La Rassegna Stampa TASS: il mondo visto da Mosca

Del 18/07/2022

Vedomosti: la visita di Biden in Medio Oriente cade piatta

Dopo la visita del 13-16 luglio in Israele e Arabia Saudita, il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha annunciato che Washington continuerà ad attuare la sua politica attiva nella regione, secondo Reuters. Tuttavia, il leader americano non è riuscito a creare un sistema di sicurezza regionale condiviso per i paesi arabi e Israele al fine di contrastare l’Iran. Anche i suoi tentativi di convincere l’Arabia Saudita ad aumentare la produzione di petrolio non sono riusciti a fallire.

L’esperto ha aggiunto che le possibilità che l’Arabia Saudita ceda agli Stati Uniti e violi gli accordi precedenti sulla diminuzione della produzione di petrolio nel quadro dell’OPEC + sono scarse. Una tale mossa porterebbe a una guerra dei prezzi e al crollo dei prezzi. Questo è assolutamente poco pratico per le autorità saudite, quindi la produzione di petrolio può essere aumentata solo se gli Stati Uniti usano alcune speciali leve di pressione su Riyadh, ha aggiunto l’esperto.

Strategicamente, l’influenza americana in Medio Oriente si ridurrà gradualmente, secondo il direttore generale del Consiglio russo per gli affari internazionali Andrey Kortunov. A suo parere, la visita di Biden non è stata esattamente un fallimento, ma non ha risolto alcun problema significativo nelle relazioni tra Washington e il mondo arabo. Le monarchie del Golfo Persico hanno ancora dubbi sul fatto che il Medio Oriente sia una priorità per gli Stati Uniti nella sfera della sicurezza. Detto questo, il riavvicinamento di Arabia Saudita e Israele continua nonostante i colloqui falliti su un blocco difensivo regionale. Indirettamente, gli stessi Stati Uniti ostacolano l’unificazione degli stati arabi e di Israele sull’agenda anti-iraniana poiché la loro fiducia è minata da Biden che tiene colloqui con l’Iran al ritorno all’accordo nucleare. I sauditi, proprio come altri attori chiave del Medio Oriente, continueranno a trovare un equilibrio tra Cina, Russia e Stati Uniti. Faranno alcune concessioni agli Stati Uniti, ma Washington non sarà sempre in grado di far passare i suoi interessi. Le consultazioni tra gli Stati Uniti e gli Emirati Arabi Uniti sull’introduzione di sanzioni contro i russi esemplificano tali tentativi falliti, ha osservato l’esperto. Gli Emirati hanno adottato una posizione neutrale nei confronti degli eventi in Ucraina e non hanno aderito alle restrizioni anti-russe.

 

Izvestia: la crisi ucraina si svolge lungo lo scenario del “grande gioco” dell’Occidente contro la Russia – Lavrov

In generale, la crisi ucraina fa parte del “grande gioco” dell’Occidente contro la Russia seguendo uno scenario delineato dal defunto Zbigniew Brzezinski che è stato consigliere per la sicurezza nazionale degli Stati Uniti nel 1977-1981, ha detto il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov in un’intervista con Izvestia pubblicata lunedì.

“Se si guarda agli eventi attuali attraverso il prisma della storia, allora l’intera crisi ucraina è vista come un ‘grande gioco’ secondo lo scenario promosso una volta da Zbigniew Brzezinski. Tutti i discorsi sulle buone relazioni, sulla disponibilità dell’Occidente a prendere in considerazione i diritti e gli interessi di quei russi che si sono trovati nell’Ucraina indipendente e in altri paesi post-sovietici dopo la disgregazione dell’URSS si sono rivelati nient’altro che un atto. Nei primi anni 2000, Washington e l’Unione Europea hanno iniziato a chiedere apertamente che Kiev decidesse se è con l’Occidente o con la Russia “, ha sottolineato il diplomatico di alto livello.

