Bovini bloccati in mare per due mesi, OIPA chiede all’UE indagine urgente

Sono due le navi per trasporto di animali vivi a bordo delle quali centinaia di bovini sono bloccati da due mesi dopo essere stati rifiutati da più Paesi lungo il Mediterraneo per il timore che fossero infetti dal morbo della lingua blu.

 

https://www.oipa.org/italia/newsletteroipa/foto/elementi/oipaloghino.gif

Comunicato stampa
1 marzo 2021

BOVINI BLOCCATI IN MARE PER DUE MESI. OIPA INTERNATIONAL CHIEDE ALLA COMMISSIONE EUROPEA UN’INDAGINE URGENTE

Molti sono morti e i superstiti ora si avviano al’eutanasia. Oipa International: «Gli animali sono esseri senzienti, come riconosciuto dal Trattato di Lisbona. Basta trasporti di animali vivi destinati alla macellazione»

Sono due le navi per trasporto di animali vivi a bordo delle quali centinaia di bovini sono bloccati da due mesi dopo essere stati rifiutati da più Paesi lungo il Mediterraneo per il timore che fossero infetti dal morbo della lingua blu. Una delle due navi è attraccata a Cartagena in Spagna, ma i veterinari inviati dal Governo spagnolo hanno dichiarato gli 864 bovini ancora in vita non possono essere nuovamente trasportati, quindi per loro è stata disposta l’eutanasia. L’altra nave è ora al porto di Famagusta a Cipro.

L’Oipa International chiede alla Commissione europea di avviare un’indagine e sulla violazione del Regolamento europeo sui trasporti di animali. È evidente che le navi che trasportavano i bovini, partite entrambe dalla Spagna a dicembre e dirette in Turchia, non sono state in grado d’attuare un piano di emergenza e hanno costretto i poveri animali a vivere un inferno. Dalle prime ricostruzioni, molti animali sono morti di stenti e sono stati gettati in mare. Mentre i superstiti della nave ferma a Cartagena si avviano all’eutanasia, non si hanno ancora notizie certe sul destino degli animali della seconda nave.

Oipa International chiede, come molte altre associazioni, di porre fine all’esportazione di animali vivi, in quanto incompatibile con il principio di base del Trattato europeo di Lisbona, che all’art. 13 prevede che gli animali siano considerati “esseri senzienti”.

Testo dell’articolo 13 del Trattato di Lisbona: “Nella formulazione e nell’attuazione delle politiche dell’Unione nei settori dell’agricoltura, della pesca, dei trasporti, del mercato interno, della ricerca e sviluppo tecnologico e dello spazio, l’Unione e gli Stati membri tengono pienamente conto delle esigenze in materia di benessere degli animali in quanto esseri senzienti, rispettando nel contempo le disposizioni legislative o amministrative e le consuetudini degli Stati membri per quanto riguarda, in particolare, i riti religiosi, le tradizioni culturali e il patrimonio regionale”.

 


 

CASA DEGLI ORRORI SCOPERTA NEL MILANESE DALLE GUARDIE ZOOFILE DELL’OIPA. SEQUESTRATI OTTO CANI E TRE CONIGLI

Supportate dalla Polizia locale, le guardie zoofile dell’OIPA di Milano e Monza Brianza hanno sequestrato per detenzione non idonea otto cani e tre conigli a San Zenone al Lambro, nel milanese. La donna che li deteneva è stata sanzionata ai sensi della legge della Regione Lombardia n. 33/2009. Sei cani, due rottweiler, due amstaff e due meticci, erano in una situazione igienica di degrado, senza acqua e alcuni anche privi di riparo dalle intemperie. Ritrovati nell’appartamento in due piccoli box, anche due volpini italiani e due staffordshire bull terrier, oltre a tre conigli ariete e due chihuahua, questi ultimi, per fortuna, in un contesto accettabile.

CRIMINI QUOTIDIANI: MATERNITÀ VIOLATE E CUCCIOLATE LASCIATE MORIRE SENZA PIETÀ. AIUTA GLI ANGELI BLU DI TRAPANI

Dopo essere stata privata della maternità, Mamy, meticcia vagante nella zona commerciale di Castelvetrano, è stata ricongiunta con i suoi otto piccoli dai volontari dell’OIPA. La sua è una storia di grande crudeltà, che ha rischiato di compromettere la sua salute e la sopravvivenza dei cuccioli, una storia purtroppo simile a quella di tante altre cagnoline abbandonate non sterilizzate, già prossime al parto e di cucciolate buttate per strada senza pietà. Arrivati a quota 23 cuccioli, gli Angeli blu di Trapani sono in seria difficoltà. Ogni aiuto sarà sempre prezioso.

