‎USA furiosi perché non possono fermare un potenziale accordo di scambio di petrolio russo-iraniano‎

L’influente media mainstream occidentale (MSM) guidato dagli Stati Uniti Politico ha espresso estrema frustrazione martedì per l’incapacità dell’America di fermare un potenziale accordo di scambio di petrolio russo-iraniano in attesa della rinegoziazione di successo del Joint Comprehensive Plan Of Action (JCPOA) che recenti rapporti indicano potrebbe essere a breve finalmente raggiunto. Nel loro pezzo intitolato “‎‎La Russia vede l’Iran come una backdoor anti-sanzioni per le vendite di petrolio‎‎”, lamentano quanto facilmente “l’Iran potrebbe importare greggio russo sulla sua costa settentrionale del Caspio e poi vendere quantità equivalenti di greggio per conto della Russia in petroliere iraniane in partenza dal Golfo Persico”. Questo patto sarebbe reciprocamente vantaggioso e rafforzerebbe ulteriormente il ‎‎partenariato strategico in rapida intensificazione‎‎ tra queste grandi potenze multipolari.‎

‎La ‎‎transizione sistemica globale verso il multipolarismo‎‎ che ha subito un’accelerazione senza precedenti alla luce dell’ultima ‎‎ fase ‎‎provocata dagli Stati Uniti‎‎ del ‎‎conflitto‎‎ ‎‎ucraino‎‎ ‎‎ iniziata sei mesi fa sta trasformando radicalmente l’Eurasia. Il presidente Putin ha recentemente ‎‎dichiarato‎‎ che la Russia ha ripristinato il suo status di potenza mondiale, che è un riflesso accurato del suo ruolo nelle relazioni internazionali contemporanee. Per spiegare, le sanzioni senza precedenti dell’Occidente guidato dagli Stati Uniti ‎‎hanno paralizzato‎‎ ‎‎controproducentemente‎‎ ‎‎ la base economico-finanziaria del declino dell’egemonia unipolare americana, che ha coinciso con la Russia che ha collaborato con ‎‎l’India‎‎ e l’Iran per forgiare un ‎‎terzo polo di influenza‎‎ nell’attuale ‎‎fase intermedia bipolare‎‎ della suddetta transizione sistemica verso più ‎‎ multipolarità complessa‎‎ (“multiplexity”).‎

‎Questi due fattori hanno alterato irreversibilmente il corso della ‎‎Nuova Guerra Fredda‎‎: il declino egemonico unipolare degli Stati Uniti è diventato inevitabile mentre l’India ha aiutato la Russia a ‎‎evitare preventivamente‎‎ qualsiasi dipendenza potenzialmente sproporzionata dalla Cina che alcuni osservatori hanno ipotizzato avrebbe potuto portare la Repubblica Popolare a sostituire lo status di unica superpotenza americana nel prossimo futuro e quindi replicare le disuguaglianze sistemiche connesse a tale scenario. Per essere assolutamente chiari, l’autore non dà credito a quella terribile previsione sulla Cina che sostituisce il precedente ruolo degli Stati Uniti nelle relazioni internazionali, ma sta semplicemente sottolineando come l’intervento del cigno nero dell’India abbia reso impossibile quello scenario in ogni caso.‎

‎Dopo aver spiegato il significato strutturale rivoluzionario del partenariato strategico russo-indiano, i lettori possono ora comprendere meglio il ruolo complementare che quello russo-iraniano svolge. Sebbene meno direttamente influente in termini di rimodellamento immediato della traiettoria della transizione sistemica globale, non è meno significativo rispetto alle sue implicazioni a lungo termine a causa dell’impatto che è pronto ad avere sull’industria energetica. Queste due potenze multipolari sono i principali attori in quel commercio, in particolare quello del gas naturale. I loro piani speculativi per un accordo di scambio di petrolio che ha provocato tale panico da parte di Politico portano con sé il potenziale per garantire una generazione di entrate affidabile per entrambi, aiutando anche i loro partner.‎

‎Le economie russa e iraniana trarranno reciproco vantaggio dalla vendita di risorse scontate sul mercato globale, mentre paesi come l’India accelereranno la loro ascesa come grandi potenze multipolari attraverso l’acquisto di queste esportazioni. Il loro asse trilaterale continuerà a diventare una forza da non sottovalutare, soprattutto se i primi due coordineranno le loro attività di gas naturale visto che rappresentano le più grandi riserve di questo tipo al mondo. Non è quindi difficile prevedere che l’industria energetica globale possa alla fine essere rivoluzionata dalla Partnership strategica russo-iraniana, che potrebbe a sua volta infliggere un colpo mortale al cosiddetto “petrodollaro”, soprattutto nello scenario dell’Arabia Saudita che vende petrolio alla Cina e ad altri in yuan.‎

‎La de-dollarizzazione del commercio di gas naturale, sia in parallelo con il suddetto scenario di Arabia Saudita e Cina che guidano la de-dollarizzazione di quello petrolifero o al posto di esso nel caso in cui questo secondo scenario non si verifichi per qualsiasi motivo, passerà come un evento storico nella storia dell’economia globale. La stretta cooperazione speculativamente imminente della Russia e dell’Iran nel commercio del petrolio preparerà il terreno per ciò che molto probabilmente verrà, che avrà un’importanza smisurata per tutti poiché si prevede che il consumo di gas naturale continuerà a crescere per un futuro indefinito. In termini pratici, ciò significa che questi due eserciteranno collettivamente un’influenza sproporzionata sull’economia globale in modo indiretto ma comunque tangibile.‎

‎Nessuno dovrebbe dubitare delle loro intenzioni dal momento che l’Iran è uno stato rivoluzionario dal 1979, mentre il presidente Putin ha appena svelato il ‎‎manifesto rivoluzionario globale‎‎ del suo paese ‎‎ alla fine del mese scorso. Iran e Russia vedono quindi di buon occhio la necessità di fare tutto ciò che è necessario per accelerare la transizione sistemica verso il multipolarismo, che senza dubbio include lo sfruttamento congiunto dei loro ruoli nel commercio di energia in modo da diventare superpotenze in questo settore. Ne trarranno reciproco beneficio, accelerando anche l’ascesa del loro partner strategico indiano condiviso come Grande Potenza, che contribuirà a rompere le relazioni internazionali dalla loro attuale fase intermedia bipolare e quindi ad annunciare l’emergere di un complesso multipolarismo esattamente come le loro leadership immaginano, il tutto a scapito del declino dell’egemonia degli Stati Uniti.‎

Andrew Korybko

25/08/2022

The US Is Furious Because It Can’t Stop A Prospective Russian-Iranian Oil Swap Deal (substack.com)

--------------------------
Iscriviti al nostro canale Telegram
al nostro account Twitter
o visita la nostra pagina Facebook

--------------------------

Sharing - Condividi