[Salviamo il Paesaggio] Il T.A.R. Lazio salva la Valle del Mignone

Il T.A.R. Lazio ha accolto il ricorso delle associazioni ambientaliste e dei cittadini in difesa della Valle del Mignone, una delle più suggestive aree d’interesse ambientale e storico-culturale dell’Italia centrale, minacciata da un progetto di opera pubblica devastante e non necessario.

Si tratta del ricorso inoltrato dalle Associazioni ambientaliste Italia Nostra, WWF, Forum Ambientalista, Lipu, Gruppo di Intervento Giuridico e da diversi cittadini residenti (avv.ti Giancarlo Viglione e Noemi Tsuno), contro la Presidenza del Consiglio dei Ministri e l’ANAS avverso il provvedimento di compatibilità ambientale conclusivo del procedimento di valutazione di impatto ambientale – V.I.A. relativo al “tracciato verde” dell’ultimo lotto (Monte Romano – S. S. n. 1 “Aurelia”) della superstrada Orte – Civitavecchia (S.S. 675 “Umbro-Laziale” – Completamento del collegamento del porto di Civitavecchia con il nodo intermodale di Orte – Tratto Monte Romano Est-Civitavecchia), ai sensi dell’art. 183, comma 6°, del Codice dei contratti pubblici, decreto legislativo n. 163 del 2006.

La sentenza T.A.R. Lazio, Sez. I, 5 ottobre 2021, n. 10164  ha affermato testualmente che “la delibera del Consiglio dei Ministri assunta nella riunione del 1.12.2017, con la quale è stato adottato ‘il provvedimento di compatibilità ambientale del progetto preliminare, tracciato verde, della strada statale n. 675 ‘Umbro Laziale’, asse Orte-Civitavecchia, tratta Monte Romano est – SS 1 Aurelia’, e la delibera del Comitato Interministeriale per la Programmazione Economica (di seguito CIPE) n. 2 del 28 febbraio 2018, che ha approvato il progetto preliminare medesimo richiamando la delibera della Presidenza del Consiglio dei Ministri del 1.12.2017, sono illegittime e vanno annullate in quanto, in applicazione delle … norme nazionali, soggette a disapplicazione, nei sensi sopra indicati, hanno dato corso ad un progetto di opera pubblica in ordine al quale, allo stato, non v’è certezza che costituisca quello che comporta ‘i minori inconvenienti per l’integrità della zona’”.

I Giudici amministrativi romani hanno applicato l’autorevole interpretazione fornita sul caso dalla  Corte di Giustizia europea, con la sentenza Sez. VI, 16 luglio 2020, causa C-411/19, sollecitata ad esprimersi su fondamentali questioni pregiudiziali dal T.A.R. Lazio, Sez. I, con l’ordinanza n. 908 del 24 gennaio 2019.

La scelta effettuate in favore del “tracciato verde” prevede il completamento della trasversale, composta da 9 viadotti, 1 galleria e2 svincoli, nell’area integra della Valle del Fiume Mignone. per il completamento della S.S. n. 675 Civitavecchia – Orte, tuttavia non è stata dimostrata dall’ANAS la scelta migliore sul piano ambientale, non avendo nemmeno completato lo studio di incidenza ambientale (V.Inc.A.) nell’ambito della procedura di valutazione di impatto ambientale (V.I.A.), come peraltro richiesto dall’allora Ministero dell’Ambiente (oggi Ministero della Transizione Ecologica).

Ricordiamo infatti che il “tracciato verde”, che attraversa la ZPS IT6030005 “Comprensorio Tolfetano-Cerite-Manziate” (ambito di progetto comunitario LIFE) e dista tra i 100 metri e 1 chilometro dal SIC IT60I0035 “Fiume Mignone – Basso Corso”, siti della Natura 2000, il principale strumento europeo per la conservazione della biodiversità, tutelati dalla Direttiva 92/43/CEE “Habitat”, entrambi siti della Rete Natura 2000, istituita a livello europeo per la conservazione della biodiversità.

