L’ultima menzogna di Kiev: nessuna nave carica di grano sta andando in Africa

‎I funzionari ucraini hanno una comprovata esperienza nel non dire la verità, quindi non dovrebbe sorprendere che il ministro degli Esteri Kuleba abbia mentito quando ha ‎‎twittato‎‎ che la ripresa delle esportazioni di grano nel suo paese “invia un messaggio di speranza a ogni famiglia in Medio Oriente, Africa e Asia”. Il New York Times (NYT) ‎‎ha esposto la sua menzogna‎‎ dopo aver riferito che mentre alcune navi stanno andando in Cina e Turkiye, che rappresentano rispettivamente l’Asia orientale e occidentale, letteralmente nessuna di quelle che sono appena partite da quella fatiscente ex Repubblica Sovietica sono in rotta verso l’Africa. Al fine di coprirlo, tuttavia, l’outlet ha citato un funzionario delle Nazioni Unite che ha implicitamente creduto nella teoria dell’economia ingannevole dell’ex presidente degli Stati Uniti Reagan per prevedere che le esportazioni di grano di Kiev verso paesi non africani alla fine porteranno a un calo dei prezzi in quel continente nel tempo.‎

‎Proprio la scorsa settimana, il leader ucraino Zelensky ‎‎ha twittato‎‎ di aver detto alla sua controparte della Guinea-Bissau della “disponibilità del suo paese a essere un garante della sicurezza alimentare nella regione”, eppure il mondo intero ora sa che ha mentito dopo ciò che l’ultimo rapporto del NYT ha appena rivelato. Ha anche detto ai giornalisti africani che i loro paesi ‎‎presumibilmente non guadagnano nulla‎‎ dai loro legami con la Russia, ma la realtà è che non guadagnano una sola cosa dalle loro relazioni con Kiev, come è stato appena dimostrato da uno dei media mainstream (MSM) più influenti al mondo. Mosca, al contrario, fornisce soluzioni su misura‎‎ per la “‎‎sicurezza democratica‎‎” a partner come la ‎‎Repubblica Centrafricana‎‎ (RCA) e ‎‎ il ‎‎Mali‎‎ per contrastare le ‎‎ minacce ‎‎della guerra‎‎ ‎‎ibrida‎‎ ‎‎ , che include anche fertilizzanti, cibo e carburante per garantire in modo sostenibile la stabilità socio-economica.‎

‎I leader africani e il loro popolo sono ben consapevoli delle differenze tra Russia e Ucraina. Ciò è dimostrato dal primo ‎‎snobbamento in massa di Zelensky‎‎ durante il suo discorso virtuale all’Unione africana a fine giugno, mentre il secondo è sinceramente ispirato dal ‎‎manifesto rivoluzionario globale‎‎ del presidente Putin e in particolare dalla ‎‎relativa promessa‎‎ del ministro degli Esteri Lavrov ‎‎ che Mosca li aiuterà a completare pienamente i loro processi di decolonizzazione. Nessun governo africano o la società che rappresentano sostiene sinceramente l’Ucraina rispetto alla Russia poiché semplicemente non hanno nulla di tangibile da guadagnare nel farlo. Tuttavia, la nuova “‎‎Strategia verso l’Africa sub-sahariana‎‎” degli Stati Uniti ‎‎trasmette molto chiaramente l’intento di Washington di costringerli a una scelta a somma zero sotto il dolore implicito dei ‎‎ disordini della ‎‎rivoluzione colorata‎‎ se si rifiutano.‎

‎Ciò non è solo dovuto alla fiducia autoproclamata di quell’egemone unipolare in declino nel proprio “eccezionalismo” screditato, ma anche perché l’Africa è ora un ‎‎importante campo di battaglia‎‎ nella ‎‎Nuova Guerra Fredda‎‎. La ‎‎transizione sistemica globale‎‎ recentemente accelerata verso il multipolarismo ‎‎ ha portato il Golden Billion dell’Occidente guidato dagli Stati Uniti a competere ferocemente con il Sud globale guidato dai BRICS (in questo contesto rappresentato dalla Russia) su quale modello di relazioni internazionali dovrebbe definire il 21 ° secolo: quello neo-colonialista dell’unipolarismo o il modello multipolare che aspira a rendere il sistema mondiale più equo, giusto, e giusto. La scelta è ovvia per tutti i paesi africani, ma qui sta la ragione per cui gli Stati Uniti e la Francia sono pronti a intensificare le loro operazioni di destabilizzazione in un disperato tentativo di reimporre la loro egemonia.‎

