[Rete Ambientalista] Un “Partito della Pace” che si presenta alle elezioni?

In questa intervista di Laura Tussi (clicca qui), dopo il vertice di Madrid che ha lanciato la Nato quale alleanza militare  dell’ “Occidente contro il resto del mondo”, Giorgio Cremaschi  auspica la nascita di un Partito della Pace:

<< Oggi abbiamo una maggioranza politica guerrafondaia che va da Draghi a Letta fino a Giorgia Meloni passando per Leu, per Salvini e per Berlusconi [e per Cinquestelle N.D.R). Penso che questa sia una grande discriminante: ossia considero ridicolo e dannoso che ci siano persone che si dicevano e dichiaravano pacifisti e che poi magari sul piano politico finiscono per allearsi con il partito della Nato e della Confindustria che oggi è il Partito Democratico o che comunque diano un sostegno diretto e indiretto dal governo Draghi. È una discriminante politica. Il partito della Pace esiste se appunto in politica non si fanno trasformismi perché altrimenti non è il partito della Pace è un partito trasformista che usa la parola pace perché ogni tanto serve perché la maggioranza degli italiani è contro la guerra. Però il partito della Pace oggi ancora non l’ho visto. Non esiste. Questa è la verità. Noi siamo di fronte a una crisi profondissima della nostra democrazia. Perché quando noi abbiamo il 55 – 60% degli italiani che dicono di essere contro la guerra, contro il coinvolgimento dell’Italia in guerra, e sono contrari all’invio di armi, e abbiamo invece il 95% del Parlamento che vota per continuare la guerra – perché di questo si tratta – noi siamo di fronte a una crisi enorme di democrazia. O questo 55 per cento trova una sua rappresentanza contro il 95, oppure questo 55 non porterà a niente e sarà imbrogliato. >>

Siamo in tanti a concordare che nel Paese un Partito della Pace di fatto esiste ma che non è rappresentato in Parlamento. Dunque la domanda che ci si pone è: bisogna costituire un  nuovo partito che si presenti alle elezioni? La discussione non è nuova.

Personalmente ho partecipato attivamente al grande dibattito che dieci anni fa impegnò i Movimenti italiani, prima e dopo i Referendum, in merito alla costituzione di un “Nuovo Soggetto Politico Nazionale per un Modello alternativo di sviluppo e di politica”, con tanto di solida “Piattaforma programmatica”.  Purtroppo, come anche documentai diffusamente  sul mio libro (*), il disegno si arenò perché i due motori  destinati a trainarlo  si incepparono non fondendosi: in Valsusa per eccesso di  egotismo ma soprattutto a Roma per la egoistica miopia del Forum per l’acqua pubblica. Così fu sprecata l’occasione storica della vittoria referendaria che ci aveva promosso quale indiscutibile “Soggetto politico nazionale”. Sconfitta storica. Occasione storica irripetibile: così la definii a suo tempo, ma chi non sarebbe felice di ricredersi per il prossimo futuro? Oggi, in condizioni contraddittorie (Movimenti indeboliti e astensionismo maggioritario) si può tentare? Forse, purchè più propriamente non si parli di Partito (della Pace) bensì di Movimento ecopacifista. Infatti, pace -nonviolenza -ecologia -ambiente -salute -diritti universali -beni comuni -economia -tecnologia -giustizia sociale  sono elementi inscindibili  per un successo elettorale: di una grossa e grande minoranza in questo vuoto politico che ha smarrito le dimensioni della crisi ecologica. Ne parlavo proprio pochi giorni fa con Maurizio Pallante, riproponendo in autunno una discussione ampia che coinvolga gli interlocutori storici che rappresentano i Movimenti, vecchi e nuovi, piccoli e grandi, escludendo ogni riferimento con i partiti presenti o passati.  Ah, senza aspettare l’autunno, nessuno impedisce di iniziarla  da subito su questa Rete.

Lino Balza

(*) L’avventurosa storia del giornalismo di Lino Balza.

Fermare le armi in Ucraina!

“Europe for peace” “Giornata nazionale di azione il 23 luglio per una conferenza internazionale di Pace”. Clicca qui anche le altre iniziative in Valsusa nella newslettera di Doriella&Renato.

Gli unici veri eroi sono gli obiettori di coscienza.

«Vorrei invitarvi – ha detto papa Francesco clicca qui – a conoscere una figura straordinaria di giovane obiettore, che si è battuto contro il nazismo durante la seconda guerra mondiale: Franz Jägerstätter era un giovane contadino austriaco che, a motivo della sua fede cattolica, fece obiezione di coscienza alla guerra. Preferì farsi uccidere che uccidere.  La presa di posizione di papa Francesco -l’invito ai soldati di rifiutarsi a combattere-  è davvero una svolta storica.

