Tony Blair: “Stiamo raggiungendo la fine del dominio politico ed economico dell’Occidente”

Il mondo sta per affrontare cambiamenti geopolitici globali e una transizione verso il multipolarismo, e l’era del dominio occidentale sta volgendo al termine, secondo Tony Blair, primo ministro del Regno Unito dal 1997 al 2007, protagonista insieme al suo omologo statunitense George. W Bush delle guerre criminali in Afghanistan e Iraq.

“Stiamo raggiungendo la fine del dominio politico ed economico dell’Occidente.  Il mondo sarà almeno bipolare e possibilmente multipolare”,  ha affermato nel suo discorso a una conferenza annuale organizzata dalla Ditchley Foundation. L’ex leader del Partito laburista ha sottolineato che “il più grande cambiamento geopolitico di questo secolo verrà dalla Cina, non dalla Russia” che è “la prima volta nella storia moderna che l’Oriente può essere alla pari con l’Occidente”.

“La seconda superpotenza del mondo”

Blair ha spiegato che il colosso asiatico “è già la seconda superpotenza al mondo” e sebbene la Russia “abbia una potenza militare significativa”, “la sua economia è il 70% quella italiana”, quindi la potenza di Pechino “è accesa un livello completamente diverso”. Ha anche segnalato che la Cina “ha più di 1.300 milioni di abitanti: molti di più dell’intera popolazione di Europa e Nord America messe insieme”, mentre “la sua economia è vicina a quella degli Stati Uniti”.  “Negli ultimi due decenni, si è impegnata attivamente e con successo con il mondo costruendo connessioni su cui, come posso attestare, c’è una profonda riluttanza, anche da parte degli alleati tradizionali dell’America, a muoversi”, ha aggiunto.

Allo stesso tempo, l’ex politico britannico ha indicato che le autorità cinesi stanno agendo in modo sempre più aggressivo, non nascondono che trattano con disprezzo i paesi occidentali, si avvicinano alla Russia e vogliono finalmente risolvere il problema dell’isola di autogoverno di Taiwan, con la propria amministrazione ed è ferma nella sua determinazione a difendere la propria sovranità. “Non fraintendetemi. Non sto dicendo che a breve termine la Cina proverà a prendere Taiwan con la forza, ma non possiamo basare la nostra politica sulla certezza che non lo farà. Nemmeno mettendo da parte Taiwan, la realtà è che la Cina, sotto la guida di Xi [Jinping], è in competizione per l’influenza e lo sta facendo in modo aggressivo”.

Una politica di “forza e più impegno” verso Pechino

Secondo Blair, Pechino non sarà sola e avrà alleati: Mosca e, possibilmente, Teheran. Come monito all’Occidente, l’ex capo del governo britannico ha evidenziato le divergenze nelle posizioni dei Paesi del G20 sulla questione ucraina e ha esortato a fondare i rapporti con Pechino sul principio della “forza più compromesso”. Ha sottolineato che l’Occidente “dovrebbe aumentare la spesa per la difesa e mantenere la superiorità militare”, rimanendo abbastanza forte per affrontare il Paese asiatico in qualsiasi scenario futuro, mantenendo i legami con la Cina, essendo pragmatico ma non aggressivo e dimostrando la propria volontà di mantenere relazioni di rispetto reciproco.

L’ex primo ministro ha anche esortato le nazioni occidentali a fare un uso maggiore del “soft power”, poiché ha ricordato che i paesi in via di sviluppo sono ora molto più cauti nel trattare con i partner cinesi che si offrono di investire nelle loro economie. “L’Occidente è stato miserabile nello spazio del ‘soft power’ negli ultimi anni”, ha detto. “Non solo la Cina, ma anche la Russia, la Turchia e persino l’Iran stanno riversando risorse nel mondo in via di sviluppo e mettendo radici profonde nelle sfere della difesa e della politica. Nel frattempo, l’Occidente e le istituzioni internazionali che controlla sono caduti in discredito. burocrazia, sono stati privi di fantasia e spesso politicamente invadenti senza essere politicamente efficaci”, ha aggiunto.

Un focus sui paesi in via di sviluppo

Secondo Blair, l’Occidente deve ottenere il sostegno della prossima generazione di leader africani, la cui popolazione “raddoppierà nei prossimi 30 anni”. “Dovremmo aiutare la nuova generazione di leader africani a crescere in modo sostenibile, a riformare l’agricoltura in modo che i paesi con ampi appezzamenti di seminativi non siano insicuri dal punto di vista alimentare e a trasformare e aggiungere valore ai prodotti di cui dispongono in abbondanza”.

Ha inoltre indicato che anche il Medio Oriente, l’India e l’Indonesia dovrebbero essere priorità della politica estera occidentale. Non dobbiamo rinunciare alla leadership in Medio Oriente. Questo non ha nulla a che fare con il petrolio. “Nemmeno la sicurezza nel senso stretto della collaborazione con gli alleati per contrastare gli atti terroristici pianificati. Il movimento di modernizzazione che sta investendo la regione […] è di enorme importanza per la nostra sicurezza a lungo termine”. “L’India, che potrebbe e dovrebbe raggiungere lo status di superpotenza, ed è già la più grande democrazia del mondo, deve essere tenuta fuori dalla nostra attenzione e dal nostro pensiero. È essenziale costruire relazioni solide con nazioni emergenti come l’Indonesia”, ha concluso.

L’AntiDiplomatico

17/07/2022

Tony Blair: “Stiamo raggiungendo la fine del dominio politico ed economico dell’Occidente” – WORLD AFFAIRS – L’Antidiplomatico (lantidiplomatico.it)

--------------------------
Iscriviti al nostro canale Telegram
al nostro account Twitter
o visita la nostra pagina Facebook

--------------------------

Sharing - Condividi