Appello alle grandi potenze affinchè nessuna utilizzi per prima l’arma nucleare

Adempiere al TNP (Trattato di non proliferazione nucleare): dalle minacce nucleari alla sicurezza umana.
Una lettera aperta agli Stati parti del Trattato di non proliferazione nucleare.

Cari rappresentanti di Cina, Francia, Russia, Regno Unito, Stati Uniti e altri Stati parti del TNP,

Le armi nucleari minacciano le generazioni attuali e future. La sicurezza che potrebbero aver fornito nel 20° secolo non ha posto nel mondo di oggi e di domani, che sta lottando per affrontare la pandemia di COVID, stabilizzare il clima, risolvere conflitti nazionali e internazionali in modo pacifico, proteggere il ciberspazio e promuovere la sicurezza umana e gli obiettivi di sviluppo sostenibile.

È tempo di iniziare a eliminare gradualmente il ruolo delle armi nucleari nelle dottrine di sicurezza e sviluppare un piano pratico per raggiungere la pace e la sicurezza di un mondo libero dalle armi nucleari.

Alla Decima Conferenza di Revisione del Trattato di Non Proliferazione (NPT-X) nel 2022, vi invitiamo a:

– Avviare il processo per porre fine definitivamente alla corsa agli armamenti ed eliminare gradualmente il ruolo delle armi nucleari nelle dottrine di sicurezza sostenendo l’adozione di politiche di non primo utilizzo (no first use) e la cessazione della produzione di armi nucleari entro e non oltre l’11a Conferenza di revisione del TNP nel 2025;
– Impegnarsi, non oltre il 2045, ad adempiere all’obbligo dell’articolo VI di ottenere l’eliminazione globale delle armi nucleari;
– concordare di adottare un piano concreto per attuare tale impegno, anche attraverso la sistematica e progressiva riduzione degli arsenali nucleari, in occasione della Conferenza sul disarmo o dell’11a Conferenza di revisione del TNP;
– Accettare di spostare i budget e gli investimenti pubblici dall’industria delle armi nucleari per sostenere invece la salute pubblica, la stabilizzazione climatica e lo sviluppo sostenibile.

 Il TNP è stato adottato nel 1970 per un periodo di tempo fisso di 25 anni, dopodiché si prevedeva che sarebbe stato sostituito da un regime di disarmo nucleare più completo. Questo non è successo.

Nel 1995 il TNP è stato esteso sulla base di tre impegni (incrementali) a breve termine: raggiungere un Trattato per la messa al bando totale degli esperimenti (CTBT) entro il 1996, negoziare un trattato sui materiali fissili e stabilire ulteriori zone libere da armi nucleari, soprattutto in il Medio Oriente – e un impegno più globale degli Stati armati nucleari a ridurre le armi nucleari in un processo che porti alla loro totale eliminazione. Di questi, solo il CTBT è stato negoziato e deve ancora entrare in vigore.

Non ci possono essere scuse per non raggiungere i tre impegni incrementali nel prossimo futuro e l’impegno più globale – l’eliminazione globale delle armi nucleari – entro i prossimi 25 anni, se non prima.

Una misura chiave per ridurre il rischio di una guerra nucleare e iniziare a eliminare gradualmente il ruolo delle armi nucleari nelle dottrine di sicurezza, pur mantenendo la stabilità strategica, è impegnarsi a non iniziare mai una guerra nucleare adottando politiche di no first use (non primo uso) e relativi controlli operativi.

Le opzioni per utilizzare per primi le armi nucleari in un conflitto e preparativi per consentire un tale first use (primo utilizzo), aumentano le tensioni e i rischi, stimolano contromisure come il lancio su allarme (launch-on-warning), giustificano i programmi di modernizzazione nucleare e scoraggiano i negoziati sul disarmo nucleare. Le opzioni di primo utilizzo (first use) stanno letteralmente giocando con il fuoco in situazioni molto calde e hanno quasi portato all’inizio di una guerra nucleare per errore o errore di calcolo.

Dichiarazioni unilaterali di divieto di primo utilizzo (first use), accordi bilaterali di divieto di primo utilizzo e/o un accordo multilaterale di divieto di primo utilizzo possono ridurre questi rischi. Elogiamo la Cina e l’India per aver già adottato politiche unilaterali di non primo utilizzo e lodiamo Cina e Russia per aver adottato un accordo bilaterale di non primo utilizzo. Questi possono essere seguiti dalla ristrutturazione delle forze nucleari e dai controlli operativi per attuare politiche di non primo utilizzo e per creare credibilità e fiducia nelle politiche per ridurre ulteriormente i rischi nucleari.

E, cosa più importante, l’adozione di politiche di non primo utilizzo o di unico scopo potrebbe aprire la porta affinché gli Stati armati nucleari e ai loro alleati si uniscono ai negoziati per la completa eliminazione delle armi nucleari. Se le armi nucleari sono necessarie per scoraggiare una serie di minacce – non solo le armi nucleari – allora i paesi che fanno affidamento sulla deterrenza nucleare molto probabilmente non accetteranno di eliminare le armi mentre queste altre minacce esistono ancora. Tuttavia, se l’unico scopo delle armi nucleari di un paese è quello di scoraggiare le armi nucleari di altri, allora il paese può accettare di partecipare a un processo verificato di disarmo nucleare purché tutti gli altri paesi armati nucleari partecipino. Per questo motivo, gli Stati parti del TNP devono impegnarsi anche con gli Stati che non sono parti (India, Israele, Corea del Nord e Pakistan) nel processo di disarmo nucleare.

Ringraziamo i governi di Cina, Francia, Russia, Regno Unito, USA e altri Stati parti del TNP per aver preso in considerazione questa lettera e non vediamo l’ora di sostenere e impegnarci con voi mentre adotterete queste politiche e mentre stabiliamo insieme la pace e sicurezza di un mondo senza armi nucleari.

--------------------------
Iscriviti al nostro canale Telegram
al nostro account Twitter
o visita la nostra pagina Facebook

--------------------------

Sharing - Condividi