Shoigu (Russia): “E’ giunta la fine del mondo unipolare mondiale”

Il lancio dell’operazione militare speciale della Russia in Ucraina ha messo fine all’ordine mondiale unipolare. Mosca si trova di fronte all’Occidente collettivamente, ma nessuno, nemmeno la NATO, ha dubbi sul fatto che gli obiettivi dell’operazione saranno raggiunti, ha detto martedì il ministro della Difesa russo Sergey Shoigu all’apertura della 10a Conferenza di Mosca sulla sicurezza internazionale.

Durante la sua speciale operazione militare in Ucraina, la Russia ha sfatato il mito della disponibilità di “superarmi” occidentali in grado di cambiare la situazione in prima linea, ha sottolineato il capo della difesa. Ha anche respinto come affermazioni speculative e provocatorie che le armi nucleari potrebbero essere utilizzate sul suolo ucraino e ha avvertito che i piani per isolare la Russia sarebbero falliti.

Le dichiarazioni chiave di Shoigu sono state descritte di seguito.

Fine dell’ordine mondiale unipolare

Il dominio assoluto degli Stati Uniti e dei loro alleati sta diventando un ricordo del passato, mentre il multipolarismo è diventato una realtà: “Il lancio di un’operazione militare speciale in Ucraina il 24 febbraio 2022 ha messo fine all’ordine mondiale unipolare”.

“Un mondo multipolare è la realtà di oggi. Il passaggio dal dominio di un leader globale a più centri non sta progredendo facilmente. Tuttavia, si stanno creando le condizioni reali per l’espansione degli Stati sovrani”.

Sul ruolo dell’Occidente in Ucraina

“In Ucraina, le truppe russe si trovano di fronte all’Occidente collettivamente che ha guidato i leader di questo paese in una guerra ibrida contro la Russia”. Ciò comporta assistenza finanziaria, il trasferimento di armi e dati di ricognizione, nonché l’addestramento per l’esercito ucraino. Inoltre, questi ultimi hanno coordinato le loro azioni con consiglieri stranieri, mentre “l’uso degli armamenti è stato sotto il controllo di esperti occidentali”.

“Gli sforzi della NATO mirano a prolungare l’agonia del regime di Kiev. Allo stesso tempo, sappiamo per certo che nessuno alla NATO ha alcun dubbio che gli obiettivi fissati dalla leadership russa per l’operazione militare speciale saranno raggiunti, mentre i piani per indebolire la Russia strategicamente ed economicamente stanno fallendo.

Sulle “superarmi” occidentali

“L’operazione militare speciale ha dissipato il mito dell’Occidente che fornisce all’Ucraina ‘superarmi’ in grado di cambiare radicalmente la situazione in prima linea. <… > E queste armi vengono messe a terra nelle battaglie. Questi non hanno avuto un effetto importante sulla situazione”.

Nel frattempo, le armi russe hanno dimostrato le loro migliori qualità sul campo di battaglia e Mosca ha esaminato attentamente le armi trofeo. “Stiamo prendendo in considerazione i loro dettagli e le loro proprietà per migliorare i metodi di guerra e rafforzare l’efficienza degli armamenti russi”.

Sull’uso di armi nucleari in Ucraina

“Da un punto di vista militare, non c’è bisogno di usare armi nucleari in Ucraina per raggiungere gli obiettivi prefissati. <… > Anche le affermazioni secondo cui le armi chimiche potrebbero essere usate in Ucraina sono assurde”.

Tutte queste “fughe di notizie” e “notizie provocatorie” mirano a distogliere l’attenzione dall’attività dei biolab militari statunitensi in Ucraina.

Sulle politiche della NATO

“La NATO si è tolta la maschera e la natura aggressiva del blocco ha smesso di nascondersi dietro la caratterizzazione dell’attività esclusivamente difensiva della coalizione. L’obiettivo dell’alleanza per il dominio globale è attualmente fissato nei suoi piani strategici “, ha affermato.

La potenziale adesione di Finlandia e Svezia alla NATO richiederebbe una revisione delle politiche difensive della Russia: “Alcune conclusioni sono già state tratte e incluse in una dottrina marittima aggiornata. <… > Il lavoro in questo senso continuerà”, ha sottolineato il capo della difesa.

Sulle minacce rivolte all’Estremo Oriente

L’alleanza AUKUS tra Australia, Regno Unito e Stati Uniti e i piani per costruire la flotta nucleare australiana hanno aggravato la situazione con la sicurezza nella regione Asia-Pacifico. “A livello globale, una flotta di sottomarini a propulsione nucleare a disposizione dell’Australia stimolerebbe altri paesi a costruire armi simili, < … > e una corsa globale agli armamenti nucleari si riaccenderanno”.

Né si può escludere che le pratiche della NATO nella pianificazione nucleare congiunta e nell’addestramento all’uso delle armi nucleari siano reindirizzate verso l’Estremo Oriente: “Il trasferimento di esercitazioni nucleari dall’Europa farebbe esplodere la regione. Tuttavia, si può presumere che questo sia esattamente l’obiettivo che gli Stati Uniti hanno perseguito”.

PATRIOT PARK /Regione di Mosca/, 16 agosto. /TASS/

Shoigu annuncia la fine dell’ordine mondiale unipolare, sfata il mito delle “superarmi” – Military & Defense – TASS

--------------------------
Iscriviti al nostro canale Telegram
al nostro account Twitter
o visita la nostra pagina Facebook

--------------------------

Sharing - Condividi