L’esercito Usa pronto ad annunciare un “suo” vaccino. Eh ma allora…

La notizia sarebbe di rilevanza mondiale e proprio per questo non ne vedete (e vedrete traccia) sui poveri giornali italiani, costretti ogni giorno a tenere in piedi castelli di carta pericolanti.

Secondo quanto riportano diversi media statunitensi, e dal quotidiano inglese The Independent, l’esercito statunitense annuncerà un suo vaccino in grado di sconfiggere non solo il Covid ma anche “tutte le varianti”.

Il siero del Walter Reed Army Institute of Research è il risultato di quasi due anni di lavoro sul virus. Il vaccino Spike Ferritin Nanoparticle COVID-19 ha completato gli studi sugli animali all’inizio di quest’anno con risultati positivi. La fase 1 degli studi sull’uomo, che ha testato il vaccino contro l’Omicron e le altre varianti, “si è conclusa questo mese, ancora una volta con risultati positivi che sono in fase di revisione finale”. Lo ha annunciato in un’intervista esclusiva il dott. Kayvon Modjarrad, direttore del ramo malattie infettive di Walter Reed, a Defence One.

A differenza dei vaccini esistenti, l’SpFN di Walter Reed utilizza una proteina “a forma di pallone da calcio con 24 facce”, che consente agli scienziati di attaccare i picchi di più ceppi di coronavirus su diverse facce della proteina. “È molto eccitante arrivare a questo punto per tutta la nostra squadra e penso anche per l’intero esercito”, ha spiegato Modjarrad.

Gli studi sull’uomo del vaccino hanno richiesto più tempo del previsto, ha precisato, perché il laboratorio aveva bisogno di testare il vaccino su soggetti che non erano stati né vaccinati né precedentemente infettati da COVID. L’aumento dei tassi di vaccinazione e la rapida diffusione delle varianti Delta e Omicron lo hanno reso difficile.

Il prossimo passo è vedere come il nuovo vaccino pan-coronavirus interagisce con le persone che erano state precedentemente vaccinate o precedentemente malate. Walter Reed sta lavorando con un partner industriale ancora da nominare per un’implementazione più ampia.

“Dobbiamo valutarlo nell’ambiente del mondo reale e cercare di capire come funziona il vaccino in un numero molto più ampio di individui che sono già stati vaccinati con qualcos’altro inizialmente… o si sono già ammalati”, ha spiegato Modjarrad.

Questa è una prima domanda giusta. Ma la vera questione, la domanda delle domande, è perché la Difesa degli Stati Uniti, con a disposizione le miliardi di dose delle tre multinazionali che hanno inondato anche l’Unione Europea, Pfizer, Moderna e J&J, ha deciso di investire nello sviluppo di un ulteriore vaccino. Non li hanno mai considerati efficaci? I risultati attuali e il grande numero di militari Usa che hanno rifiutato l’inoculazione Pfizer sembrerebbero indicare la risposta…

La Redazione de l’AntiDiplomatico
22 Dicembre 2021

L’esercito Usa pronto ad annunciare un “suo” vaccino. Eh ma allora… – Emergenza Covid – L’Antidiplomatico (lantidiplomatico.it)

 

--------------------------
Iscriviti al nostro canale Telegram
al nostro account Twitter
o visita la nostra pagina Facebook

--------------------------

Sharing - Condividi