattendo attualmente è simile alla guerra in Cecenia in quanto non convenzionale e supportata da potenze straniere; sono meno di un esercito ma più che cellule dormienti.

Pertanto, la fusione delle competenze russe e siriane nella gestione del terrorismo è stata senza dubbio molto importante, soprattutto perché durante questo periodo (ultimi cinque anni) i terroristi hanno sviluppato le loro tecniche in modi che esulano dalla nostra competenza. Ciò significa che ci sono lezioni da cui entrambi gli eserciti possono imparare nell’affrontare il terrorismo. È sicuro dire che militarmente è stata un’esperienza molto ricca; e poiché il terrorismo non è cessato, ci sono sempre nuove lezioni da imparare, soprattutto perché nessuna battaglia è la stessa. Non c’è dubbio che mettere insieme la vasta esperienza e competenza sia dell’esercito siriano che di quello russo si è rivelato molto utile, specialmente per noi in Siria.

Domanda 4: Sa che alla fine ci sono somiglianze tra i nostri due paesi in molti modi. La Siria è stata per molti secoli al crocevia degli interessi di diversi paesi, o diciamo di diverse potenze. Anche la Russia, nel corso della sua storia, ha combattuto molte guerre. Ma non abbiamo mai iniziato una guerra. Il nemico è sempre venuto da noi. Il nostro paese celebra quest’anno il 75° anniversario della vittoria nella Grande Guerra Patriottica. In quella guerra, che ebbe un orribile impatto sul popolo russo, il punto di svolta fu la battaglia per Stalingrado, dopodiché iniziò l’offensiva verso ovest. Siamo riusciti a espellere (scusatemi per l’espressione) i fascisti dal nostro paese. Possiamo paragonarlo a quello che è successo al popolo siriano, intendo la battaglia per liberare Aleppo, che è spesso descritta come la Stalingrado siriana. Qual è l’impatto della liberazione di Aleppo sul processo di liberazione della Siria dal terrorismo?

Presidente Assad: Lei mi sta chiedendo di un momento molto importante nella guerra siriana: la battaglia per Aleppo. Il paragone che state facendo è familiare ai siriani perché Aleppo è stata assediata per più di due anni. Durante la maggior parte di quel tempo fu un assedio completo, dove era possibile portare derrate alimentari o beni di prima necessità, lo si faceva con grande rischio attraverso corridoi costantemente sotto il fuoco dei terroristi senza alcuna certezza di consegna. Non c’erano elettricità, acqua, rifornimenti di base; tuttavia, il popolo di Aleppo fu risoluto per tutta la battaglia.
Quindi, credo che l’importanza del confronto stia prima nell’assedio e anche nella fermezza del popolo. Quando hai parlato di Stalingrado, hai sottolineato la fermezza del popolo prima di menzionare la vittoria militare; in altre parole, senza la fermezza del popolo di Stalingrado, l’esercito russo non avrebbe potuto lanciare una grande offensiva. Lo stesso vale anche per la Siria; senza la fermezza del popolo di Aleppo, non sarebbe stato possibile per l’esercito siriano prepararsi a una battaglia così importante.

Per coincidenza, un ulteriore confronto è che a Stalingrado l’esercito continuò a muoversi verso ovest fino alla fine della seconda guerra mondiale. Anche ad Aleppo l’esercito si è mosso verso ovest; e per continuare il processo di liberazione verso Idleb, dobbiamo anche continuare a muoverci verso ovest.

Sia Aleppo che Damasco sono le due più grandi città siriane, quindi Aleppo ha un’importanza politica, economica e militare. Non c’è dubbio che in termini di esiti strategici la battaglia di Aleppo sia stata molto importante, indipendentemente dalla superficie o dal numero di combattenti. Il suo esito fu decisivo e cambiò il corso della guerra in Siria; e quindi, credo che militarmente e politicamente, la situazione dopo la battaglia di Aleppo, fosse molto diversa da quella prima della battaglia. Quindi, il confronto che ha fatto è corretto, tenendo conto ovviamente della differenza di superfici tra i due paesi.

Domanda 5: Questa battaglia ha avuto grandi dimensioni per la Siria e ha anche subito enormi perdite. Ha svolto un ruolo essenziale nel cambiare il corso degli eventi. Signor Presidente, sulla base dell’accordo firmato tra Russia e Siria nel suo paese, oggi ci sono due basi militari russe, Hmeimim e Tartous. Secondo lei, qual è il ruolo che queste due basi giocheranno nel fornire sicurezza in Siria oggi? E qual è il ruolo che giocheranno in futuro?

