Amburgo, applicate regole oppressive per i no-vax a causa di un errore informatico

Un problema tecnico di un software ha creato la “pandemia dei non vaccinati”. Dopo mesi di demonizzazione dei non vaccinati nella seconda città più grande della Germania, Amburgo, il ministro della Salute Karl Lauterbach è giunto a questa conclusione.

Nel novembre 2021, molte testate hanno riferito del crescente “numero di infetti” della città, che è passato da 111,6 persone infette ogni 100.000 a 160 persone infette ogni 100.000 nel giro di pochi giorni. Quella cifra è salita da 209,2 a un nuovo massimo di 223,3 alla fine di novembre.

I presunti grandi aumenti sono stati spesso utilizzati anche per giustificare le nuove politiche COVID della città . Quindi, per entrare in negozi, ristoranti e locali, è stata stabilita una restrizione allo status 2G (vaccinato o guarito). Le persone non vaccinate dovevano limitare i loro contatti con altre persone. Il sindaco Peter Tschentscher ha affermato di aver assistito a un aumento dei tassi di immunizzazione dopo il decreto che, a suo dire, era l’unica opzione per evitare la pandemia.

Le statistiche nei dipartimenti dei servizi sociali di Amburgo sono state sostanzialmente distorte, secondo un esame dei giornali Sueddeutscher Zeitung e Welt. Nella maggior parte dei casi, non si rendevano nemmeno conto di chi fosse stato vaccinato e chi no. Questo non sembrava impedire loro di etichettare come non vaccinato chiunque avesse uno stato vaccinale incerto. Tuttavia, alla fine di novembre, uno sbalorditivo 70% dei casi positivi non aveva uno status.

Nella seconda settimana di novembre, il sindaco di Amburgo ha tenuto una conferenza stampa in cui ha erroneamente affermato che le persone non vaccinate erano responsabili del 90% di tutte le ultime infezioni. Inoltre, ha affermato che i non vaccinati avevano un tasso di infezione in 7 giorni di 605 per 100.000, mentre i vaccinati avevano un tasso di solo 22 per 100.000.

Il tabloid Welt ha anche ottenuto la seguente risposta dal Senato di Amburgo sulle classifiche:

“…La categorizzazione (usata ad Amburgo) corrisponde a quella usata a livello nazionale…”

I dati su come vengono create le classifiche e su come vengono “calcolate” le statistiche finalizzate non sono stati resi disponibili fino a questo fine settimana. Entro la fine di dicembre, il sindaco ha affermato che le classificazioni errate sono state innescate dall’implementazione di “diversi sistemi informatici”, ognuno dei quali utilizzava un classificatore separato.

Quanto segue è ciò che il ministro della Salute Karl Lauterbach ha affermato il 17 gennaio:

“…con la situazione attuale ad Amburgo… posso affermare senza dubbio che il problema era nel classificatore automatico del software. Il problema ora è risolto… ed è stato un errore e non è stato fatto apposta per incolpare in gran parte i non vaccinati della pandemia…”

La città di Amburgo non è stata l’unica a essere colpita da dati errati sul COVID.

A metà novembre, in Bayern, sono stati assegnati alla categoria dei non vaccinati 48.468 contagi con stato di vaccinazione incerto, portando il conteggio totale degli contagiati non vaccinati a 1469, rispetto ai 110 dei vaccinati.

Le contromisure COVID rivolte ai non vaccinati in Germania sono state attuate nel novembre 2021 e si basavano su queste due errate gestioni di big data.

Si pensa che circa 100.000 civili tedeschi si siano uniti a manifestazioni anti-obbligo negli ultimi tempi.

Come riportato in precedenza da Database Italia , secondo ampi scambi di e-mail ottenuti da un gruppo di avvocati in una controversia legale, il  ministero dell’Interno tedesco ha assunto scienziati per sviluppare un falsi modelli al fine di giustificare un rigoroso blocco .

Davide Donateo

26 Gennaio 2022

AMBURGO | “PANDEMIA DEI NON VACCINATI” E REGOLE OPPRESSIVE PER I NO-VAX COLPA DI UN ERRORE DEL SOFTWARE SECONDO IL MINISTRO DELLA SALUTE TEDESCO – Database Italia

 

--------------------------
Iscriviti al nostro canale Telegram
al nostro account Twitter
o visita la nostra pagina Facebook

--------------------------

Sharing - Condividi