Ambasciatore russo in USA: “La Comunità internazionale deve denunciare i crimini di Kiev contro il suo popolo”

La comunità internazionale deve vedere i crimini del governo ucraino contro il suo stesso popolo, ha detto l’ambasciatore russo negli Stati Uniti Anatoly Antonov.

“Non smettono di attribuirci le azioni dei teppisti di Kiev. È giunto da tempo il momento di mostrare sinceramente i crimini del regime di Kiev al mondo, chiamandolo a rendere conto delle atrocità, principalmente contro la sua popolazione”, ha detto l’ambasciatore.

Ha anche respinto i tentativi del Dipartimento di Stato degli Stati Uniti di accusare la Russia di piantare mine sul territorio dell’Ucraina.

“Washington ci ritiene ingiustamente responsabili dell’estrazione mineraria del territorio della Repubblica. Nella campagna russofoba, gli americani hanno superato se stessi confrontando le azioni delle forze armate russe con le tattiche dell’ISIS [fuorilegge in Russia] in Siria. Siamo stati accusati, tra le altre cose, di bloccare l’accesso ai terreni agricoli. Respingiamo con forza queste insinuazioni”, ha detto l’ambasciatore.

Mine ed esplosivi dagli Stati Uniti

Il diplomatico russo ha continuato dicendo che “durante i negoziati sulle esportazioni di grano, la comunità internazionale ha già fatto in modo che gli stessi ucraini minassero le acque costiere del Mar Nero”.

“Questa pratica si estende a numerose strutture sociali e infrastrutturali. In particolare, le forze armate dell’Ucraina stanno installando ordigni esplosivi sul territorio di scuole e asili, letteralmente punteggiando foreste e campi con mine in varie direzioni. A proposito, alcune delle munizioni (ad esempio, Claymore e C-4) sono fornite dagli Stati Uniti “, ha continuato. “I terroristi ucraini stanno sparando proiettili equipaggiati con mine antiuomo ad alto esplosivo Butterfly (PFM-1) contro le città del Donbass. Più di 30 persone, tra bambini e anziani, sono già state fatte saltare in aria su di loro”.

Secondo Antonov, tali azioni “dimostrano chiaramente l’atteggiamento del regime di Zelensky nei confronti della popolazione di quelle terre che Kiev vorrebbe considerare proprie”.

“Per quanto riguarda i terreni agricoli, ci sono prove di ripetuti incendi dolosi mirati di colture da parte di formazioni ucraine. Anche gli elicotteri sono usati per questo, spargendo trappole di calore “, ha continuato. “Tutto ciò dimostra che la situazione reale è l’esatto opposto di ciò che afferma il Dipartimento di Stato. Tuttavia, questo non ferma gli organizzatori della campagna di disinformazione contro la Russia”.

La dichiarazione è arrivata come risposta a una domanda dei media sui piani del Dipartimento di Stato degli Stati Uniti di stanziare 89 milioni di dollari al governo di Kiev per lo sminamento dei territori ucraini.

Il PMF-1 Lepestok (Petal) è una mina terrestre antiuomo a pressione, che può essere dispiegata a distanza dall’artiglieria a razzo. Il corpo di una miniera è fatto di plastica in colori che li rendono estremamente difficili da rilevare. Le mine sono estremamente pericolose per i civili in quanto la loro forma insolita rende difficile vedere un oggetto pericoloso.

Nel maggio 2005, l’Ucraina ha ratificato la Convenzione di Ottawa sul divieto di uso, stoccaggio, produzione e trasferimento di mine antipersona e sulla loro distruzione. Tuttavia, le forze ucraine hanno recentemente bombardato le città della RPD con le miniere di Lepestok quasi ogni giorno.

WASHINGTON, 10 agosto. /TASS/

L’inviato russo negli Stati Uniti esorta a denunciare i crimini di Kiev contro il suo popolo – Russian Politics & Diplomacy – TASS

--------------------------
Iscriviti al nostro canale Telegram
al nostro account Twitter
o visita la nostra pagina Facebook

--------------------------

Sharing - Condividi