Il T.A.R. Lazio afferma che “deve escludersi che le norme di riferimento, costituite nella specie dagli artt. 165, commi 3, 5 e 7; 166, commi 1 e 5; 183, comma 6; 185, commi 4 e 5, del D. L.vo 163/2006, nonché gli artt. 5 e 6 del D.P.R. n. 357/97, possano essere interpretate nel senso che consentono l’approvazione di un progetto preliminare che non sia assistito da una Valutazione di Incidenza Ambientale completa e comprensiva di tutte le prescrizioni di carattere ambientale necessarie per minimizzare le conseguenze negative, nel senso che consentono di completare o modificare lo studio della Valutazione di Incidenza Ambientale, individuando anche le misure di mitigazione, contestualmente alla redazione del progetto definitivo dell’opera, senza che perciò si debba riaprire il procedimento di approvazione della VINCA, e nel senso che consentono di affidare la valutazione di Incidenza Ambientale ad una autorità diversa da quella ordinariamente preposta, nel caso di specie da individuarsi nella Commissione Tecnica VIA-VAS, istituita presso il MATTM: una simile interpretazione deve essere esclusa, da una parte perché non emerge dal senso letterale delle parole, d’altra parte perché si deve assicurare una interpretazione della normativa nazionale orientata in senso europeo, e quindi conforme alle statuizioni della Corte di Giustizia”.

Il T.A.R. Lazio, sulla scorta dell’orientamento indicato dalla Corte di Giustizia europea, ha infine indicato un itinerario giuridicamente corretto da compiersi per realizzare l’opera pubblica nel rispetto dell’ambiente: “il Consiglio dei Ministri dovrà rideterminarsi, concludendo il procedimento avviato ai sensi dell’art. 183, comma 6, del D. L.vo 163/2006 …  in particolare, dovrà riesaminare la richiesta avanzata dal MIT, ai sensi dell’art. 183, comma 6, del D. L.vo 163/2006, tenendo conto del fatto che l’approvazione del progetto preliminare, da parte del CIPE, dovrà essere preceduta dal completamento della VINCA, dalla comparazione dei vari tracciati autostradali – quanto alle conseguenze ambientali da ciascuno derivanti -, e dalla individuazione delle necessarie misure di mitigazione, ragione per cui nessuna integrazione alla VIA-VINCA potrà ritenersi consentita in fase successiva alla approvazione del progetto preliminare (salvo riapertura del procedimento di VIA-VINCA, con restituzione dell’istruttoria alla Commissione Tecnica di VIA-VAS)”.

In buona sostanza, devono ritornare degne di attenzione quelle alternative progettuali (il “tracciato viola” in primo luogo) indebitamente scartate, che molto probabilmente avrebbero portato a una realizzazione del progetto compatibile con i valori ambientali e storico-culturali del territorio della Tuscia.

A cura del Gruppo d’Intervento Giuridico odv.

Il T.A.R. Lazio salva la Valle del Mignone | www.salviamoilpaesaggio.it

 


L’assalto alle Dolomiti

by SALVIAMOILPAESAGGIO on Ott 24, 2021 • Nessun commento

di Paolo Cacciari. La punta dell’iceberg della devastazione ambientale iniziata con i campionati del mondo di sci dello scorso inverno a Cortina, e che si concluderà con le Olimpiadi del 2026, è la nuova pista di bob che si vuole costruire ai piedi del massiccio de Le Tofane. Per dimostrarlo i comitati e le associazioni…

Maremma, Franceschini salvi Cala di Forno dai privati

Maremma, Franceschini salvi Cala di Forno dai privati

by SALVIAMOILPAESAGGIO on Ott 24, 2021 • Nessun commento
Possibile che sia la ricchezza del conto in banca a determinare chi ha diritto di godere di uno dei luoghi più belli, culturalmente ricchi e incontaminati del nostro Paese? Apparentemente sì, se lo Stato non deciderà di muoversi per correggere la stortura. Ma il tempo stringe. Patrizio Bertelli, marito di Miuccia Prada e amministratore delegato…

Nel Parco Nazionale del Pollino installato un impianto di videosorveglianza sulla cima del Dolcedorme

Nel Parco Nazionale del Pollino installato un impianto di videosorveglianza sulla cima del Dolcedorme

by SALVIAMOILPAESAGGIO on Ott 23, 2021 • Nessun commento
A cura di Saverio De Marco, Delegato Regionale AIW Basilicata Associazione Italiana WIlderness. La mattina del giorno 22/10/2021 su whatsapp son girate delle foto che mostrano un mega pannello solare posto nei pressi della cima del Dolcedorme (cima più alta del Parco Nazionale del Pollino), come si può rendere conto chiunque conosca bene questa montagna….

