Israele ha demolito 166.000 case palestinesi dal 1948, provocando 1 milione di sfollati

Lo ha rivelato il Palestinian Information Center, citando un rapporto del Land Research Center dell’Arab Studies Association.

 

Israele ha demolito 166.000 case palestinesi dal 1948, provocando 1 milione di sfollati

Israele ha demolito quasi 166.000 case palestinesi dal 1948, data della sua fondazione illegale, secondo un rapporto che aggiunge anche come circa un milione di palestinesi da allora sono stati sfollati a causa dell’occupazione.

Il Palestinian Information Center, citando un rapporto del Land Research Center dell’Arab Studies Association, ha rivelato ieri, attraverso una dichiarazione che il regime israeliano ha raso al suolo circa 165.690 case palestinesi dal 1948, e ha fatto sì che circa un milione di palestinesi siano stati soggetti a sfollamenti interni ed esterni.

“Durante i primi nove mesi dell’anno 2020, le forze di occupazione hanno demolito 450 case e strutture e hanno anche spinto alcuni palestinesi a demolire le loro case con le proprie mani”, ha aggiunto il centro.

La dichiarazione ha anche sottolineato che il regime israeliano aveva adottato la politica di limitare la costruzione da parte dei palestinesi e di costringerli a ricorrere alla costruzione delle loro case senza permessi.

Il centro ha ricordato che i palestinesi nella sola Gerusalemme occupata al-Quds hanno urgente bisogno di 25.000 unità residenziali.

Le autorità israeliane di solito demoliscono le case palestinesi nella Gerusalemme occupata al-Quds e altrove in Cisgiordania, sostenendo che le strutture sono state costruite senza permessi. A volte ordinano anche ai proprietari palestinesi di demolire le proprie case o di pagare le spese di demolizione al comune se non lo fanno.

Il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha annunciato che avvierà piani per l’annessione di più aree nella Cisgiordania occupata, in conformità con lo schema “patto del secolo” del presidente degli Stati Uniti Donald Trump, facendo infuriare ulteriormente i palestinesi.

Trump ha presentato ufficialmente il suo piano a gennaio alla Casa Bianca con Netanyahu dalla sua parte, mentre i rappresentanti palestinesi non erano stati invitati.

La proposta cede alle richieste di Israele per crea uno stato palestinese con un controllo limitato sulla propria sicurezza e sui propri confini, consacrando Gerusalemme al-Quds occupata come “capitale indivisa di Israele” e consentendo al regime di Tel Aviv di annettere insediamenti in Cisgiordania e nella Valle del Giordano.

La spinta illegale all’annessione di Israele ha attirato critiche diffuse dall’intera comunità internazionale, compresi i più stretti alleati del regime.

Le Nazioni Unite, l’Unione Europea e i principali paesi arabi hanno tutti affermato che l’annessione della Cisgiordania violerebbe il diritto internazionale e minerebbe le prospettive di stabilire uno stato palestinese sovrano ai confini del 1967.

I palestinesi vogliono la Cisgiordania come parte di un futuro stato palestinese indipendente con al-Quds a Gerusalemme est come capitale. Ma i piani aggressivi di espansione degli insediamenti e di annessione di Israele hanno inferto un duro colpo a qualsiasi prospettiva di pace.

Più di 600.000 israeliani vivono in oltre 230 insediamenti costruiti dall’occupazione israeliana del 1967 dei territori palestinesi della Cisgiordania e di Gerusalemme est al-Quds.

Tutti gli insediamenti israeliani sono illegali secondo il diritto internazionale.

https://www.lantidiplomatico.it/dettnews-israele_ha_demolito_166000_case_palestinesi_dal_1948_provocando_1_milione_di_sfollati/82_37645/

 

--------------------------
Iscriviti al nostro canale Telegram
al nostro account Twitter
o visita la nostra pagina Facebook

--------------------------

Sharing - Condividi