Presidente Assad: Il ruolo militare russo in Siria – in particolare il ruolo delle basi militari – può essere visto da due prospettive; il primo è combattere il terrorismo, che chiamiamo terrorismo internazionale. Questo finirà un giorno o almeno si indebolirà a causa delle continue battaglie per eliminarlo; quindi, cosa viene dopo questo terrorismo? L’altra prospettiva è legata al ruolo della Russia nel mondo. Oggi viviamo in una giungla internazionale; non viviamo secondo il diritto internazionale. Il motivo per cui viviamo in questa giungla è che per un quarto di secolo non c’è stato alcun equilibrio internazionale. L’equilibrio internazionale richiede un ruolo russo: politicamente – nelle organizzazioni internazionali e militarmente – attraverso le basi militari.
Come beneficiamo di questa situazione? La Siria, in quanto piccolo paese e come molti piccoli paesi, e forse anche la maggior parte dei paesi del mondo, trarranno tutti vantaggio da questo equilibrio internazionale. In questo senso, la Siria beneficerà indirettamente di questo nuovo equilibrio.

Pertanto, non dovremmo avere una visione ristretta della presenza russa per combattere solo il terrorismo, perché il periodo di tempo della base, o dell’accordo, è di 45 anni. Il terrorismo non continuerà ad esistere per 45 anni, quindi cosa viene dopo il terrorismo? C’è un importante ruolo russo necessario per l’equilibrio internazionale in cui la presenza militare in diverse parti del mondo gioca un ruolo essenziale. Naturalmente, quando l’Occidente abbandona l’uso della forza militare per creare problemi in tutto il mondo, la Russia potrebbe non aver bisogno di queste basi, ma per ora la Russia e il mondo hanno bisogno dell’equilibrio che ho menzionato.

Domanda 6: Signor Presidente, parliamo di coloro che violano e ignorano costantemente il diritto internazionale, e lei sa di chi sto parlando. È il presidente eletto della Repubblica araba siriana. Ha guidato la guerra al terrorismo. La legge è dalla sua parte e il popolo è con lei; tuttavia, sentiamo costantemente alcuni leader occidentali fare dichiarazioni negative come: “Assad deve andarsene”. Ricordiamo molto bene come ne ha parlato Barack Obama. Sfortunatamente, lo stesso viene ripetuto ora da Donald Trump. Recentemente è stato pubblicato negli Stati Uniti un libro, ‘Fear: Trump in the White House’, del famoso giornalista americano Bob Woodward, in cui afferma che nel 2017, dopo l’attacco missilistico alla Siria, Trump voleva assassinarla, e cito : “Ammazziamolo! Entriamo. Uccidiamoli tutti quanti.” Come commenta questo? Che cosa ha fatto? Perché la demonizzano?

Presidente Assad: Prima di tutto, riguardo alle dichiarazioni che chiedono sempre la rimozione del presidente: gli Stati Uniti sono abituati ad avere presidenti – diciamo, come agenti americani, nel senso che li nominano – e di conseguenza dicono loro: puoi restare. E quando il loro ruolo finisce, gli dicono: vattene. Ci sono abituati. Non sono uno di quei (presidenti) e di conseguenza tutte le dichiarazioni che fanno non ci riguardano affatto. Non ci danno fastidio e non ci preoccupiamo. Questo è un discorso americano rivolto agli americani stessi.

Domanda 7: Non è irritato dal disprezzo dell’Occidente per il suo rapporto con lei, che a volte può essere scortese?

Presidente Assad: No, no, perché è meno importante che giustificare la propria preoccupazione al riguardo e le spiego perché. Se guardiamo le recenti dichiarazioni di Trump citate nel libro menzionato, non sono né sorprendenti né nuove. La politica americana dalla Guerra Fredda, e anche dalla fine della Seconda Guerra Mondiale fino ad oggi, è una politica di egemonia, di colpo di stato, di assassinii e di guerre. Quindi, questo è normale, Trump non ha detto nulla di nuovo.