Vallone di Cime Bianche: associazioni ambientaliste chiedono al Ministero per la Transizione Ecologica di attivarsi

Vallone di Cime Bianche: associazioni ambientaliste chiedono al Ministero per la Transizione Ecologica di attivarsi

by SALVIAMOILPAESAGGIO on Ott 21, 2021 • Nessun commento
Il Comitato Ripartire dalle Cime Bianche, Club Alpino Italiano, Cipra Italia, Mountain Wilderness, WWF, Legambiente VdA, Federazione Pro Natura e Lipu hanno inviato lo scorso 18 ottobre 2021 alla Direzione Patrimonio Naturalistico del Ministero della Transizione Ecologica una segnalazione “affinché possa attivarsi a difesa del patrimonio naturale nazionale ed europeo”. Nel documento le associazioni ricordano…

Indagine KEU: occorre chiarezza e certezza sulle bonifiche

Indagine KEU: occorre chiarezza e certezza sulle bonifiche

by SALVIAMOILPAESAGGIO on Ott 21, 2021 • Nessun commento
A cura di Assemblea permanente NO KEU, Coordinamento “Liberi dai fanghi” – Valdera, Una città in Comune – Pisa. E’ urgente sapere qualcosa di certo delle bonifiche sui terreni contaminati dai residui di lavorazione dei fanghi di conceria (KEU), rifiuti speciali (anche pericolosi) che avrebbero dovuto avere come destinazione esclusivamente apposite discariche. Purtroppo, c’è la…

Piantare mille miliardi di alberi: si può fare? E sarebbe risolutivo?

Piantare mille miliardi di alberi: si può fare? E sarebbe risolutivo?

by SALVIAMOILPAESAGGIO on Ott 21, 2021 • Nessun commento
La dichiarazione del neurobiologo vegetale Stefano Mancuso ha riaperto il dibattito sulle potenzialità della riforestazione. Piantumare fa bene a noi e al Pianeta, ma l’obiettivo dei mille miliardi potrebbe essere irraggiungibile. Non bisogna però ricadere nel “benaltrismo”. di Flavio Natale. “La soluzione immediata per ridurre il riscaldamento globale? Piantare mille miliardi di alberi”. Stefano Mancuso,…

Ripresentato il progetto di pista da motocross a Castagnole Monferrato, ora bisogna fermarlo definitivamente!

Ripresentato il progetto di pista da motocross a Castagnole Monferrato, ora bisogna fermarlo definitivamente!

by SALVIAMOILPAESAGGIO on Ott 20, 2021 • Nessun commento
Un mega-circuito per motocross sta minacciando una incontaminata valle nel comune di Castagnole Monferrato in provincia di Asti, infliggendo una ferita permanente al territorio. Nonostante i rilievi tecnici presentati dal Comitato Vigilanza Motocross per indicare le tante criticità esistenti nel progetto, la presentazione di una petizione sottoscritta da oltre 11.000 persone contrarie all’iniziativa e una…

Lettera aperta al Presidente della Repubblica delle associazioni di SOS Sicilia Centrale

Lettera aperta al Presidente della Repubblica delle associazioni di SOS Sicilia Centrale

by SALVIAMOILPAESAGGIO on Ott 20, 2021 • Nessun commento
Le Associazioni di SOS Sicilia Centrale chiedono l’intervento del Presidente Sergio Mattarella per restituire legittimità e legalità agli organi preposti alla tutela e alla valorizzazione del patrimonio culturale siciliano. Egregio Signor Presidente, le sottoscritte Associazioni, afferenti al gruppo SOS Sicilia centrale, hanno deciso di rivolgersi a Lei per manifestare la loro viva preoccupazione per il futuro…

Stadio di Parma: il parere preliminare crea sconcerto

Stadio di Parma: il parere preliminare crea sconcerto

by SALVIAMOILPAESAGGIO on Ott 16, 2021 • Nessun commento
A cura del Comitato Tardini Sostenibile. A seguito di un accurato esame del verbale conclusivo della Conferenza dei servizi preliminare per l’esame di fattibilità corredata alla proposta di ristrutturazione e ammodernamento dello Stadio presentata da Parma Calcio 1913 srl, il Comitato Tardini Sostenibile esprime il suo sconcerto su tutto il documento, a partire dalla formulazione…

Trivelle e Gas, bocciato dal MITE il progetto relativo al più grande giacimento onshore d'Europa in Abruzzo

Trivelle e Gas, bocciato dal MITE il progetto relativo al più grande giacimento onshore d’Europa in Abruzzo

by SALVIAMOILPAESAGGIO on Ott 16, 2021 • Nessun commento
A cura di Forum H2O e SOA-Stazione Ornitologica Abruzzese. Forum H2O e Stazione Ornitologica Abruzzese esprimono grande soddisfazione per l’ennesima vittoria contro un progetto petrolifero in Abruzzo, quella relativa a quello che è stato definito “il più grande giacimento” di gas in terraferma in Europa. Il Ministero della Transizione Ecologica, sommerso da osservazioni di comuni,…

--------------------------
Iscriviti al nostro canale Telegram
al nostro account Twitter
o visita la nostra pagina Facebook

--------------------------

Sharing - Condividi