L’assassinio della figlia di Alexander Dugin, Darya, è stato un vile attacco terroristico

Darya Dugina, figlia del filosofo e professore russo Alexander Dugin, è stata ‎‎assassinata‎‎ sabato sera quando la jeep che stava guidando è esplosa su un’autostrada di Mosca a causa di quella che gli investigatori ritengono fosse una bomba che era stata precedentemente collocata al suo interno. Il sospetto è che suo padre fosse l’obiettivo previsto dopo che le fonti hanno rivelato che avrebbe dovuto essere anche lui nel veicolo, ma ha deciso di tornare a casa dal festival di famiglia tradizione e storia attraverso mezzi alternativi all’ultimo minuto. Sebbene nessuna prova correlata debba ancora essere resa pubblica, molti stanno iniziando a credere che Kiev fosse dietro questo vile attacco terroristico.‎

‎Il professor Dugin è forse il secondo russo più “famigerato” dietro ‎‎ il ‎‎presidente Putin‎‎ nell’immaginario occidentale dopo essere stato falsamente accusato di essere simile a una versione moderna di “Rasputin”. Secondo questa narrativa di guerra dell’informazione fabbricata artificialmente che è già stata girata negli ultimi cinquant’anni, le opere precedenti di quel filosofo presumibilmente convinsero il leader russo a ripristinare l’influenza della sua ex superpotenza sui paesi che componevano l’Unione Sovietica. La realtà, tuttavia, è che questa tendenza geostrategica è stata il risultato naturale della sua Grande Potenza che si è gradualmente ripresa dal suo collasso post-sovietico e ha difeso con più sicurezza le sue linee rosse di sicurezza nazionale in Eurasia.‎

‎Tuttavia, serve gli interessi narrativi dei manager della percezione occidentale per inventare una drammatica teoria della cospirazione al fine di manipolare più facilmente il loro pubblico mirato. Invece di rimanere puramente nel regno dei media, tuttavia, questa falsa interpretazione degli eventi geostrategici alla fine ha avuto conseguenze mortali nella misura in cui ha convinto con successo il regime neonazista di Kiev che il professor Dugin presumibilmente costituiva una cosiddetta “minaccia” che quindi si riteneva dovesse essere eliminata non importa quale, ergo il tentativo di assassinio contro di lui che ha finito per uccidere sua figlia invece. Questa sequenza di eventi porta a diverse conclusioni molto importanti.‎

‎In primo luogo, accuse infondate come quelle contro il professor Dugin possono diffondersi a macchia d’olio se fanno appello in modo creativo all’immaginazione del loro pubblico mirato. In secondo luogo, questa notizia falsa può avere conseguenze molto reali se influenza le persone a compiere atti di violenza contro il soggetto che viene diffamato. In terzo luogo, i civili come lui e sua figlia che vivono la loro vita quotidiana sono i cosiddetti “bersagli morbidi” che possono essere danneggiati più facilmente delle figure governative perché non hanno servizi di sicurezza a tempo pieno per proteggerli. In quarto luogo, i servizi segreti ucraini stavano ovviamente monitorando i loro movimenti, tentando di penetrare nei loro circoli e preparandosi così a colpire in un momento futuro.‎

‎E quinto, il professor Dugin e sua figlia sono personaggi pubblici che di conseguenza condividono i loro programmi di eventi sui social media, che con il senno di poi hanno contribuito a questo cosiddetto “crimine di opportunità” che è stato pianificato per essere commesso attraverso mezzi indiretti attraverso l’autobomba che alla fine è stata impiegata nell’attentato. Da questo, si può ipotizzare che il colpevole abbia piantato il dispositivo mentre i due erano al festival di sabato o qualche tempo prima, con non è chiaro se sia stato fatto esplodere tramite un timer che non poteva essere fermato (quindi perché è esploso nonostante il filosofo abbia cambiato i suoi piani all’ultimo minuto) o se sia stato fatto manualmente per uccidere deliberatamente sua figlia.‎

‎In ogni caso, l’assassinio di Darya rappresenta un attraversamento del Rubicone nel ‎‎conflitto‎‎ ‎‎ucraino‎‎ ‎‎ in ‎‎ cui Kiev ha intensificato i suoi attacchi terroristici al punto da prendere di mira i familiari di civili che sono stati ingannati da notizie false nel pensare falsamente che siano politicamente molto influenti come sembrano aver creduto che suo padre fosse. Il fatto che sia stata ancora uccisa nonostante il loro obiettivo presumibilmente previsto abbia inaspettatamente deciso di tornare a casa in un veicolo diverso suggerisce che i perpetratori hanno ancora deciso di portare a termine il loro complotto per inviare almeno un messaggio a lui e a Mosca più in generale che hanno deciso di intensificare la loro ‎‎ guerra ‎‎ibrida‎‎ ‎‎sostenuta‎‎ dagli Stati Uniti ‎‎ contro la Russia.‎

‎Questo assassinio mirato che è stato indiscutibilmente influenzato da mezzo decennio di notizie false su quel filosofo mostra le conseguenze mortali della campagna americana di guerra dell’informazione. Conferma anche che i delegati dell’egemone unipolare in declino a Kiev sono veramente sponsor statali del terrorismo che devono di conseguenza essere trattati come tali dalla comunità internazionale. Questo vile attacco terroristico minaccia il legittimo ordine basato su regole sancito dalla Carta delle Nazioni Unite e conferma quindi che gli Stati Uniti stanno deliberatamente seminando i semi del caos in un disperato ultimo disperato tentativo di erodere il morale russo dopo la ‎‎lenta ma costante avanzata‎‎ delle sue forze nell’ultimo semestre della sua operazione militare speciale.‎

‎Decine di miliardi di dollari di equipaggiamento militare occidentale guidato dagli Stati Uniti a Kiev non sono riusciti a plasmare il corso del conflitto, che continua a tendere nella direzione di un’inevitabile vittoria russa nonostante l’incertezza sul momento esatto in cui tale risultato sarà ufficialmente riconosciuto dai suoi oppositori. Solo la parte che sta perdendo ricorrerebbe a tali atti di terrorismo poiché chiaramente non hanno le capacità convenzionali di alterare gli eventi sul campo a loro favore. Gli osservatori oggettivi possono quindi concludere che la ‎‎guerra per procura della NATO guidata dagli Stati Uniti contro la Russia attraverso l’Ucraina‎‎ non è riuscita a raggiungere il suo grande obiettivo strategico di ‎‎paralizzare‎‎ quella Grande Potenza e potrebbe quindi essere nella sua fase convenzionale finale.‎

Andrew Korybko

21/08/2022

The Assassination Of Alexander Dugin’s Daughter Darya Was A Dastardly Terrorist Attack (substack.com)

--------------------------
Iscriviti al nostro canale Telegram
al nostro account Twitter
o visita la nostra pagina Facebook

--------------------------

Sharing - Condividi