Germania, per il ministro degli Esteri senza gas russo ci saranno «rivolte popolari»

L’Idea che le sanzioni occidentali stiano mettendo in ginocchio la Russia ormai non regge più. Anzi, sono i paesi occidentali, europei in particolare, ad affrontare pesanti conseguenze a causa di una scellerata e miope politica imposta da Washington.

Ci sono alcuni paesi, come ad esempio la Germania, che non possono fare a meno del gas proveniente dalla Russia. Il governo tedesco ha riconosciuto che se non riceverà la turbina del gasdotto Nord Stream riparata, potrebbe andare incontro a conseguenze politiche interne devastanti, ha dichiarato il ministro degli Esteri tedesco Annalena Baerbock in un’intervista rilasciata a RND.

“Se non riceviamo la turbina, non avremo più gas e non potremo fornire alcun supporto all’Ucraina, perché saremo impegnati a fronteggiare le rivolte popolari”, ha affermato Baerbock, citando le dichiarazioni dei rappresentanti tedeschi durante le trattative con i canadesi per la restituzione della turbina.

Il ministro ha osservato che la parte canadese “aveva molte richieste” sul piano di restituzione della turbina.

Quando le è stato chiesto se crede davvero che possano verificarsi rivolte popolari, il capo della diplomazia tedesca ha risposto che si tratta di un’ipotesi “forse un po’ esagerata” e ha detto che sta prendendo in considerazione la situazione in cui la Germania non avrà più gas. “Quello che voglio dire è che abbiamo ancora bisogno di gas dalla Russia”, ha detto, aggiungendo che “l’obiettivo del governo federale è quello di mitigare l’impatto sociale”.

Gli alti prezzi del gas sono un pesante fardello per molte persone in Germania, ha continuato. “Questo è il nostro compito importante per l’inverno, dobbiamo fare in modo che questa guerra non causi divisioni nella società”, ha aggiunto.

La turbina in questione è stata inviata per la manutenzione presso la città canadese di Montreal, l’unico luogo in cui era possibile eseguire questo processo. Tuttavia, è stata bloccata a causa delle sanzioni contro l’industria russa del petrolio e del gas annunciate il mese scorso dal governo del Primo Ministro Justin Trudeau. Ciò ha indotto il gigante russo dell’energia Gazprom a tagliare le forniture al 40% dei livelli normali, una decisione giustificata dall’assenza della parte.

Sebbene, dopo una serie di trattative, Canada e Germania abbiano accettato di restituire la turbina, rilasciando un permesso “limitato e revocabile” a Siemens Energy, mercoledì Gazprom ha dichiarato di non aver ancora ricevuto la documentazione necessaria per spostare il macchinario riparato.

L’AntiDiplomatico

24/07/2022

Germania, per il ministro degli Esteri senza gas russo ci saranno «rivolte popolari» – Crisi in Ucraina – L’Antidiplomatico (lantidiplomatico.it)

--------------------------
Iscriviti al nostro canale Telegram
al nostro account Twitter
o visita la nostra pagina Facebook

--------------------------

Sharing - Condividi