“E ORA SI CAMMINA”: LA GIOIA DI PEPE, MICINO RITORNATO ALLA VITA GRAZIE AL VOSTRO AIUTO

Era lo scorso novembre quando vi abbiamo raccontato di questo cucciolo di appena 5 mesi ritrovato in fin di vita dai volontari dell’OIPA di Gela. Le sue condizioni erano gravi: tutte le zampe erano fratturate e aveva anche una brutta ferita alla pancia. Dopo tre lunghi mesi di cure Pepe ce l’ha fatta. E’ tornato a zampettare felice e ha trovato anche una meravigliosa famiglia.

TUTTI UNITI PER CARLOTTA, RANDAGIA INVESTITA DA UN’AUTO NELL’AREA INDUSTRIALE DI TARANTO

Gravissimo l’incidente accaduto ad una cagnolina randagia travolta da un’auto presso la zona industriale di Taranto. Soccorsa da una delle persone che la sfamava ogni giorno, è stata sottoposta d’urgenza ad un intervento per ernia diaframmatica e dovrà essere ancora operata per sanare il femore fratturato, ma quello che preoccupa di più, è il danno neurologico subito, che ha compromesso l’uso degli arti posteriori. Con una catena di solidarietà le saremo vicino nel suo lungo e critico viaggio verso la riconquista della vita.

L’ABBANDONO, LA FAME, IL FREDDO LO STAVANO UCCIDENDO: “FORZA CIUFFO, CE LA FARAI”. AIUTIAMOLO INSIEME AGLI ANGELI BLU DI BRINDISI

Tremava come una foglia Ciuffo, così è stato chiamato dai volontari dell’OIPA di Brindisi questo piccolo cagnolino di appena 6 kg di peso, ritrovato solo e spaurito in mezzo ai rovi. Debolissimo, era infreddolito e denutrito, senza quasi più il pelo. Anemico e affetto dalla rogna, ora è in cura con bagnetti medicamentosi, antibiotici e integratori. Aiutiamolo a recuperare le forze perdute.

CON LA SOLIDARIETÀ RIFIORISCE LA VITA: GRAZIE DI CUORE DA GIOTTO

Con grande gioia chiudiamo la newsletter con buone notizie da Giotto. Ora non ha più paura né dolore, grazie all’aiuto degli Angeli blu di Palermo e a tanti fra voi, vicini alla sua sofferenza, questo bellissimo micio ritrovato stremato in un’aiuola, senza più voglia di vivere, è rifiorito. Anche se rimarrà cieco, a lui non importa, quel che importa è l’amore che lo circonda. Quello della famiglia che l’ha accolto senza riserve e di un fedele compagno di giochi con cui condivide le giornate.

I CERCAFAMIGLIA: DOBBY

Lui è Dobby, setter di 10 anni che prima di approdare tra le braccia dei volontari dell’OIPA di Milano, ha conosciuto l’altra faccia dell’uomo, quella nemica, violenta e ingiusta che l’ha ferito tante volte, senza però riuscire a colpire il buono che c’è in lui. Dobby non ha mai mollato e malgrado tutti i maltrattamenti subiti, si è rialzato, più fiducioso e più forte di prima. Ora questo splendore è in cerca della sua grande occasione, una famiglia che l’accolga con grande amore.

 

DIFENDI GLI ANIMALI, DAI VOCE A CHI NON CE L’HA, STAI DALLA PARTE DEGLI ANGELI BLU

Gli occhi di un animale hanno il potere di parlare uno straordinario linguaggio: basta guardarli con il cuore 💙 È quello che fanno gli Angeli blu dell’OIPA, volontari che dedicano la loro vita ogni giorno per salvare tantissimi animali: dagli abusi, dai maltrattamenti, dalle ingiustizie, dagli abbandoni, dalla prigionia dei canili cambiando il loro destino. Adottare è un atto di amore. Adotta, non comprare, perché per ogni animale comprato, altre milioni di anime muoiono in canile o per strada. I volontari dell’OIPA danno voce a chi non ce l’ha. Aiutaci ad aiutarli.

È ARRIVATA LA PRIMAVERA!

E con la primavera arrivano le bomboniere solidali OIPA. Sappiamo quanto i tempi siano difficili, è per questo che per i vostri eventi, che saranno memorabili proprio per la difficoltà del periodo, vi proponiamo le bomboniere solidali OIPA, da poter scegliere on line, rapportandosi con una persona che vi aiuterà in ogni step. Le offerte verranno devolute agli animali. Cosa aspetti?

 

Sharing - Condividi