[Rassegna Stampa TASS] Il mondo visto da Mosca (20/07/2022)

Izvestia: cosa hanno concordato Russia, Iran e Turchia al vertice di Teheran

Russia, Iran e Turchia hanno rilasciato una dichiarazione congiunta a seguito del vertice trilaterale del 19 luglio a Teheran, riaffermando il loro impegno per la sovranità e l’integrità territoriale della Siria, esprimendo al contempo la loro determinazione a continuare a cooperare per risolvere la questione siriana. Il presidente russo Vladimir Putin ha anche tenuto diversi incontri bilaterali a margine del vertice, scrive Izvestia.

Per quanto riguarda l’incontro di Putin con il leader turco Recep Tayyip Erdogan, l’enfasi è stata posta sulle esportazioni di grano ucraino. La Turchia può fungere da garante del trasporto sicuro di risorse energetiche e grano, ha osservato Sorokina. Inoltre, Mosca è interessata ad espandere il commercio con Ankara nel campo dei prodotti high-tech e farmaceutici, delle industrie leggere e alimentari, ha aggiunto l’esperto.

Dopo i colloqui bilaterali, i leader dei tre paesi si sono concentrati sulla questione siriana. Tutte le parti erano interessate al vertice di Teheran in quanto i leader devono continuare a confrontare le loro posizioni sulla situazione in Siria, ha detto l’analista politico turco Kerim Has a Izvestia.

La piattaforma trilaterale Mosca-Teheran-Ankara è attiva da cinque anni, producendo alcuni risultati, ha sottolineato il direttore dell’Istituto Russtrat Yelena Panina. Ci sono ancora disaccordi tra i paesi sulla questione siriana e sulla situazione in Nagorno-Karabakh, ma le parti sono pronte a mantenere il dialogo piuttosto che darsi lezioni reciproche e scambiarsi ultimatum, ha concluso l’esperto.

 

Vedomosti: l’UE prevede di imporre nuove sanzioni alla Russia allentando quelle precedenti

L’agenzia di stampa EUobserver ha riferito, citando una bozza di documento, che il settimo pacchetto di sanzioni dell’Unione europea contro la Russia è stato concordato a livello ministeriale ed è in attesa di essere approvato dagli organi governativi dell’UE. Le restrizioni colpiranno i comandanti militari e i politici russi, così come i funzionari filo-russi nelle aree liberate dell’Ucraina. Anche le importazioni di oro russo saranno vietate, ad eccezione dei gioielli, scrive Vedomosti.

Il settimo pacchetto di sanzioni previsto dai media è infatti finalizzato all’attuazione di precedenti dichiarazioni politiche, mentre i piani per vietare l’oro russo sono stati annunciati in una riunione del G7 in Germania a fine giugno e gli Stati Uniti hanno già imposto tali restrizioni, ha osservato l’esperto del Consiglio russo per gli affari internazionali Ivan Timofeev.

Per quanto riguarda le dichiarazioni sul controllo rigoroso nel campo delle tecnologie a duplice uso e le sanzioni contro le società di difesa, non c’è nulla di nuovo, ha detto l’esperto. In teoria, l’elenco delle aziende direttamente e indirettamente coinvolte nel relativo lavoro di produzione, così come le liste nere degli individui, possono essere ampliate ulteriormente, ma non ci si dovrebbe aspettare grandi scoperte, ha aggiunto Timofeev.

Nel frattempo, EUobserver ha anche annunciato un allentamento delle sanzioni su un certo numero di banche per quanto riguarda le transazioni legate al settore alimentare. Questo sarà il primo precedente quando le restrizioni saranno allentate, ha sottolineato l’esperto di diritto delle sanzioni Sergey Glandin. “In effetti, l’Occidente ha leggermente esagerato con la sua crociata di sanzioni contro la Russia. La scorsa settimana, come tutti ricordiamo, gli Stati Uniti hanno revocato tutte le sanzioni su alimenti e fertilizzanti, rilasciando diverse licenze generali e fornendo i relativi chiarimenti. Ora tocca all’UE”, ha osservato l’esperto. “È facile introdurre sanzioni. Tuttavia, anche Bruxelles non riesce a capire come funzionerà al contrario. Questo è il motivo per cui vedremo sicuramente un ulteriore allentamento della politica europea, almeno in termini di prodotti alimentari”, ha sottolineato Glandin.

 

Vedomosti: in declino i legami UE-Cina

Il quotidiano South China Morning Post ha riferito, citando fonti di alto rango a Pechino, che il cancelliere tedesco Olaf Scholz, il presidente francese Emmanuel Macron e i primi ministri di Italia e Spagna, Mario Draghi e Pedro Sanchez, erano stati invitati a Pechino per colloqui ma hanno ignorato l’invito. Pechino non ha confermato ufficialmente questi rapporti, mentre le capitali europee hanno rifiutato di commentare, osserva Vedomosti.

Le relazioni tra la Cina e l’Unione europea sono in costante declino da diversi anni, nonostante il ruolo crescente della Cina nel commercio europeo, ha sottolineato il direttore del Centro per gli studi europei e internazionali completi presso la Scuola superiore di economia Vasily Kashin. Secondo l’esperto, i deterrenti includono il malcontento dell’UE nei confronti della politica industriale e commerciale della Cina basata sul protezionismo, nonché una convergenza delle politiche europee e statunitensi in Asia, innescata dalla pressione di Washington. Negli ultimi anni l’UE ha intensificato le sue critiche nei confronti della Cina in merito ai diritti umani, alla situazione nel Mar Cinese Meridionale e intorno a Taiwan, nonché su altre questioni, mentre la risposta della Cina è sempre stata il più dura possibile.

