Wei Fenghe (Cina): “Possiamo difenderci dai tentativi degli Stati Uniti di minare la stabilità”

L’Esercito popolare di liberazione cinese non ha paura dei suoi nemici ed è pronto a combattere per la sovranità del paese tra i tentativi degli Stati Uniti di minare la stabilità nella regione Asia-Pacifico, ha detto martedì il ministro della Difesa cinese Wei Fenghe.

“Il recente viaggio della presidente della Camera dei Rappresentanti degli Stati Uniti Nancy Pelosi a Taiwan è stata una grave violazione della sovranità e dell’integrità territoriale della Cina. Ha causato effetti negativi sulla pace e la stabilità nella regione e nello Stretto di Taiwan”, ha detto in un videomessaggio alla 10a Conferenza di Mosca sulla sicurezza internazionale. “La Cina non può essere domata. Non abbiamo paura delle forze del male, così come di eventuali nemici. Siamo determinati e pronti a combattere con qualsiasi nemico”.

Wei ha ricordato che Taiwan era parte integrante della Cina e Pechino considerava tutte le questioni correlate come problemi politici interni in cui nessun altro paese aveva il diritto di interferire.

“I separatisti che sostengono la cosiddetta indipendenza di Taiwan si spezzeranno sicuramente il collo. I tentativi di interferenza esterna sono destinati a fallire”, ha aggiunto.

Wei ha ricordato che la posizione della Cina sulla questione di Taiwan ha goduto del sostegno della maggior parte dei paesi del mondo. Più di 170 di loro hanno recentemente rilasciato dichiarazioni pertinenti “per sostenere il desiderio di Pechino di proteggere la sua sovranità”. Ha sottolineato l’importante ruolo degli Stati membri dell’Organizzazione per la cooperazione di Shanghai sullo sfondo delle azioni destabilizzanti di Washington nella regione.

“Il PLA sta conducendo esercitazioni militari su larga scala intorno a Taiwan, che sono azioni legittime e corrette volte a proteggere la sovranità del nostro paese”, ha concluso Wei.

Taiwan è governata dalla propria amministrazione dal 1949, quando i resti delle forze del Kuomintang sotto Chiang Kai-shek (1887-1975) fuggirono sull’isola dopo essere stati sconfitti nella guerra civile cinese. Da allora Taipei ha conservato la bandiera e alcuni altri attributi dell’ex Repubblica di Cina, che esisteva sulla terraferma prima che i comunisti salissero al potere. Secondo la posizione ufficiale di Pechino, sostenuta dalla maggior parte dei paesi, tra cui la Russia, è una delle province della Cina.

PATRIOT PARK, 16 agosto. /TASS/

La Cina può difendersi dai tentativi degli Stati Uniti di minare la stabilità – ministro della difesa – Mondo – TASS

--------------------------
Iscriviti al nostro canale Telegram
al nostro account Twitter
o visita la nostra pagina Facebook

--------------------------

Sharing - Condividi