Ha aggiunto che dal 2014, l’Occidente ha “gestito incondizionatamente il regime russofobo che ha portato al potere attraverso un colpo di stato”, “Portare [il presidente ucraino Vladimir] Zelensky in prima linea in qualsiasi forum internazionale più o meno evidente fa anche parte di questo atto graduale. Parla, pronuncia discorsi appassionati e quando improvvisamente propone qualcosa di ragionevole, riceve uno schiaffo al polso, come se fosse dopo il round di colloqui russo-ucraini di Istanbul. Allora, alla fine di marzo, sembrava che nel dialogo emergesse qualche speranza, eppure Kiev è stata costretta a fare marcia indietro, usando, tra le altre cose, l’episodio di Bucha apertamente messo in scena”, ha spiegato il ministro degli Esteri russo.

 

Rossiyskaya Gazeta: evitare i prodotti energetici russi potrebbe portare alla caduta dell’UE

Un embargo sull’importazione di petrolio e carbone russi e una diminuzione delle importazioni di gas russo possono portare sempre più alla stratificazione economica dell’Unione europea. Attualmente, quattro mesi prima dell’inizio della stagione di riscaldamento, le cifre su quanto sono riempiti gli impianti di stoccaggio sotterranei europei mostrano chiaramente che i paesi più poveri sono i peggiori.

Negli ultimi anni, l’Europa ha condotto diversi esperimenti molto pericolosi con la propria economia, ha sottolineato il direttore del Fondo nazionale per la sicurezza energetica Konstantin Simonov. Questi includono la strategia di transizione energetica, evitando il carbone e il petrolio russi, nonché gli sforzi per ridurre l’importazione di gas dalla Russia. Queste “lacune” devono essere colmate con i soldi. Ognuna di queste azioni richiede ulteriori miliardi di euro che non tutti hanno. Ciò può portare a un aumento della povertà energetica e alla segregazione dell’Europa lungo linee economiche, ha osservato l’esperto.

“Se il buon senso non prevale in Europa, cosa che spero molto, allora le forze centrifughe potrebbero intensificarsi e quindi i tentativi dei paesi di lasciare l’UE sono del tutto possibili”, ha avvertito l’esperto, osservando che il processo potrebbe essere una valanga. Secondo l’esperto, l’Unione europea non è ancora sopravvissuta alla sua utilità e può continuare ad esistere per molto tempo, ma quando i progetti politici non sono sostenuti dalla potenza economica sono destinati a fallire.

 

Izvestia: Quando la Russia sarà in grado di creare il suo petrolio di riferimento?

La definizione del proprio benchmark petrolifero è una soluzione importante sulla strada per superare la dipendenza dalle agenzie straniere di prezzi del petrolio, tuttavia, lanciare il trading su una piattaforma nazionale nell’autunno del 2023 è un compito difficile, hanno detto gli analisti a Izvestia. Secondo il piano del governo russo, è proprio il petrolio di riferimento nazionale che sarà scambiato su una piattaforma nazionale che creerà il prezzo effettivo senza pressioni e restrizioni esterne. Gli esperti ritengono che affinché un marchio petrolifero diventi un punto di riferimento, diversi fattori dovrebbero unirsi: volumi sufficienti di forniture effettive, convenienza delle spedizioni e fiducia degli acquirenti. Quest’ultimo aspetto è cruciale poiché significa che gli attori del mercato dovrebbero avere fiducia nella qualità del petrolio, nella stabilità delle spedizioni e nella loro capacità di acquistarlo e venderlo con spese minime.

