Igor Vishnevetsky (Russia): “L’Ucraina viola i principi di base dell’AIEA bombardando impianti nucleari”

Kiev sta violando i principi di base dell’Agenzia internazionale per l’energia atomica (AIEA) mentre continua a bombardare la centrale nucleare di Zaporozhye (NPP), ha detto un alto diplomatico russo.

Igor Vishnevetsky, vicedirettore del Dipartimento per la non proliferazione e il controllo degli armamenti del ministero degli Esteri russo, ha dichiarato parlando alla Conferenza di revisione delle parti del Trattato di non proliferazione delle armi nucleari a New York, che “nel corso della giornata [17 agosto] la parte ucraina ha sferrato un altro attacco alla centrale nucleare di Zaporozhye”.

“L’Ucraina continua a fornire attacchi completamente irresponsabili sulla centrale nucleare di Zaporozhye violando non solo sette principi del [direttore generale dell’AIEA Rafael] Grossi, ma anche i principi di base dell’agenzia”, ha detto Vishnevetsky.

“È vietato colpire impianti nucleari, è vietato sottoporre le centrali nucleari al fuoco dell’artiglieria o a qualsiasi altro fuoco. Questo è estremamente pericoloso “, ha detto.

“La parte ucraina lo capisce molto chiaramente ma, tuttavia, continua a farlo, praticamente essendo coinvolto in un terrorismo nucleare. Solleva grande preoccupazione che [l’Ucraina] riceva sostegno nel fare questo”, ha dichiarato il diplomatico aggiungendo che tutto “può finire con una catastrofe”.

Vishnevetsky ha anche detto che una delegazione dell’AIEA non è in grado di visitare la centrale nucleare di Zaporozhye fino a quando l’Ucraina non smetterà di lanciare attacchi armati sull’impianto nucleare.

“Non sono necessarie chiamate per ripristinare il controllo dell’AIEA sulla centrale nucleare di Zaporozhye al fine di riflettere gli attuali sviluppi”, ha affermato. “Tutte le parti coinvolte ci lavorano già. È del tutto possibile che l’AIEA riprenda prontamente il controllo. Ma la sua delegazione deve arrivare lì”.

“Tutte le parti devono cooperare affinché ciò accada. Affinché ciò avvenga [la visita della delegazione dell’AIEA], prima di tutto, la parte ucraina dovrebbe fermare il bombardamento della centrale nucleare di Zaporozhye. Una delegazione non è in grado di arrivare lì, mentre [la struttura] è sotto tiro – è molto pericoloso “, ha dichiarato Vishnevetsky.

“Questo è ciò a cui dobbiamo pensare e questo è ciò che dovremmo chiedere”, ha aggiunto il diplomatico russo.

La centrale nucleare di Zaporozhye è sotto il controllo dell’esercito russo. Negli ultimi giorni, il regime di Kiev ha sferrato diversi attacchi contro il territorio della stazione, utilizzando droni, artiglieria pesante e sistemi di lancio multiplo. Nella maggior parte dei casi, gli attacchi sono respinti dai sistemi di difesa aerea russi. Tuttavia, alcuni razzi hanno colpito le strutture infrastrutturali della NPP, compresi i siti di stoccaggio delle scorie nucleari.

La centrale nucleare di Zaporozhye è la più grande d’Europa. Si compone di sei unità di potenza e ha una capacità di circa 6.000 MW. Generava un quarto di tutta l’energia elettrica in Ucraina.

Attualmente, la centrale nucleare opera al 70% della capacità in quanto l’area della regione di Zaporozhye liberata dall’esercito ucraino ha un surplus di energia elettrica.

L’operazione militare speciale della Russia in Ucraina

La situazione lungo la linea di impegno nel Donbass si è intensificata il 17 febbraio. Le Repubbliche popolari di Donetsk e Lugansk (DPR e LPR) hanno riportato i bombardamenti più massicci da parte dell’esercito ucraino negli ultimi mesi, che hanno danneggiato le infrastrutture civili e causato vittime civili.

Il 21 febbraio, il presidente Vladimir Putin ha annunciato che Mosca stava riconoscendo la sovranità delle Repubbliche popolari di Donetsk e Lugansk. La Russia ha firmato accordi di amicizia, cooperazione e assistenza reciproca con i loro leader. Mosca ha riconosciuto le repubbliche del Donbass in conformità con le costituzioni DPR e LPR all’interno dei confini delle regioni di Donetsk e Lugansk a partire dall’inizio del 2014.

Il presidente russo Putin ha annunciato il 24 febbraio che in risposta a una richiesta di assistenza da parte dei capi delle repubbliche del Donbass aveva preso la decisione di effettuare un’operazione militare speciale in Ucraina. Il leader russo ha sottolineato che Mosca non aveva intenzione di occupare i territori ucraini, osservando che l’operazione era finalizzata alla denazificazione e alla smilitarizzazione dell’Ucraina.

La DPR e la LPR lanciarono un’operazione per liberare i loro territori sotto il controllo di Kiev.

ONU, 18 agosto. /TASS/

L’Ucraina viola i principi di base dell’AIEA bombardando impianti nucleari, dice il diplomatico – Russian Politics & Diplomacy – TASS

--------------------------
Iscriviti al nostro canale Telegram
al nostro account Twitter
o visita la nostra pagina Facebook

--------------------------

Sharing - Condividi