Ucraina, Stoltenberg (NATO): “L’Europa non fornirà più nessun aereo militare all’Ucraina”

Il segretario generale della NATO Jens Stoltenberg ha dichiarato martedì scorso che i membri dell’Unione Europea non trasferiranno nessun jet da combattimento per la guerra in Ucraina, dopo giorni di messaggi contrastanti da parte di funzionari di tutta Europa. Gli alleati della NATO forniscono diversi tipi di supporto militare: materiale, armi anticarro, sistemi di difesa aerea e altri tipi di equipaggiamento militare per l’Ucraina, aiuti umanitari e anche supporto finanziario. Ma la NATO non deve far parte del conflitto“, ha affermato Stoltenberg in un’apparizione congiunta con il presidente polacco Andrzej Duda alla base aerea di Łask del paese.

L’alleanza “non invierà truppe in Ucraina o sposterà aerei nello spazio aereo ucraino“, ha aggiunto Stoltenberg. L’invio di jet, simili ai caccia ucraini MiG-29 Fulcrum e Su-27 Flanker, nello spazio aereo ucraino equivarrebbe a un’interferenza militare nell’invasione russa del paese vicino, ha aggiunto Duda. I critici del piano hanno suggerito che l’eventuale trasferimento di eventuali aerei avrebbe messo in seri problemi la Polonia e altri paesi che avrebbero potuto potenzialmente donare aerei alla causa.

Una vertiginosa pubblicazione di notizie, anche noi avevamo scritto su questo argomento, si è scatenata sui social media e sulla stampa da domenica, quando Josep Borrell Alto Rappresentante dell’Unione Europea per gli affari esteri e la politica di sicurezza e vicepresidente della Commissione Europea e Alexandre Krauss, un alto consigliere del Parlamento europeo, avevano affermato che i jet europei sarebbero arrivati ​​in Ucraina …. anche entro un’ora dalle dichiarazioni. Altri giornali avevano affermato anche che i piloti ucraini erano arrivati ​​in Polonia per iniziare “il processo di presa del controllo degli aerei da combattimento che si aspettano che vengano donati“.

Come abbiamo scritto più volte la flotta dei caccia dell’aeronautica militare ucraina è costituita da un mix di MiG-29 Fulcrum, Su-27 Flanker e Su-25 Frogfoot, tutti di progettazione sovietica. Nessun paese all’interno dell’Unione Europea gestisce i Su-27, al contrario dei MiG-29 o dei Su-25. Ciò ha quindi suggerito un possibile trasferimento di MiG-29 o di Su-25.

Polonia, Slovacchia e Bulgaria volano ancora tutte con diverse varianti del Fulcrum, che potevano essere trasferite e messe in servizio molto rapidamente. In particolare la Bulgaria dovrebbe avere 11 Fulcrum in servizio, la Polonia ne dovrebbe avere 24, mentre la Slovacchia ne avrebbe 10 aerei. I caccia bulgari hanno visto alcuni modesti miglioramenti mentre i caccia polacchi e slovacchi sono stati notevolmente migliorati. Invece i Su-25 Frogfoot sono operativi in Bulgaria con aggiornamenti terminati nel 2021. Tutto considerato, questi ultimi sono ancora in uso e sembrava improbabile che l’aviazione bulgara avesse deciso trasferirli in Ucraina. Tutti i tre citati paesi hanno poi confermato che non trasferiranno nessun aereo a Kyiv [Kiev].

Gli A-10 Warthog all’Ucraina??!!

Alle notizie sugli aerei europei è seguita anche la notizia, questa piuttosto folle, di un ipotetico trasferimento di ben tre squadroni di A-10 Warthog americani in Ucraina, per contrastare le truppe corazzate russe. L’intero trasferimento all’aviazione ucraina sarebbe stato completato dopo un’autorizzazione del Congresso. Secondo DefenseNews sarebbe molto veloce l’addestramento dei piloti ucraini sull’A-10, noi la vediamo invece un’operazione piuttosto complessa, costosa e con tempi di realizzazione non compatibili con l’azione dell’esercito russo che, se stabilisse anche la superiorità aerea nei cieli di Kyiv, esporrebbe gli A-10 alla totale distruzione.

Il segretario dell’US Air Force Frank Kendall ha affermato invece di “non essere a conoscenza di alcun piano attuale, né di alcuna discussione su un piano in corso per schierare o fornire A-10 agli ucraini“. Anche il capo di stato maggiore dell’aeronautica militare USA, il generale CQ Brown, ha dato una risposta simile. “Non sono a conoscenza di discussioni o piani all’interno dell’aeronautica degli Stati Uniti per fornire A-10 all’Ucraina“, ha detto. Sebbene non abbia parlato in modo specifico della capacità dell’Ucraina di assorbire l’A-10, ha aggiunto che per qualsiasi forza aerea che riceve nuove capacità, ci vorrebbe del tempo per “addestrarsi e prepararsi a svolgere” una missione.

USAF photo by Staff Sgt. Brian J. Valencia

Mentre una lunga fila di carri armati russi e altri veicoli si spinge in Ucraina e si dirige verso Kiev e altre grandi città, l’Ucraina ha utilizzato tutto ciò che aveva a sua disposizione, aerei da combattimento, droni e missili lanciati da terra, tra le altre capacità per cercare di eliminare più mezzi terrestri possibile. Certo tre squadroni di A-10 farebbero veramente la differenza ma, anche in questo caso, sarebbe una decisa interferenza della NATO nel conflitto.

Un altro problema evidente con l’idea che l’US Air Force trasferisca i suoi A-10 in Ucraina è che sarebbe richiesto per legge di conservare tutti i 281 Warthog attualmente nel suo inventario. Sebbene l’USAF avesse sperato di mettere fuori servizio 42 A-10 durante quest’anno fiscale, l’NDAA FY22 alla fine dell’anno scorso vietava qualsiasi riduzione del numero di questo “insostituibile” aereo da combattimento. Non possiamo che essere d’accordo!

L’Europa non fornirà più nessun aereo militare all’Ucraina e anche gli USA non forniranno gli ….. A-10 – Aviation Report (aviation-report.com)

--------------------------
Iscriviti al nostro canale Telegram
al nostro account Twitter
o visita la nostra pagina Facebook

--------------------------

Sharing - Condividi