Di Maio e quelle “milioni di morti future”

Di Maio ha incolpato la Russia di “milioni di morti future”, “bloccando l’export del grano la Russia tiene in ostaggio e condanna alla morte milioni di bambini, uomini e donne in tutto il mondo.

La Russia “usa il cibo come arma”, questo “diventa un’aggiunta agli altri suoi crimini e atrocità che tutti abbiamo visto in Ucraina”.

Di Maio, ogni giorno si permette di oltrepassare una linea rossa in più, la cosa sta diventando vomitevole, tanto sono enormi e inaccettabili le bugie che dice.

Almeno sa il Di Maio che i nazionalisti ucraini hanno bruciato 50.000 tonnellate di grano nel porto di Mariupol’? O non lo sa?

Lo hanno fatto prima di andarsene,  come fanno sempre  i nazisti in Ucraina: bruciare, rovinare tutto per non lasciare niente di intatto “ai russi”.

Che dire poi del ridicolo atto del Di Maio che convoca alla Farnesina l’ambasciatore Razov per redarguirlo (!!): “inaccettabile l’accusa di amoralità, nessuna campagna mediatica anti-russa”. Il segretario generale del Ministero degli Affari Esteri della Cooperazione Internazionale della Repubblica Italiana Ettore Francesco Sequi ha respinto le accuse di coinvolgimento dei media italiani in una ‘campagna anti-russa’”.

Ma la verità è sotto gli occhi di tutti, i fatti rimangono fatti: la linea di propaganda che sta dominando nei media italiani difficilmente può essere qualificata altrimenti che come ostile verso la Russia e Putin.

Di Maio ogni giorno non fa altro che bruciare tutti i ponti con la Russia.

Marinella Mondaini

08/06/2022

Di Maio e quelle “milioni di morti future” – Dalla Russia – L’Antidiplomatico (lantidiplomatico.it)

--------------------------
Iscriviti al nostro canale Telegram
al nostro account Twitter
o visita la nostra pagina Facebook

--------------------------

Sharing - Condividi