Maria Zakharova: “USA smettano di intimidire ed infastidire i giornalisti russi”

Mosca chiede a Washington di smettere di esercitare pressioni sui rappresentanti dei media russi che lavorano negli Stati Uniti. Lo afferma il commento del rappresentante ufficiale del ministero degli Esteri russo Maria Zakharova distribuito oggi alla stampa.

“Chiediamo la fine immediata delle molestie nei confronti dei giornalisti russi, fornendo loro condizioni di lavoro normali in conformità con gli standard della libertà di parola, di cui Washington ama parlare così tanto e così ipocritamente”, ha detto.

Secondo il diplomatico, le autorità statunitensi stanno cercando di complicare il lavoro dei giornalisti russi negli Stati Uniti. “Nuove restrizioni sono state imposte ai giornalisti russi ufficialmente accreditati negli Stati Uniti, progettate per rendere le loro attività professionali le più difficili possibile o per intimidirli costringendoli ad andarsene”, ha detto Zakharova.

In particolare, come ha sottolineato il rappresentante ufficiale del ministero degli Esteri russo, i dipendenti del Federal Bureau of Investigation degli Stati Uniti hanno cercato di fare pressione sul capo dell’ufficio corrispondente di uno dei media russi a Washington. L’obiettivo è ovvio: sbilanciare i giornalisti e cercare di coinvolgerli in una “cooperazione” compromettente, ha detto, aggiungendo che questo tentativo non ha avuto successo.

“Tuttavia, la situazione in cui i corrispondenti “indesiderabili” che informano su eventi (privi di quella “propaganda” tanto gradita a Washington), sono sottoposti a pressioni da parte dei servizi speciali è tipica della campagna russofoba lanciata negli Stati Uniti nello spirito della “caccia alle streghe”, ha concluso Zakharova.

MOSCA, 13 maggio. /TASS/

(traduzione e rielaborazione testo: ambienteweb.org – ci scusiamo per eventuali imprecisioni)

Zakharova ha chiesto alle autorità statunitensi di smettere di molestare i giornalisti russi – Politica – TASS

--------------------------
Iscriviti al nostro canale Telegram
al nostro account Twitter
o visita la nostra pagina Facebook

--------------------------

Sharing - Condividi