‎Tornando all’ultima bugia del ministro degli Esteri ucraino, non c’è dubbio che fosse diretta verso il pubblico occidentale e non quello africano poiché quest’ultimo ovviamente saprebbe che Kiev non ha esportato grano in nessuna delle diverse dozzine di paesi del continente. Tuttavia, la sua fatiscente ex Repubblica Sovietica viene usata come sostituto dai suoi sostenitori occidentali guidati dagli Stati Uniti per imporre la scelta a somma zero su quegli stati che è stata precedentemente descritta per cui saranno sempre più sotto pressione per sostenere Kiev a scapito dei loro legami con Mosca. Comunque sia, si prevede che questa rimarrà ancora una lotta per il miliardo d’oro poiché i paesi africani hanno finora dimostrato la loro ‎‎sovranità strategica‎‎ nella Nuova Guerra Fredda rifiutandosi finora di sanzionare quella grande potenza eurasiatica.‎

‎Gli osservatori avrebbero potuto pensare che il proxy ucraino di questo blocco avrebbe inviato almeno una singola nave in un paese africano in modo che l’MSM del loro patrono manipolasse le percezioni su questo per affermare falsamente che Kiev sta contribuendo a contrastare le conseguenze della crisi alimentare globale che le sanzioni occidentali guidate dagli Stati Uniti hanno immensamente peggiorato. Questo ovviamente non è accaduto, il che dimostra che il Golden Billion pratica ancora una politica estremamente condiscendente e razzista nei confronti dell’Africa. Questo blocco americano non ordinerebbe nemmeno al suo rappresentante dell’Europa orientale di inviare una barca carica di grano per una facile operazione fotografica, scegliendo invece di non dare nulla a quei paesi mentre continua a chiedere che scarichino Mosca per Kiev.‎

‎Il risultato è che gli africani diventeranno probabilmente più sospettosi che mai sulla vera causa della crisi alimentare globale. Il presidente dell’Unione africana Macky Sall aveva già ‎‎concordato‎‎ con il presidente Putin all’inizio di giugno durante il viaggio del primo a Sochi che le sanzioni occidentali guidate dagli Stati Uniti hanno esacerbato la crisi che l’ambasciatore russo alle Nazioni Unite ‎‎ha spiegato in precedenza‎‎ prima dell’ultima fase del ‎‎conflitto‎‎ ‎‎ucraino‎‎ ‎‎ ed è in realtà attribuibile a una combinazione di fattori come la pandemia di COVID-19 e le sconsiderate politiche fiscali occidentali durante quel periodo. Inoltre, ‎‎la CNN ha sorprendentemente screditato‎‎ le precedenti affermazioni dei funzionari occidentali che accusavano la Russia di piena responsabilità per quella crisi sottolineando le stesse cose che il suo suddetto rappresentante in quell’organismo globale ha fatto quasi un quarto di anno fa.‎

‎Considerando questa sequenza di eventi, alcuni potrebbero concludere che le conseguenze della crisi alimentare globale per il popolo africano sono state deliberatamente esacerbate dal miliardo d’oro attraverso il loro rifiuto di ordinare a Kiev di inviare anche solo il valore di grano di una singola nave nel continente. Questa forma di punizione della guerra ibrida viene inflitta contro di loro in risposta alla neutralità di principio dei loro governi nei ‎‎ confronti del conflitto ucraino dopo che tutti, senza eccezioni, hanno rifiutato di sanzionare la Russia. Tuttavia, è ancora improbabile che questi stati concedano unilateralmente i loro interessi nazionali oggettivi nel mantenere relazioni reciprocamente vantaggiose con la Russia, soprattutto perché farlo sarebbe molto impopolare dopo che il loro popolo ha già realizzato i letterali “giochi della fame” che il miliardo d’oro sta giocando. ‎

Andrew Korybko

11/08/2022

(traduzione automatica, ci scusiamo per gli errori contenuti nel testo)

--------------------------
Iscriviti al nostro canale Telegram
al nostro account Twitter
o visita la nostra pagina Facebook

--------------------------

Sharing - Condividi