Luciano Vasapollo: “4 anni senza Fidel. La sua principale rivoluzione è stata l’educazione”

Fidel scrive: “Ho delle idee su cosa si può e si deve insegnare a un bambino. Ritengo che la mancanza di istruzione sia il danno maggiore che gli si possa fare”. Non mi stancherò di ripeterlo: tutto il marxismo ha una tradizione pedagogica, ma il posto che la cultura ha nella società cubana e venezuelana non si spiega solo con questo.

Fidel Castro è il Martí del XX secolo, così come Chavez è il Bolivar e entrambi rappresentano una delle fonti indispensabili del socialismo del XXI secolo. Il cuore politico e teorico dell’ALBA è l’integrazione bolivariana e martiana.

Una delle grandi capacità di Fidel è stata quella di costruire relazioni internazionali basate sull’esempio concreto della forza delle idee, della solidarietà attiva. Oggi la diplomazia cubana è tra le prime al mondo per la sua capacità di dialogare con soggetti che, ovviamente, non appartengono al campo socialista. Per questi motivi, approfondendo un aspetto della questione da cui siamo partiti, vive quel senso di dignità, di appartenenza, di orgoglio nazionale del popolo cubano.

È molto contestualizzato nell’evoluzione storica rivoluzionaria. Non può essere utilizzato indifferentemente in un paese imperialista o in un paese colonizzato. Cambia completamente il suo significato di classe. E lo dico tenendo conto delle pagine delle riflessioni grammciane dei Quaderni, del peso storico degli Stati e delle nazioni, delle differenze tra i popoli. Ma la strada nazionale, oggi, è solo una possibile premessa di una rottura rivoluzionaria, ma non l’orizzonte. Il punto non è, o meglio, non sono solo Bolivia o Venezuela, Cuba e Italia. Il vero punto è, ad esempio, ALBA come idea di transizione. Fidel e Chavez erano molto chiari su questo punto di costruzione politica nell’evoluzione storica.

In relazione a quanto detto ora, abbiamo riletto un importante discorso di Fidel, pronunciato a Caracas il 27 ottobre 2000. Si tratta di un discorso ufficiale, del Capo dello Stato, alla presenza di Hugo Chávez Frías, quello a noi, della cultura western, ci può sembrare un po ‘retorico. Sì, vorrei invitare coloro che studiano Comunicazione a fare un lavoro sul più straordinario comunicatore rivoluzionario che sia mai stato conosciuto, forse che sia mai esistito.

Il ragionamento è liberatorio e sano allo stesso tempo. Liberatore rispetto ai mistici del Soggetto; sano per costruire un pensiero adeguato al presente e con la capacità di parlare il linguaggio volgare del nostro tempo e di farsi capire dal soggetto sociale di riferimento. Chávez, da questo punto di vista, è stata la svolta del 21esimo secolo, dice Fidel, nello stesso discorso a Caracas: “Sono suo amico, e sono orgoglioso. Ammiro il tuo coraggio, la tua onestà e la tua chiara visione dei problemi del mondo di oggi e il ruolo straordinario che il Venezuela è chiamato a svolgere nell’unità latinoamericana e nella lotta dei paesi del Terzo mondo. Non lo dico ora che è presidente del Venezuela. Ho profetizzato chi ero quando ero ancora in prigione. Con la sua appassionante vittoria popolare quattro anni dopo – senza un centesimo, senza le abbondanti risorse delle vecchie cricche politiche le cui campagne ricevevano sussidi di favolose somme rubate al popolo – contando solo sulla forza delle sue idee, con la capacità di trasmetterle al popolo e con il sostegno di piccole organizzazioni delle forze più progressiste, ha schiacciato i suoi avversari. Si è presentata così un’opportunità straordinaria, non solo per il suo Paese, ma anche per il nostro emisfero ”.

Fidel ci racconta dunque la storia di una collaborazione sempre più stretta, di scambio di solidarietà, della guerra dei mass media subita sempre dal leader venezuelano, ecc. Ne abbiamo parlato in diversi libri e articoli, ed è anche dall’esperienza dell’ALBA che, come organizzazione politica, non crediamo nell’identificazione del partito rivoluzionario con il soggetto della rappresentanza politica delle classi subalterne. I tre fronti si avvicinano, ma ancora oggi non coincidono. Ecco perché, come Rete dei Comunisti, abbiamo in mente un partito dei quadri con una funzione di massa.

Le sfide del socialismo nel 21 ° secolo – e questo è ciò che affrontano le rivoluzioni a Cuba e in Venezuela, cioè le relazioni internazionali tra popoli e governi progressisti democratici e rivoluzionari, che si trovano ad affrontare un capitalismo aggressivo, combattendo contro una crisi strutturale di più di trent’anni e con l’elaborazione di una strategia sistematica di guerra imperialista – sono complesse, soprattutto perché è necessario riprendere – dopo il 1989 – il percorso di costruzione della società socialista in modo che i riferimenti internazionali scompaiano. I governi cubano e venezuelano hanno attuato misure molto avanzate di natura economico-sociale, egualitaria e universale oltre alle reali condizioni di sostenibilità della struttura economico-produttiva; ad esempio con una forte copertura previdenziale universale che ha garantito e tuttora garantisce lavoro per tutti, alloggio per tutti, istruzione e salute gratuite per tutti, sport gratuiti per tutti.

Va detto però che solo un gigante della storia, un autentico rivoluzionario, antidogmatico come Fidel, può immediatamente riconoscere le potenzialità rivoluzionarie dell’esperienza bolivariana, da cui intuisce, e gli eventi che seguirono gli diedero la ragione, la centralità del leader, di ciò che Antonio Gramsci nel suo articolo giovanile dedicato a Lenin ha condensato nella parola “Capo”.

Oggi per tutti noi socialisti rivoluzionari si tratta di indicare chiaramente una delle basi teoriche più profonde del pensiero antimperialista e delle prospettive socialiste. Un riferimento che riesce ad andare oltre la particolarità e la contingenza per affermarsi come fondamento di tutte le rivoluzioni antimperialiste che hanno la capacità e la forza di proporre il salvataggio della cultura, inserendola, come ci ha insegnato Mariátegui, in un progetto di integrazione internazionale che è alla base della transizione ALBA.

di Luciano Vasapollo – Faro di Roma

 

Luciano Vasapollo: “4 anni senza Fidel. La sua principale rivoluzione è stata l’educazione” – ALBA LATINA – L’Antidiplomatico

 

Sharing - Condividi