Vaccini Covid e miocarditi. Lo studio dell’Università di medicina di Chicago

Nel G20 che si tiene a Roma in modo incredibile visti i dati registrati dal nostro paese, nella sezione dedicata alla Salute, il “modello Italia” viene – non sappiamo se ironicamente – propinato come vincente.

Intanto i “grandi della Terra” hanno appena sottoscritto l’impegno a vaccinare contro il Covid il 40% della popolazione mondiale entro la fine del 2021 e il 70% entro la metà del 2022. Lo ha riferito il ministro della Salute, Roberto Speranza, il quale ha presieduto il G20 Finanze-Salute assieme al ministro dell’Economia, Daniele Franco. “A chi protesta rispondiamo con l’evidenza della scienza”, ha aggiunto come un disco rotto. (Fonte Sky)….

Intanto, incidentalmente, negli USA hanno scoperto che la risonanza magnetica cardiaca evidenza la miocardite dopo la vaccinazione contro l’mRNA COVID-19, secondo uno studio pubblicato il 27 ottobre nel Giornale americano di roentgenologia.

I risultati sono importanti da considerare, soprattutto per i bambini, dal momento che all’inizio di quest’anno la Food and Drug Administration (FDA) ha concesso l’approvazione dell’uso di emergenza al vaccino Pfizer per gli adolescenti tra i 12 ei 15 anni. Il team è guidato dalla dottoressa Lydia Chelala dell’Università di Chicago Medicine. “Negli gli Stati Uniti si sono verificati casi di miopericardite negli adolescenti e nei giovani adulti dopo la vaccinazione contro l’mRNA COVID-19, segnalati dal Vaccine Adverse Event System .

“Questa possibile associazione merita ulteriori indagini, in particolare data l’approvazione di emergenza della FDA a maggio del vaccino Pfizer per i giovani”. Lo sviluppo di miocardite dopo la vaccinazione COVID-19 è raro, ma la sua incidenza può essere sottovalutata perché la diagnosi dipende dai sintomi, hanno scritto gli autori. E sottovalutare la miocardite, in particolare nei giovani, può essere pericoloso.

“Uno studio su giovani atleti con COVID-19 confermato ha dimostrato che una percentuale sostanziale di individui aveva miocardite subclinica durante lo screening della risonanza magnetica cardiaca”, hanno osservato. “La miocardite subclinica può anche essere possibile dopo la vaccinazione COVID-19 … “

Per comprendere meglio una possibile associazione, il CDC ha incoraggiato ulteriori indagini sulla miocardite a seguito della vaccinazione contro l’mRNA COVID-19″. Chelala e colleghi hanno identificato 52 persone sottoposte a risonanza magnetica cardiaca per sospetta miocardite tra maggio e giugno 2021. Di questi, cinque sono stati esaminati dopo aver recentemente ricevuto un vaccino COVID-19 basato su mRNA; non avevano precedenti della malattia. Tutti e cinque erano ragazzi di età compresa tra i 16 e i 19 anni che si sono presentati in ospedale entro quattro giorni dal ricevimento della seconda dose di vaccino.

I livelli di troponina erano alti in tutti i pazienti, il che ha richiesto l’esame di risonanza magnetica cardiaca. I ricercatori hanno escluso altre possibili cause di miocardite utilizzando informazioni sulla storia medica, un esame fisico, un pannello virale di miocardite e uno screening tossicologico.

I risultati dell’esame di risonanza magnetica cardiaca hanno indicato la miocardite in ciascuno dei cinque ragazzi secondo i criteri di Lake Louise (aumento dell’intensità del segnale regionale o globale sulle immagini T2; aumento del rapporto di aumento del gadolinio precoce del miocardio globale; e almeno una lesione focale, non ischemica all’inversione-recupero dell’imaging di potenziamento tardivo del gadolinio).

Tutti i ragazzi si sono ripresi e sono stati dimessi in condizioni stabili dopo una degenza ospedaliera media di 4,8 giorni. Due dei cinque sono stati sottoposti a ulteriori esami di risonanza magnetica cardiaca entro un periodo di follow-up (durata media, 95 giorni) che indicava la continuazione, anche se diminuiva il miglioramento tardivo del gadolinio. Tre dei cinque hanno avuto un lieve dolore toracico dopo essere stati dimessi dall’ospedale che alla fine si è risolto.

Mentre i medici continuano a comprendere meglio gli effetti della malattia COVID-19 – e le vaccinazioni contro di essa – è necessario tenere a mente la possibilità di miocardite, secondo Chelala e colleghi.

“[I radiologi] dovrebbero essere consapevoli della possibile associazione e riconoscere il ruolo della risonanza magnetica cardiaca nella valutazione dei pazienti con sospetta miocardite dopo la vaccinazione COVID-19″, hanno concluso.”

Fonte: Cardiac MRI assesses myocarditis after COVID-19 vaccination 

Agata Iacono
29 Ottobre 2021

Vaccini Covid e miocarditi. Lo studio dell’Università di medicina di Chicago – Emergenza Covid – L’Antidiplomatico (lantidiplomatico.it)

 

--------------------------
Iscriviti al nostro canale Telegram
al nostro account Twitter
o visita la nostra pagina Facebook

--------------------------

Sharing - Condividi