Di conseguenza, le relazioni hanno iniziato a deteriorarsi, ha sottolineato Kashin. L’esito del recente vertice della NATO, in cui la Cina è stata nominata come una sfida all’alleanza, ha ulteriormente peggiorato le relazioni. Tuttavia, nelle parole dell’esperto, un livello estremamente elevato di interdipendenza economica sta finora impedendo un crollo dei legami, trattenendo le parti dall’utilizzare qualsiasi strumento di guerra economica.

L’Europa sta seguendo le orme degli Stati Uniti per i quali è cruciale uno stallo con la Cina, ha sottolineato il caporedattore della rivista “Russia in Global Affairs” Fyodor Lukyanov. Dopo aver unito gli alleati contro la Russia, Washington ora cerca la solidarietà tra i paesi europei contro la Cina. Le relazioni tra Europa e Cina continueranno a deteriorarsi in futuro, ma i legami commerciali non crolleranno perché è importante che la Cina mantenga la stabilità economica e sociale e cercherà di evitare un intenso confronto.

 

Izvestia: Russia, Norvegia riescono a risolvere il problema del transito di Spitsbergen

Russia e Norvegia hanno escogitato un meccanismo per il transito di merci verso l’isola di Spitsbergen, concordando che Oslo ispezionerà tutte le merci dalla Russia per il rispetto delle sanzioni, ha detto a Izvestia il console generale russo su Spitsbergen Sergey Gushchin.

Il vice presidente del Consiglio della Federazione Konstantin Kosachev, a sua volta, ha dichiarato al giornale che la Russia e la Norvegia sono riuscite a risolvere la questione più urgente, “garantendo una consegna ininterrotta delle merci e provvedendo alle esigenze quotidiane dei cittadini russi che lavorano a Spitsbergen”. Ha aggiunto, tuttavia, che il nuovo accordo di trasporto “aumenterà i costi logistici in una certa misura”.

Grigory Karasin, presidente della commissione per gli affari esteri del Consiglio della Federazione, ha dichiarato a Izvestia che se le ispezioni relative alle sanzioni della Norvegia ritardassero le consegne, la Russia si imbarcherà in una causa internazionale, in particolare per l’Organizzazione mondiale del commercio.

Il direttore del programma presso il Valdai Discussion Club Oleg Barabanov sottolinea che le sanzioni della Norvegia non si applicano alle consegne dirette a Spitsbergen e se la Russia si muove per consegnare merci all’arcipelago via mare o per via aerea, la Norvegia non avrà il diritto di impedirlo. Tuttavia, le sanzioni rimangono in vigore in termini di frontiere terrestri e porti marittimi del paese.

L’esperta australiana di sicurezza artica Elizabeth Buchanan, membro del Modern War Institute dell’Accademia militare di West Point, ritiene che la Norvegia abbia violato un accordo su Spitsbergen quando ha bloccato la rotta di rifornimento. Secondo lei, la Russia avrebbe potuto utilizzare altri metodi per garantire le consegne di merci alla sua comunità sull’arcipelago, senza utilizzare i porti norvegesi. Ma la questione è che Mosca ha cercato di evidenziare i suoi diritti su Spitsbergen, ha spiegato l’analista.

 

Kommersant: il rublo russo continua a rafforzarsi

La valuta nazionale russa continua a rafforzarsi. Il 19 luglio, il tasso di cambio del dollaro è sceso al livello più basso dall’inizio del mese. La vendita in corso di guadagni in valuta estera, in particolare prima dei pagamenti delle tasse al bilancio, è la cosa principale che sta determinando i movimenti del mercato, scrive Kommersant.

I partecipanti al mercato sottolineano che i fattori che facilitano il rafforzamento del rublo rimangono gli stessi. In particolare, includono i prossimi pagamenti di tasse e dividendi, gli sforzi per eliminare le riserve eccessive di valuta estera e il rischio di sanzioni. Il direttore degli investimenti di Loco-Invest Asset Management Dmitry Polevoy ha menzionato un leggero aumento dei prezzi del petrolio come un altro fattore.

Secondo Oleg Syrovatkin, uno dei principali analisti del Dipartimento di ricerca globale di Otkritie Investments, l’indebolimento del rublo tra la fine di maggio e l’inizio di luglio è stato causato principalmente da interventi verbali. Nel primo caso, le ragioni includevano anche una mossa per ridurre il livello di vendita obbligatoria dei proventi in valuta estera per gli esportatori e la decisione della Banca centrale di abbassare il tasso di riferimento. Tuttavia, entrambe le volte, la tendenza all’indebolimento non è persistita. Syrovatkin spiega che nel primo caso, le misure adottate non sono state sufficienti a cambiare lo squilibrio tra un grande afflusso di valuta estera e una domanda insufficiente per esso. Nel secondo caso, non sono stati seguiti passaggi specifici.

Syrovatkin prevede che il dollaro possa scendere a 50-55 rubli durante il periodo fiscale di luglio che raggiungerà il picco la prossima settimana. Una volta terminati i pagamenti delle tasse, il tasso di cambio del dollaro potrebbe salire a 57-59 rubli, ha osservato il capo del Dipartimento dei prodotti strutturati di Zenit Bank Geldy Soyunov.

TASS non è responsabile per il materiale citato in queste rassegne stampa

20/07/2022

Rassegna stampa: Takeaway dal vertice iraniano e la questione Spitsbergen è stata risolta – Rassegna stampa – TASS

--------------------------
Iscriviti al nostro canale Telegram
al nostro account Twitter
o visita la nostra pagina Facebook

--------------------------

Sharing - Condividi