Le armi contro i civili di Donetsk erano italiane? Opponiamoci all’escalation bellica: #AggiungetemiAllaLista

Chissà se i missili che hanno ucciso i civili al mercato di Donetsk, in questi giorni, erano stati forniti all’Ucraina dal Governo italiano.

Ce lo stiamo chiedendo in molti.

Chi si è opposto all’escalation bellica, chi ha invocato una soluzione diplomatica e lo stop all’invio di armi da parte dell’Italia, è stato schedato e inserito in una lista pubblicata dal Corriere della Sera.

Da anni in Ucraina, reporter, intellettuali, politici e cittadini che si oppongono alla linea del Governo di Kiev sono schedati in una lista voluta dal consigliere del Ministero degli Interni, sempre aggiornata e consultabile online.

Noi viviamo in un paese che si dice democratico, in cui non è accettabile siano utilizzate modalità basate sulla messa alla gogna di soggetti precedentemente schedati.

Per questo è importante essere solidali e non lasciarsi intimidire.

Nel ringraziare tutti coloro che stanno sostenendo con coraggio questa campagna di solidarietà, chiediamo, come gesto di unione, di continuare a far circolare una semplice scritta preceduta da un hashtag:

#AggiungetemiAllaLista

Che sia il nostro motto di solidarietà, affinché in futuro nessuno debba avere paura di manifestare il proprio pensiero o debba temere nel raccontare fatti, testimoniando un’altra verità.

Solo se restiamo uniti, possiamo resistere.

Sara Reginella

14/06/2022

Le armi contro i civili di Donestsk erano italiane? Opponiamo all’escalation bellica: #aggiungetemiallalista – Mondo e Psicologia – L’Antidiplomatico (lantidiplomatico.it)

--------------------------
Iscriviti al nostro canale Telegram
al nostro account Twitter
o visita la nostra pagina Facebook

--------------------------

Sharing - Condividi