SARS del 2003 e del 2019 “Bioarmi”. Esperti russi di genomica e biologia accusano gli USA

Nel dicembre 2020, un ex analista senior dell’intelligence dell’IDF (Forze di difesa israeliane) e del Ministero della Difesa israeliano, il tenente colonnello Dr. Dany Shoham, microbiologo ed esperto di guerra chimica e biologica in Medio Oriente, ha scritto su Begin-Sadat Center for Strategic Studies un articolo sul SARS-Cov-2 artificiale.

«Questo dibattito è molto complicato e contiene il potenziale per rivelazioni esplosive a molti livelli, ma le comunità di intelligence di tutto il mondo sono rimaste in gran parte in silenzio sulla questione. Questo è sia intrigante che non sorprendente. Diversi paesi occidentali, oltre a Russia, India, Giappone e Australia, avevano formulato stime di intelligence già a gennaio 2020, ma hanno mantenuto le loro conclusioni in silenzio», ha spiegato Shoham.

Adesso due diversi report provenienti dalla Russia supportano l’ipotesi del virus pandemico Covid-19 creato in laboratorio puntando il dito contro gli Usa e i laboratori batteriologici aperti dal Pentagono (Dipartimento della Difesa Usa) in Ucraina.

In una di queste analisi, un esperto russo sostiene una cosa inquietante: anche la SARS del 2003 potrebbe essere creata in laboratorio.

Questa ipotesi assume enorme rilevanza alla luce del fatto che in precedenza il medico americano David E. Martin nella sua monumentale opera intitolata ‘The Fauci Dossier’ aveva messo in luce l’inizio dei pericolosi esperimenti di coronavirus da parte dell’Università del North Carolina nel 2000, esattamente come sostenuto dal professore. di genomica della Federazione Russa.

IL CORONAVIRUS HA TRACCE CHE IMPLICANO LA SUA NATURA ARTIFICIALE

Gli alti tassi di mortalità dei primi ceppi di coronavirus, registrati all’inizio degli anni 2000 e nel 2012, potrebbero indicare che potrebbe essere stato sviluppato e utilizzato come potenziale arma biologica, ha affermato il professor Konstantin Krutovsky, presidente del laboratorio di ricerca genomica presso la Siberian Federal University e Professore dell’Università di Goettingen, ha detto a TASS venerdì 5 agosto.

Konstantin Krutovsky, presidente del laboratorio di ricerca genomica presso Siberian L’Università Federale e Professore dell’Università di Goettingen

“È ipoteticamente possibile sviluppare un coronavirus come potenziale arma biologica, poiché i tassi di mortalità dei primi ceppi di SARS-Cov-1 e MERS-Cov erano molto alti. Durante l’epidemia di SARS-Cov-1 nel 2002-2003, sono morti circa 700 dei circa 8.000 pazienti infetti, ovvero il 9%. Insieme a questo, 800 pazienti sono morti su 2.500 persone infette, che è già il 32%”, ha osservato Krutovsky.

Tuttavia, lo scienziato ha sottolineato che la probabilità di creare virus “militari” mirati a determinati gruppi etnici o determinati paesi era “quasi impossibile”, come riportato dall’agenzia russa TASS.

“Nonostante l’enorme diversità genetica degli esseri umani, le differenze genetiche tra i gruppi etnici nel metabolismo, nella patogenesi del virus e nei processi fisiologici fondamentali sono piccole, poiché siamo tutti della stessa specie. Inoltre, le popolazioni dei grandi paesi sono geneticamente ed etnicamente eterogenee”, ha concluso.

LA DIFFERENTE LETALITÀ DEL CORONAVIRUS INDICA CHE È CREATO DALL’UOMO

Il 4 agosto, il ministero della Difesa russo ha affermato che “sta valutando la possibilità che l’USAID (l’Agenzia degli Stati Uniti per lo sviluppo internazionale) sia coinvolta nell’emergere del nuovo coronavirus.

“Secondo il ministero, dal 2009 l’USAID finanzia il programma per studiare nuovi coronavirus e catturare i pipistrelli. Prima della pandemia di COVID-19, la Johns Hopkins University aveva condotto l’esercizio di simulazione Event 201 per addestrare le misure di risposta alla pandemia di un coronavirus precedentemente sconosciuto.

Differenze significative nella letalità delle varianti del coronavirus e la diffusione irregolare del virus suggeriscono che si tratta di una creazione artificiale, ha affermato giovedì 4 agosto il capo delle truppe russe di protezione nucleare, biologica e chimica Igor Kirillov.

Ha ribadito che a maggio, il professore della Columbia University Jeffrey Sachs, uno dei massimi esperti della rivista medica The Lancet, ha indicato in una conferenza in Spagna la possibilità che un coronavirus si manifesti artificialmente e con alta probabilità con l’uso dei progressi americani nella biotecnologia.

“Secondo i nostri esperti, ciò è evidenziato dalla variabilità insolita delle varianti geniche che causano vari picchi della loro incidenza, differenze significative di letalità e infettività, diffusione geografica irregolare e natura imprevedibile del processo epidemico nel suo insieme”, ha affermato Kirillov.

Tutto ciò “dà l’impressione” che la pandemia venga “alimentata artificialmente” attraverso la “piantagione” di nuove varianti del virus in una particolare regione, “nonostante gli sforzi compiuti per contenerla e isolare i pazienti”, ha sottolineato.

Fabio Giuseppe Carlo Carisio

12/08/2022

WUHAN-GATES – 55. “SARS DEL 2003 E DEL 2019 BIOARMI”. Esperti Russi di Genomica e Biologia Accusano gli USA (gospanews.net)

ORIGINAL ENGLISH VERSION

--------------------------
Iscriviti al nostro canale Telegram
al nostro account Twitter
o visita la nostra pagina Facebook

--------------------------

Sharing - Condividi