Al contrario, dobbiamo riconoscere che Trump ha un merito importante, che sta smascherando il regime americano. Per noi era già stato scoperto, ma si nascondeva dietro alcune belle maschere – come la democrazia, i diritti umani e altre cose simili. Trump è franco. Dice: “questo è quello che facciamo”. Quindi, anche se Trump non lo dice, dobbiamo sapere che fa parte della loro politica e parte del loro pensiero. Gli Stati Uniti non accettano partner nel mondo, e di conseguenza non accettano Stati indipendenti, anche in Occidente. L’Occidente è un satellite degli Stati Uniti, non il suo partner. Non sono indipendenti. Gli americani non accettano un individuo indipendente o uno stato indipendente. Non accettano nemmeno che la Russia, che è una superpotenza, sia indipendente. Non ti accettano nemmeno nella storia. Quindi, se non hanno accettato la Russia in passato, perché dovrebbero accettarla nel presente? E se non hanno accettato il grande stato russo come indipendente, accetterebbero la Siria, un paese più piccolo, come uno stato indipendente? Questo è il problema con gli americani: non accettano nessun individuo che agisce nel migliore interesse del suo paese, nessun individuo che si rispetti o mantenga una decisione nazionale indipendente.

Domanda 8: Sì, questa è un’altra somiglianza tra i nostri due paesi. Ebbene, possiamo parlare del processo di concessione dell’amnistia ai membri dei gruppi armati. Come sta andando il processo di riconciliazione tra gli oppositori? A luglio si sono svolte le elezioni parlamentari in cui ha vinto la coalizione di governo. Ci congratuliamo con lei per questo, ma è chiaro che il problema dell’opposizione è ancora lì.
Ricordo ancora quando si sono svolti i colloqui di Ginevra, rappresentanti del governo e dell’opposizione sono stati portati nelle sale delle riunioni da porte diverse, in modo che non litigassero tra loro. Come sta andando questo processo ora? Cosa c’è di nuovo nel comitato costituzionale? Qual è il ruolo dei mediatori internazionali in questo processo? Il ruolo delle Nazioni Unite? Qual è il ruolo della Russia? E di chi si fida personalmente in questo processo?

Presidente Assad: Per quanto riguarda i negoziati, la Russia e l’Iran svolgono un ruolo importante nel sostenere questi negoziati e nel portarli avanti per cercare di ottenere qualcosa, anche se parzialmente, perché i negoziati richiederanno molto tempo. Ma siamo sinceri. Quando parliamo di un altro partito che chiamiamo “opposizione” – e tu hai opposizione nel tuo paese – un prerequisito dell’opposizione è che dovrebbe essere patriottico, e dovrebbe provenire dall’interno del popolo russo e rappresentare almeno una parte di esso . Tuttavia, quando tu, come cittadino russo, sai che questa opposizione, o questo individuo, è collegato a un’agenzia di intelligence straniera, non li chiami opposizione, perché l’opposizione è legata al patriottismo.

Per quanto riguarda ciò che sta accadendo nei negoziati, c’è un partito sostenuto dal governo siriano perché ne rappresenta le opinioni. Tuttavia, c’è un altro partito che è stato scelto dalla Turchia, che non è un partito siriano. La Turchia, e quei paesi dietro di essa, come gli Stati Uniti e altri, non hanno alcun interesse a raggiungere risultati autentici nelle deliberazioni della commissione. Stanno cercando di indebolire e smantellare lo Stato; questo è esattamente quello che è successo in altre regioni dove gli Stati Uniti interferiscono e impongono una costituzione che porta a disordini e caos invece che stabilità.

Questo è qualcosa che non accettiamo e non negozieremo su cose che minano la stabilità della Siria. Ecco perché se vogliamo davvero che i negoziati producano risultati, tutti quegli individui devono prendere spunto da ciò che vuole il popolo siriano, nelle sue diverse sezioni e affiliazioni politiche. Credo che le prossime tornate di negoziati lo dimostreranno più chiaramente. Se il dialogo è inter siriano, avrà successo. Ma finché ci sono interferenze straniere, i negoziati non possono avere successo.

Domanda 9: Se non le dispiace, vorrei farle una serie di domande personali che hanno a che fare con il passato in un modo o nell’altro. Puoi dirci per favore se ha pensato, durante tutti gli orribili eventi che lei e il suo paese avete vissuto durante la guerra, di essere sospeso tra la vita e la morte? Ci hai pensato in qualsiasi momento?

