La Russia chiede agli Usa di fermare l’espansione della NATO verso est. Le proposte di Mosca

Il ministero degli Esteri russo ha pubblicato una bozza di accordo sulle garanzie di sicurezza tra Russia e Stati Uniti. Il documento comprende otto articoli e copre i principali aspetti delle garanzie reciproche di sicurezza tra Mosca e Washington.

Il documento riflette gli appelli, ripetutamente espressi da Mosca in passato, e offre una soluzione ai problemi e alle minacce, compresi quelli emersi dopo il ritiro di Washington dal Trattato sulle forze nucleari a raggio intermedio (INF).

Innanzitutto, il documento delinea i principi che permettono di non minacciare la sicurezza reciproca. A tal fine, il documento include i seguenti punti: rifiuto di azioni ed eventi che influiscono sulla sicurezza dell’altra parte, non partecipazione a tali eventi e astensione dal sostenerli.

Inoltre, la bozza di accordo menziona il rifiuto di misure di sicurezza – siano esse individuali o all’interno di un’organizzazione internazionale, un’alleanza militare o una coalizione – che potrebbero minare gli interessi di sicurezza di base dell’altra parte.

Espansione della NATO verso est

“Gli Stati Uniti d’America adotteranno misure per prevenire un’ulteriore espansione verso est dell’Organizzazione del Trattato del Nord Atlantico (NATO) e negare l’adesione all’Alleanza alle ex repubbliche dell’URSS”, si legge nella bozza di accordo.

Inoltre, la bozza russa prevede l’obbligo degli Stati Uniti di non stabilire basi militari negli ex Stati sovietici che non sono membri della NATO, di non utilizzare le loro infrastrutture per svolgere alcuna attività militare e di non sviluppare una cooperazione militare bilaterale con loro.

Secondo il documento, le parti si asterranno dall’utilizzare i territori di altri Stati per preparare o eseguire un attacco armato l’uno contro l’altro o altre azioni che influiscano sugli interessi di sicurezza di base dell’altra parte.

Dispiegamento di armi e forze militari

Mosca offre a Washington di astenersi dallo schierare le sue forze armate e armi, anche all’interno di organizzazioni internazionali, alleanze e coalizioni militari, in regioni in cui tale schieramento potrebbe essere visto come una minaccia alla sicurezza dell’altra parte, tranne lo schieramento sul proprio territorio nazionale.

“Le Parti si asterranno dal pilotare bombardieri pesanti equipaggiati per armamenti nucleari o non nucleari o dal dispiegare navi da guerra di superficie di qualsiasi tipo, anche nell’ambito di organizzazioni internazionali, alleanze o coalizioni militari, nelle aree rispettivamente al di fuori dello spazio aereo nazionale e delle acque territoriali nazionali, da dove possono attaccare obiettivi nel territorio dell’altra Parte”, si legge nel documento.

La Russia propone inoltre di mantenere il dialogo e la cooperazione per migliorare i meccanismi di prevenzione degli incidenti nello spazio aereo e marittimo internazionale, compresa la negoziazione della distanza massima di avvicinamento tra navi militari e aerei.

Un articolo a parte è dedicato ai missili a medio e corto raggio: “Le Parti si impegnano a non schierare missili a medio e corto raggio lanciati da terra al di fuori dei loro territori nazionali, nonché nelle aree dei loro territori nazionali, da cui tali armi possono attaccare obiettivi nel territorio nazionale dell’altra Parte”.

Armi nucleari

Il trattato tocca anche la questione delle armi nucleari.

“Le Parti si asterranno dal dispiegare armi nucleari al di fuori dei loro territori nazionali e restituiranno tali armi già dispiegate al di fuori dei loro territori nazionali al momento dell’entrata in vigore del Trattato nei loro territori nazionali. Le Parti elimineranno tutte le infrastrutture esistenti per il dispiegamento di armi nucleari armi al di fuori dei loro territori nazionali”, afferma la bozza di trattato.

Inoltre, il documento menziona la formazione del personale militare delle potenze non nucleari sull’uso di armi nucleari.

“Le Parti non addestreranno personale militare e civile di paesi non nucleari all’uso di armi nucleari. Le Parti non condurranno esercitazioni o addestramento per forze di uso generale, che includano scenari che comportano l’uso di armi nucleari”, si legge nel documento.

Le reazioni

L’assistente del presidente degli Stati Uniti per la sicurezza nazionale Jake Sullivan, parlando al Consiglio delle relazioni internazionali, ha affermato che gli Stati Uniti sono pronti per un dialogo con la Russia. Secondo lui, Mosca ha elencato le sue preoccupazioni, Washington è pronta a discutere le proprie. Probabile che gli Stati Uniti proporranno alla Russia di discuterne la prossima settimana, afferma Bloomberg.

L’UE è favorevole a discutere della sicurezza europea nel quadro dei formati già esistenti, ha dichiarato a RIA Novosti Peter Stano, portavoce della politica estera dell’Unione Europea riguardo le proposte sulla sicurezza avanzate dalla Russia.

La Redazione de l’AntiDiplomatico
17 Dicembre 2021

La Russia chiede agli Stati Uniti di fermare l’espansione della NATO verso est. Le proposte di Mosca per pace e sicurezza – GUERRE E IMPERIALISMO – L’Antidiplomatico (lantidiplomatico.it)

 

--------------------------
Iscriviti al nostro canale Telegram
al nostro account Twitter
o visita la nostra pagina Facebook

--------------------------

Sharing - Condividi