Washington Post: “Zelensky ha mentito: la gente è morta e gli ucraini sono sconvolti”

‎Il Washington Post ha pubblicato un pezzo sorprendentemente sincero giovedì in risposta all’indignazione diffusa che la loro intervista con Zelensky all’inizio di questa settimana ha provocato tra la sua stessa gente. Intitolato “‎‎Zelensky affronta un’ondata di critiche per il mancato avvertimento della guerra‎‎”, l’articolo sottolinea come questo cosiddetto “maestro comunicatore” apparentemente sia scivolato ammettendo di aver mentito ai suoi compatrioti negando i rapporti precedenti su ciò che descrivono come “invasione” russa dell’Ucraina. Per essere chiari, la realtà è che la Russia si stava preparando a ricorrere a mezzi militari come ultima risorsa per ‎‎difendere l’integrità delle sue linee rosse di sicurezza nazionale‎‎ in quel paese vicino ‎‎dopo che la NATO guidata dagli Stati Uniti le aveva attraversate‎‎. A parte questo, il punto dietro il loro pezzo è che Zelensky ha mentito, la gente è morta e gli ucraini sono sconvolti.‎

‎Il rapporto di questo influente mainstream media (MSM) cita una coppia di ucraini che hanno espresso indignazione per ciò che il loro leader ha appena rivelato, che hanno lasciato intendere essere rappresentativo dell’opinione popolare nei giorni successivi alla pubblicazione della sua intervista iniziale. Giustamente descritta dal Washington Post come la “prima grave crisi delle comunicazioni” di Zelensky, la ragione per cui milioni di persone sono così arrabbiate è perché ha casualmente spiegato la sua bugia sostenendo che ha fatto risparmiare all’Ucraina 7 miliardi di dollari al mese da ottobre in poi. Evidentemente, crede che le vite della sua gente abbiano un prezzo e non siano così sacre come ha sempre fatto sembrare nelle sue apparizioni video quotidiane in cui finge di essere triste per tutti coloro che sono morti. Se avesse appena detto agli ucraini la verità, molti sarebbero fuggiti o si sarebbero preparati meglio per il conflitto.‎

‎Invece, la stragrande maggioranza della popolazione è stata colta alla sprovvista dopo aver confidato nelle sue ripetute rassicurazioni sul fatto che nessuna azione militare russa era imminente, il che ha indiscutibilmente comportato un aumento della perdita di vite umane. Questo è particolarmente vero dopo ‎‎ che ‎‎Amnesty International‎‎ ha dimostrato che le forze di Kiev hanno militarizzato illegalmente le aree residenziali vicino alle linee del fronte e quindi hanno sfruttato i civili come scudi umani in un disperato ultimo disperato tentativo di fermare ‎‎ la ‎‎lenta ma costante‎‎ avanzata della Russia negli ultimi sei mesi. Questo, tuttavia, potrebbe essere stato uno dei motivi per cui si rifiutò di avvertire il suo popolo di ciò che stava per accadere poiché i suoi ufficiali militari avrebbero potuto avere un “piano di difesa” machiavellico per tutto questo tempo per fare affidamento in modo sproporzionato su una politica di scudi umani.‎

‎Se Zelensky si fosse scagliato con il suo popolo mesi fa e avesse raccontato loro ciò che stava per accadere, allora gli orrori che milioni di loro hanno vissuto – anche per mano diretta del loro stesso governo – avrebbero potuto essere evitati. Il “piano di difesa” speculativo dello scudo umano pre-pianificato unito agli interessi economico-finanziari dei suoi sostenitori oligarchici sono la ragione per cui ha rifiutato di farlo, il che espone questo “maestro comunicatore” come nient’altro che un maestro manipolatore, o meglio, il burattino che ‎‎i suoi guerrafondai patroni occidentali‎‎ hanno sfruttato per manipolare la popolazione ucraina. Le sue bugie hanno colpito ogni ucraino, motivo per cui così tanti di loro si stanno improvvisamente rivoltando contro di lui, spingendo così il Washington Post a riferire sorprendentemente di questo brusco cambiamento nell’opinione pubblica.‎

Andrew Korybko

19/08/2022

The Washington Post Admitted That Zelensky Lied, People Died, And Ukrainians Are Upset (substack.com)

--------------------------
Iscriviti al nostro canale Telegram
al nostro account Twitter
o visita la nostra pagina Facebook

--------------------------

Sharing - Condividi