Presidente Assad: Se lei fosse venuto a Damasco prima del 2018, ad esempio, saremmo rimasti seduti qui con le granate che cadevano intorno a noi di tanto in tanto. La morte era una probabilità per qualsiasi cittadino, chiunque camminava per strada o andava in autobus, in macchina, andava al lavoro o andava ovunque., poteva essere colpito da proiettili che avrebbero potuto causare morte o lesioni. Era una probabilità durante la guerra. Ma penso che gli esseri umani, per natura, siano in grado di adattarsi a questa situazione, in qualsiasi paese o luogo del mondo. Ecco perché la vita continuava a Damasco, e io personalmente andavo a lavorare tutti i giorni, non mi fermavo mai, nemmeno sotto i bombardamenti. Non c’era altra scelta. Non ci si può nascondere; altrimenti i terroristi avrebbero raggiunto i loro obiettivi. La nostra forza è che la vita è continuata. Ecco perché penso che con il passare del tempo, smetti di pensarci. Forse, diventa parte del tuo subconscio, ma non parte del tuo pensiero quotidiano; diventa qualcosa a cui ci si abitua.

Domanda 10: Guardando la sua vita oggi, come presidente di uno stato che guida la lotta al terrorismo, è la vita che ha immaginato in un certo momento avendo un diverso tipo di vita?

Presidente Assad: Questo terrorismo che stiamo vivendo oggi ci attacca dagli anni ’50. In ogni fase, ha sviluppato le sue tecniche. Negli anni ’50 creò il caos ma non era armato, negli anni ’60 iniziò ad armarsi. Negli anni ’70 e ’80 si è organizzato, e oggi questo stesso terrorismo ha sviluppato la sua tattica e ha ottenuto il sostegno politico, con il sostegno di paesi e banche.
Il nostro destino con il terrorismo esisteva anche prima che io, e così la maggior parte dei siriani, e quindi dovrebbe sempre rimanere nella nostra mente. Anche se sconfiggessimo questo terrorismo, dovremmo sempre pensare che potrebbe tornare. Per la semplice ragione che prima di tutto non si tratta di individui in quanto si tratta di ideologia; fintanto che l’Occidente continua a fare riferimento al suo passato coloniale e continua a pensare all’egemonia, è inevitabile che continui a riportare in vita questo terrorismo in altre forme. Dobbiamo pensare realisticamente che anche se fosse eliminato, potrebbe apparire in seguito in forme diverse. Ecco perché la battaglia per noi è contro l’ideologia terroristica prima che sia una battaglia contro i terroristi come individui; quando questa ideologia sarà eliminata, l’Occidente e i nemici della Siria non avranno più gli strumenti per resuscitarla.

Giornalista: Lo pensa?

Presidente Assad: Credo di sì, perché l’Occidente non cambierà nel prossimo futuro. E anche perché la guerra intellettuale è più difficile di una guerra militare e ci vuole più tempo per riabilitare ed equipaggiare le nuove generazioni con il giusto tipo di pensiero: con pensiero non estremista, pensiero non fanatico, con apertura mentale. Così come questa ideologia terroristica si è sviluppata dagli anni ’60; ci sono voluti 50 anni per raggiungere lo stadio in cui siamo. Non appare e non si diffonde in tutto il mondo dall’oggi al domani. Sono stati spesi centinaia di miliardi per stabilirlo e l’Occidente lo sostiene sin dai tempi del dominio britannico, anche prima della presenza americana. Hanno sostenuto l’estremismo religioso dall’inizio del XX secolo; quindi, per combattere c’è bisogno di tempo.

Giornalista: Speriamo per il meglio e che con l’aiuto di Dio e con apertura mentale vinceremo insieme. Signor Presidente, grazie per averci incontrato e per il tempo che ha dedicato a rispondere alle nostre domande. Permetteteci di augurare a voi e alla sua famiglia buona salute e benessere e augurare pace e prosperità alla Siria. Grazie.

Presidente Assad: Grazie; e colgo l’occasione per inviare i miei saluti, attraverso il vostro programma, alle famiglie dei combattenti russi in Siria. Come ho accennato all’inizio, il popolo russo è orgoglioso di ciò che il suo esercito ha realizzato in Siria, ma queste famiglie hanno certamente il diritto di essere ancora più orgogliose, di qualsiasi altro cittadino, delle grandi conquiste fatte dai loro figli in Siria; non solo hanno protetto il popolo siriano, ma hanno anche protetto le loro stesse famiglie ei loro compatrioti russi.

https://www.lantidiplomatico.it/dettnews-assad_trump_ha_il_merito_di_aver_svelato_il_vero_volto_del_regime_americano/82_37606/

 

--------------------------
Iscriviti al nostro canale Telegram
al nostro account Twitter
o visita la nostra pagina Facebook

--------------------------

Sharing - Condividi