Ennesima figuraccia dei “fact checker”. Scienziati israeliani confermano: vitamina D evita aggravarsi del Covid

«Abbiamo trovato notevole, e sorprendente, vedere la differenza nelle probabilità di diventare un paziente grave quando si è carenti di vitamina D rispetto a quando non lo si è», hanno affermato il dottor Amiel Dror, un medico del Galilee Medical Center e il ricercatore Bar Ilan, secondo quanto riporta il quotidiano The Times of Israel.

Da Israele arriva un’altra conferma circa l’utilità della vitamina D nel contrastare la Covid-19. Gli scienziati israeliani dicono di aver raccolto la prova più convincente fino a questo momento che l’aumento dei livelli di vitamina D può aiutare i pazienti Covid-19 a ridurre il rischio di malattia grave o di morte.

La carenza di vitamina D aumenta significativamente i livelli di pericolo, hanno concluso in una nuova ricerca peer-reviewed pubblicata nella giornata di giovedì sulla rivista PLOS One.

Lo studio si basa sulla ricerca condotta durante le prime due ondate del virus in Israele, prima che i vaccini fossero ampiamente disponibili, e i medici hanno sottolineato che gli integratori vitaminici non rappresentano un sostituto dei vaccini, ma piuttosto un modo per mantenere i livelli di immunità.

Con buoni livelli di vitamina D nel sangue, i ricercatori del nuovo studio israeliano hanno scoperto che i pazienti potrebbero evitare gli effetti peggiori della malattia.

Lo studio è stato condotto prima dell’apparizione sulla scena di Omicron, ma il dottor Amel Dror afferma che questo non incide sull’efficacia della vitamina D.

«Quello che stiamo vedendo con la vitamina D che aiuta le persone con infezioni da Covid è il risultato della sua efficacia nel rafforzare il sistema immunitario per affrontare gli agenti patogeni virali che attaccano il sistema respiratorio», ha spiegato a The Times of Israel. «Questo è ugualmente rilevante per Omicron come lo era per le varianti precedenti».

Nel mese di giugno, i ricercatori hanno pubblicato risultati preliminari che mostrano che il 26% dei pazienti con coronavirus sono morti se carenti di vitamina D poco prima del ricovero, rispetto al 3% che aveva livelli normali di vitamina D.

Hanno anche determinato che i pazienti ospedalizzati che erano carenti di vitamina D avevano 14 volte più probabilità, in media, di finire in condizioni gravi o critiche rispetto agli altri.

Il dottor Dror ha infine evidenziato che la ricerca del suo team ha dimostrato che l’importanza della vitamina D non è basata su dati incompleti o difettosi.

«Le persone dovrebbero imparare da questo che gli studi che indicano l’importanza di prendere la vitamina D sono molto affidabili, e non sono basati su dati distorti», ha affermato. “E sottolineano che tutti dovrebbero assumere un supplemento di vitamina D durante la pandemia, che, assunta in quantità ragionevoli in conformità con i consigli ufficiali, non ha alcuna controindicazione».

In questi due anni di pandemia diversi fact-checker si sono affannati nel bollare ogni indicazione favorevole al ruolo della vitamina D nel contrasto alla Covid come disinformazione, fake news, complottismo e via dicendo. Insomma, il solito armamentario che ben conosciamo. In primis Open di Mentana, incaricato addirittura di censurare a piacimento in giro per internet. Ancora una volta i fatti li smentiscono clamorosamente.

Fabrizio Verde
04 Febbraio 2022

Ennesima figuraccia dei “fact checker”. Gli scienziati israeliani confermano: la vitamina D evita l’aggravarsi del Covid – Emergenza Covid – L’Antidiplomatico (lantidiplomatico.it)

 

--------------------------
Iscriviti al nostro canale Telegram
al nostro account Twitter
o visita la nostra pagina Facebook

--------------------------

Sharing - Condividi