Ministero Esteri russo: l’Occidente non vuole rispondere alle domande sulle attività dei suoi mercenari in Ucraina

I paesi occidentali non vogliono rispondere alle domande della parte russa in merito alle attività dei loro mercenari in Ucraina. Lo ha affermato domenica la rappresentante ufficiale del ministero degli Esteri russo Maria Zakharova in onda del programma “Domenica sera con Vladimir Solovyov”.

“Loro [i paesi occidentali] sono impegnati, come ha detto [l’ambasciatore russo a Londra Andrei] Kelin, scrivono alcuni documenti provocatori e sfacciati. Ma non vogliono rispondere alle domande che poniamo loro, sulle attività che conducono “, ha detto il diplomatico, rispondendo alla domanda se gli americani e gli inglesi abbiano fatto appello alla Russia sul destino dei loro cittadini che partecipano alle ostilità in Ucraina.

Allo stesso tempo, il diplomatico ha sottolineato che l’Occidente sta facendo di tutto per garantire che il conflitto in Ucraina duri il più a lungo possibile. “Stanno facendo di tutto per allungare il più possibile il conflitto sul territorio dell’Ucraina. Ricordiamo ciò che [l’ex presidente degli Stati Uniti] George W. Bush ha detto: la missione dell’Ucraina è quella di uccidere il maggior numero possibile di russi. <… > Hanno dato all’Ucraina e al regime di Kiev questa funzione, usano [l’Ucraina] come strumento, e l’intera logica è costruita attorno a questo – la fornitura di armi, la fornitura di persone, il proprio popolo, qualsiasi cosa, se solo, come [il primo ministro britannico] Boris Johnson ha detto oggi a [il presidente francese Emmanuel] Macron, non ci sarà modo di fermare il conflitto e risolvere questa situazione, altrimenti il loro piano crollerà”. Zakharova ha aggiunto.

MOSCA, 26 giugno. /TASS/

МИД РФ: на Западе не хотят отвечать на вопросы о деятельности своих наемников на Украине – ТАСС (tass.ru)

 

****

 

Nella LPR ha riferito la presenza a Lisichansk di oltre 120 mercenari provenienti da Gran Bretagna, Francia e Stati Uniti

Mercenari dalla Polonia e più di 120 britannici, francesi e americani sono a Lysychansk, che è stata presa d’assalto da parti della Repubblica popolare di Luhansk. Lo ha annunciato domenica l’assistente TASS del Ministro degli Affari Interni della LPR Vitaly Kiselev.

“Da Lysychansk stanno cercando di fuggire in piccoli gruppi a Solidar, Kramatorsk e mercenari ancora più lontano – nella zona di Pavlograd < … >. Anche a Lysychansk [ci sono] polacchi – PMC, inglesi – 37 persone, francesi – 21 persone, americani – 64 persone. Questi sono dati preliminari della nostra intelligence e informazioni che riceviamo da Lisichansk dai residenti locali “, ha detto Kisilev.

Secondo lui, circa 12.000 soldati ucraini sono ora concentrati nell’area di Lysychansk.

In precedenza, il rappresentante ufficiale del Ministero della Difesa della Russia, il tenente generale Igor Konashenkov, ha dichiarato che quattro depositi di munizioni e la periferia occidentale di Lisichansk sono stati colpiti dall’aviazione, dalle truppe missilistiche e dall’artiglieria delle forze armate russe. Il dipartimento ha anche riferito che le truppe russe e le unità della LPR hanno bloccato la città da sud.

LUGANSK, 26 giugno. /TASS/

В ЛНР сообщили о нахождении в Лисичанске более 120 наемников из Британии, Франции и США – ТАСС (tass.ru)

--------------------------
Iscriviti al nostro canale Telegram
al nostro account Twitter
o visita la nostra pagina Facebook

--------------------------

Sharing - Condividi