Gli Stati Uniti hanno paura di rendere pubbliche le prove delle atrocità dei militanti di Azov

Le accuse degli Stati Uniti nel discorso della Russia riguardante un tribunale di criminali di guerra ucraini a Mariupol sono infondate, ha detto mercoledì l’ambasciata russa negli Stati Uniti.

“Abbiamo preso atto di un’altra accusa infondata contro il nostro paese relativa al Tribunale sui criminali di guerra ucraini”, ha detto l’ambasciata in un commento. “L’imminente processo ha lo scopo di portare giustizia ai criminali di guerra, tra i quali ci sono nazisti del reggimento Azov (un’organizzazione nazionalista ucraina fuorilegge in Russia – TASS). Washington ha chiaramente paura di rendere pubbliche le prove degli atti disumani commessi dai membri di questa organizzazione terroristica”.

“Il Tribunale Internazionale di Mariupol può far luce sulla vera essenza del regime di Kiev, di cui gli Stati Uniti creano diligentemente un’immagine luminosa ed eroica. I cittadini americani impareranno finalmente che, in realtà, il loro governo sta aiutando coloro che uccidono e torturano intenzionalmente il popolo russo del Donbass e dell’Ucraina”.

L’ambasciata ha sottolineato che la Russia è pienamente impegnata nella Convenzione di Ginevra e garantisce condizioni adeguate ai prigionieri di guerra ucraini, che “non si può dire del regime di Kiev, che i militanti hanno maltrattato i soldati russi catturati”.

“Infine, se le autorità statunitensi hanno domande su ciò che è accaduto a Mariupol, potrebbero discuterne con l’amministrazione della Repubblica popolare di Donetsk. È uno stato indipendente”, ha aggiunto l’ambasciata.

Il portavoce del Dipartimento di Stato americano Ned Price ha dichiarato mercoledì che gli Stati Uniti condannano il tribunale sui criminali di guerra ucraini a Mariupol come illegittimo.

Denis Pushilin, capo della Repubblica popolare di Donetsk (DPR), ha detto in precedenza che i nazionalisti ucraini dovrebbero stare in tribunale e non ha escluso che sarà un tribunale internazionale. Uno di questi tribunali si terrà a Mariupol. Le autorità del DPR hanno detto che i documenti necessari, incluso il carter, sono in fase di elaborazione.

WASHINGTON, 25 agosto. /TASS/

Gli Stati Uniti temono di rendere pubbliche le prove delle atrocità dei militanti di Azov – Ambasciata russa – Politica e diplomazia russa – TASS

--------------------------
Iscriviti al nostro canale Telegram
al nostro account Twitter
o visita la nostra pagina Facebook

--------------------------

Sharing - Condividi