L’abisso della guerra nucleare. Kennedy, Khrushov, papa Giovanni, attualità per i nostri giorni.

Perché rileggere oggi la crisi dei missili del 1962. La tragedia ucraina apre a scenari di guerra nucleare ma il governo Draghi  ha deciso di non partecipare, neanche come osservatore, all’incontro di Vienna dei Paesi aderenti al Trattato delle Nazioni Unite sulla proibizione delle armi nucleari. 

I palestinesi in Israele sono trattati peggio dei negri in Sudafrica.

Credo che chiamare le politiche israeliane nei confronti dei palestinesi “apartheid” sia in realtà un “regalo per Israele”, almeno se per apartheid si intende l’apartheid in stile sudafricano. Ho sostenuto per molto tempo che i Territori Palestinesi Occupati sono molto peggio del Sud Africa. Leggi l’intera intervista di Noam Chomsky, l’intellettuale più citato e rispettato al mondo,  professore del MIT Massachusetts Institute of Technology, una delle più importanti università di ricerca del mondo.

L’impunità a livello internazionale è la colonna portante dell’occupazione israeliana.

“Dall’inizio dell’anno 15 minori palestinesi sono stati uccisi dalle forze di occupazione. Lo scorso anno abbiamo documentato l’uccisione di 78 minori palestinesi per mano dell’esercito israeliano…”:   il rapporto di “Defence for Children International-Palestine [Difesa Internazionale dei Minori – Palestina] (DCIP”.

Alzate la voce per la libertà di Julian Assange.

Leggi Adolfo Pérez Esquivel   (Premio Nobel per a pace):  “Mi appello ancora con forza alle associazioni di giornalisti, al mondo della cultura, ai giuristi, alle organizzazioni per i diritti umani: non rimanete indifferenti, alzate la vostra voce e chiedete la liberazione di Julian Assange”. “Le sofferenze che Assange sta soffrendo per la sua ingiusta detenzione sono provocate dagli Stati Uniti e dalla Gran Bretagna che vogliono silenziare e punire un giornalista che ha avuto il coraggio e l’etica professionale di pubblicare informazioni sui crimini commessi dagli Stati Uniti in Iraq e in Afghanistan”….

Grandi storie per uomini e donne di piccola statura.

Fin dalle epoche più remote le persone affette da nanismo hanno suscitato sentimenti contrastanti, sono state vittime di pregiudizi, usate per il divertimento altrui, derise e considerate “inferiori”. Pochi sanno, tuttavia, che alcune si sono ritagliate un ruolo nella storia, hanno conquistato la fiducia di illustri personalità del passato e posato per importanti artisti, si sono battute e ancora si impegnano con orgoglio per i diritti. Questo è dunque un racconto di grandi storie che hanno per protagonisti “piccoli uomini” e “piccole donne”
(continua…)

Record per morti sul lavoro.

Aumentano da Nord a Sud gli incidenti sul lavoro e purtroppo anche quelli mortali. Sono 364 i lavoratori che hanno perso la vita nei primi cinque mesi del 2022, con una media di oltre due morti sul lavoro al giorno. In netto aumento, inoltre, le denunce di infortunio (+48%), che rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso aumentano del 48%. In questo tragico bilancio la provincia di Alessandria  è la prima in classifica. Lo rivela l’osservatorio Vega Engeneering su dati Inail.

Quali patologie sono imputabili ai vaccini a mRNA.

Ormai da diverso tempo  vengono segnalati casi di patologie post vaccino, anche da alcune testate giornalistiche importanti. Risultano ancora poco chiare le frequenze con cui si manifestano e non sempre sono facilmente ricollegabili al vaccino. Leggi il professore Ezio Gagliardi,  biochimico specialista in Genetica Medica / Scienza dell’Alimentazione.

La privatizzazione dell’ISTAT mette a rischio diritti democratici e prevenzione primaria.

Dopo aver assistito per anni al progressivo depotenziamento dei Dipartimenti di Prevenzione e delle Agenzie Regionali per l’Ambiente, ulteriori rischi per la democrazia e per la tutela sanitaria e ambientale nel nostro Paese derivano oggi dalla privatizzazione dell’ISTAT. Leggi  ISDE Medici per l’Ambiente.

Docenti inadeguati: discriminazione giuridica contro gli autistici.

La mancata attuazione del PEI (Piano Educativo Individualizzato) per un bambino con autismo, a causa dell’inadeguata specializzazione delle docenti, costituisce una valida applicazione alla fattispecie educativo-scolastica del diritto antidiscriminatorio, ovvero di uno dei campi più innovativi del diritto, per altro non ancora diffusamente applicato (continua…)

Autonomia differenziata: fermare il pericoloso Ddl Gelmini e aderire alla proposta di legge di iniziativa popolare costituzionale.

