“Il consumo di carne e derivati animali sta distruggendo il pianeta”, metti una firma

L’industria di carne e derivati animali dovrebbe essere privata degli aiuti pubblici proprio perché comporta gravi costi ambientali. È paradossale che si continui a trascurare di prendere provvedimenti contro la prima causa dei cambiamenti climatici.

Stop ai macelli

“Il problema è che i cambiamenti avvengono ad una velocità, ma la distruzione del pianeta avviene ad una velocità molto superiore.

Quindi l’unico modo è velocizzare la velocità dei cambiamenti culturali, scientifici, economici, di qualsiasi tipo”. (Dr. Massimo Tettamanti, intervista a Radioveg.it del 14 ottobre 2021)

I CARE EUROPE odv aderisce all’ICE End The Slaughter Age (Metti fine all’era dei macelli).

Sul manifesto dell’ICE si legge: “È intenzione dell’organizzazione di carattere sovranazionale End The Slaughter Age (ETSA), lanciare un piano da proporre alla Commissione europea (la Commissione) tramite la realizzazione di una raccolta firme, grazie al diritto di iniziativa dei cittadini europei (ICE), per realizzare una nuova normativa che abbia l’obiettivo di facilitare una transizione dai prodotti ottenuti tramite l’allevamento, la macellazione e la caccia, a prodotti privi di crudeltà come quelli plant-based e quelli realizzati grazie all’agricoltura cellulare, agricoltura acellulare (a fermentazione), acquacoltura cellulare e tecnologie simili”.

Più oltre: “Il consumo di carne e derivati animali sta distruggendo il pianeta.

Secondo studi di ricercatori di Oxford e di Amsterdam, la produzione di carne coltivata emetterebbe il 4% dei gas serra, contro il 18% di emissioni dirette e il 51% contando anche quelle indirette della carne ottenuta tramite macellazione.

La carne coltivata ridurrebbe i consumi energetici per la produzione della carne del 45%, richiedendo solo il 2% di tutte le terre utilizzate oggi per l’industria dell’allevamento.”

E poi:” Secondo uno studio del Center for Sustainable System dell’Università del Michigan, il Beyond Burger genera il 90% in meno di emissioni di gas serra, richiede il 46% in meno di energia non rinnovabile, ha un impatto del 99% in meno sulle risorse idriche e del 93% in meno sull’uso del suolo rispetto alla stessa quantità di carne bovina.”

Dunque i prodotti ottenuti tramite l’agricoltura cellulare e i prodotti a base vegetale hanno un impatto ambientale estremamente inferiore rispetto a quelli ottenuti col metodo tradizionale.

L’ICE vuole chiedere all’UE di abolire tutti i finanziamenti pubblici all’industria della carne e dei derivati animali per spostarli verso le alternative vegetali e l’agricoltura cellulare (carne coltivata, latte coltivato, uova coltivate e pesce coltivato) e altre tecnologie.

L’industria di carne e derivati animali dovrebbe essere privata degli aiuti pubblici proprio perché comporta gravi costi ambientali.

È paradossale che si continui a trascurare di prendere provvedimenti contro la prima causa dei cambiamenti climatici.

Pertanto firmate in massa:

https://eci.ec.europa.eu/025/public/#/screen/home

I vostri dati sono tutelati perché raccolti sul sito dell’Unione Europea.

Non ci sono scuse per non firmare!

Per maggiori informazioni: www.endtheslaughterage.eu

CODICE FISCALE 95064870124

Per destinare il tuo 5×1000 ad I-Care Europe inserisci il numero 95064870124 nel riquadro per il Finanziamento della ricerca scientifica e dell’Università della denuncia dei redditi e la tua firma.

rIcerCARE
PER SOSTENERE LA RICERCA CHE NON CREA MORTE E SOFFERENZA
http://www.ricer.care/dona/  
--------------------------
Iscriviti al nostro canale Telegram
al nostro account Twitter
o visita la nostra pagina Facebook

--------------------------

Sharing - Condividi