“Non è del tutto chiaro perché Platts e Argus ‘dettano’ i prezzi a noi, e non solo sul petrolio greggio ma anche sui prodotti petroliferi. Il meccanismo della loro formazione non è trasparente, per usare un eufemismo”, osserva il professore associato presso l’Università finanziaria del governo russo Valery Andrianov. “Inoltre, il sistema fiscale nazionale per l’industria petrolifera si basa proprio su queste cifre stabilite dalle società provenienti da stati ostili. Questo non dovrebbe essere, e la formazione del nostro benchmark è una soluzione importante sulla strada per superare la dipendenza dalle agenzie di prezzi straniere “, ha osservato, aggiungendo che nel complesso, l’emergere di un nuovo punto di riferimento sul mercato che non dipende dalla pressione politica dell’Occidente renderà il sistema commerciale internazionale più trasparente, economicamente logico e meno impegnato politicamente.

“Di per sé, i marchi di riferimento sono un’illusione, sono stati storicamente basati sulle proprietà fisiche delle materie prime in depositi specifici, eppure al giorno d’oggi questi depositi, soprattutto il Brent nel Mare del Nord, sono esauriti e non si adattano alla parte di un punto di riferimento dei prezzi. Allo stesso tempo, la miscela di esportazione degli Urali russi con una potente base di materie prime dietro di essa, non è un marchio di riferimento e il suo prezzo de facto è definito dalle quotazioni per i benchmark stranieri “, ha detto a Izvestia.

Secondo il capo dell’Energy Development Center Kirill Melnikov, in realtà, non è Brent ma il marchio degli Urali che è stato il più popolare in Europa negli ultimi cinque-sette anni. “Al giorno d’oggi, la creazione del nostro benchmark è vista come un modo per la Russia di ridurre la dipendenza dalla formazione dei prezzi basata sul Brent e un passaggio alla vendita di petrolio per rubli o valute nazionali degli acquirenti, nonché creare il nostro punto di riferimento per la tassazione dell’industria petrolifera e del gas”, ha aggiunto l’esperto.

 

Rossiyskaya Gazeta: gli esperti prevedono che la Banca centrale abbasserà nuovamente il tasso di riferimento

Nella riunione programmata del Consiglio di amministrazione di venerdì, la Banca di Russia continuerà ad abbassare il tasso di riferimento, pensano gli analisti. Secondo le loro previsioni, diminuirà di non meno di mezzo punto percentuale, cioè almeno al 9% all’anno. Il continuo abbassamento del tasso di riferimento è giustificato dalla bassa inflazione negli ultimi due mesi, dalla debole domanda dei consumatori e dal rallentamento dei prestiti.

Secondo Sergey Grishunin, amministratore delegato del servizio di rating della NRA, venerdì la Banca centrale potrebbe abbassare il tasso chiave all’8,5-9% annuo con il 9% che è una cifra più probabile. Tuttavia, se la Banca di Russia decide che il profitto derivante dall’abbassamento del tasso di riferimento è superiore alle perdite dell’economia derivanti dai rischi di inflazione, allora il tasso chiave sarà abbassato di un punto percentuale, pensa l’esperto.

L’abbassamento del tasso chiave è di solito un fattore di indebolimento del rublo, ma nella situazione attuale questa interrelazione non funzionerà pienamente, mentre il tasso di cambio della valuta russa sarà determinato soprattutto dalla bilancia dei pagamenti del paese e dal grado di misure di controllo valutario, afferma il direttore del Dipartimento delle operazioni sui mercati finanziari della Russian Standard Bank Maxim Timoshenko. Secondo le sue previsioni, è probabile che il ciclo di abbassamento del tasso di riferimento continui. “Entro la fine di quest’anno, ci aspettiamo che il tasso chiave sia al livello del 7,5-8% annuo”, ha osservato l’esperto.

TASS non è responsabile per il materiale citato in queste rassegne stampa

Rassegna stampa: Il tour di Biden in Medio Oriente fallisce e l’evitamento dell’energia russa potrebbe far crollare l’UE – Rassegna stampa – TASS

--------------------------
Iscriviti al nostro canale Telegram
al nostro account Twitter
o visita la nostra pagina Facebook

--------------------------

Sharing - Condividi