Il disegno di legge è inaccettabile e va fermato: intende trasferire poteri e soprattutto risorse ad alcune regioni su materie che invece debbono restare ad ogni costo unitarie e nazionali, come certamente deve avvenire per scuola, università e ricerca. Anche l’ambiente, l’energia, le grandi infrastrutture nazionali, le comunicazioni fondamentali non sono frazionabili a piacere. L’esperienza del Covid ha messo a nudo che la regionalizzazione della gestione della sanità ha finito con il dare vita a veri e propri sistemi sanitari regionali, molto diversi tra loro, i cui difetti sono tra le cause non secondarie delle enormi difficoltà ad affrontare una pandemia inquietante e non risolta come il Covid nelle sue diverse evoluzioni. Chi ha distrutto la medicina di base a favore del privato ha creato le basi per una pressione insostenibile verso gli ospedali e ha avuto una scarsa capacità di attuazione delle misure sanitarie contro la pandemia decise con i provvedimenti di emergenza, creando ulteriori diseguaglianze tra i cittadini del nostro paese, che a seconda della residenza hanno finito per avere diritto a sistemi di cura molto diversi tra loro. Intesa a fermare il DDL Gelmini, la proposta di legge di iniziativa popolare,  su cui inizia la raccolta delle firme, ha l’ambizione di dare un quadro chiaro delle ragioni che rendono inaccettabile qualunque tentativo più o meno mascherato di secessione nel nostro paese.  Clicca qui.

Estate di lotta No Tav: il programma in Valsusa.

Tutti gli appuntamenti di luglio.

No al biodigestore di Terre Roveresche.

Il programma della manifestazione.

Criticare il fotovoltaico a terra equivale a tifare per i petrolieri?

Dibattito fra professori e ingegneri ambientali.

La Regione Veneto tiene mano ai corresponsabili Pfas della Miteni di Trissino.

Il processo Pfas è  in scena alla Corte d’Assise di Vicenza a carico di 15 ex manager di Miteni, Mitsubishi e Icig per l’inquinamento di un’ampia area tra Vicenza, Padova e Verona (mentre ad Alessandria l’analogo processo alla Solvay di Spinetta Marengo marcisce nei cassetti). Al processo, presentato lo studio (leggilo) che ha messo in luce anche l’incremento delle patologie neonatali e delle donne in gravidanza nelle aree contaminate: diabete gestazionale, neonati più piccoli e sotto peso rispetto alla media e altre malformazioni maggiori tra cui anomalie del sistema nervoso, del sistema circolatorio e cromosomiche. Sotto accusa le complicità della Regione Veneto che non ha portato avanti lo studio epidemiologico.

Rischio spopolamento a causa dei Pfas.

Vedi la raccolta di studi  che ha evidenziato alterazioni a carico del numero, della motilità e della morfologia degli spermatozoi sui maschi  colpiti da queste sostanze: in  tutte le fasce d’età a partire dal feto in grembo alla madre,  danni irreversibili nei bambini esposti che  si manifesteranno dopo la pubertà, portando poi a problemi di sterilità o tumori ai testicoli.

 Monitoraggio sui Pfas per tutti i dipendenti della Chembiron.

Lo chiedono i carabinieri del Nucleo operativo ecologico di Treviso. Lo stabilimento di Legnago specializzato nella rigenerazione dei filtri degli acquedotti, è al centro da anni di proteste e controlli

Il ministro Cingolani denunciato per Solvay.

Ha esteso l’autorizzazione ambientale nonostante esposti e inchieste giornalistiche sugli scarichi a mare di Rosignano.

Come chiamare i piromani a fare i pompieri.

Marco Colatarci, direttore generale di Solvay Italia, sarà il nuovo presidente della società che si occupa della discarica di Scapigliato a Rosignano Marittimo e sarà affiancato da Alessandro Franchi, già sindaco del PD dello stesso comune, che verrà nominato Amministratore Delegato. L’annuncio ha suscitato sconcerto e preoccupazione:  “Trattasi di nomine frutto di un consociativismo tossico”.

Aborto in Usa. Il sogno americano.

Sentenza della Corte Suprema:  le donne “normodotate” devono portare avanti una gravidanza, mentre le donne con disabilità non devono: è autorizzata la sterilizzazione forzata.   (continua…)

Sito: www.rete-ambientalista.it

Movimento di Lotta per la Salute Giulio A. Maccacaro

Via Dante 86 – 15121 Alessandria – Via Mario Preve 19/7 – 16136 Genova  cell. 3470182679
Sottoscrizioni a favore della Ricerca Cura Mesotelioma: IBAN IT68 T030 6910 4001 0000 0076 215

--------------------------
Iscriviti al nostro canale Telegram
al nostro account Twitter
o visita la nostra pagina Facebook

--------------------------

Sharing - Condividi