Vulin (Serbia): “Gli Stati Uniti non dovrebbero trattare i serbi come indiani nelle riserve”

Il ministro dell’Interno serbo Aleksandar Vulin ha chiesto all’ambasciatore degli Stati Uniti a Belgrado Christopher Hill di rispettare le regole della decenza ed evitare di trattare i serbi come indiani in una riserva. Il ministero dell’Interno serbo ha rilasciato la dichiarazione di Vulin mercoledì.

“Non so cosa l’ambasciatore Hill volesse ottenere commentando le azioni dei ministri del governo della Serbia, di cui è ospite, ma so che l’ambasciatore serbo negli Stati Uniti non commenterebbe mai le azioni dei ministri del governo a Washington. L’ambasciatore Hill pensa di poterci costringere a fare tutto ciò che vuole, come se fossimo Comanche su una riserva”, ha detto Vulin, commentando un’intervista con il diplomatico statunitense sul canale serbo N-1.

“Non so cosa spera di ottenere l’ambasciatore Hill esortandoci a riconoscere il Kosovo, ma mi sembra che lui stesso non sappia cosa vuole ottenere. Forse l’ambasciatore riuscirà a farmi rimuovere dal [nuovo] governo, ma non riuscirà a distruggere l’idea della Serbia indipendente, che prende le proprie decisioni”, ha detto Vulin.

In precedenza, Hill parlando in un’intervista a N1 (la filiale della CNN nei Balcani), ha condannato fermamente la recente visita di Vulin a Mosca, e ha anche sottolineato che la Serbia dovrebbe imporre sanzioni alla Russia e “unirsi al fardello” condiviso da molti altri membri dell’UE.

Il 22-23 agosto, Vulin ha fatto una visita in Russia, dove ha incontrato il vice ministro della Difesa Alexander Fomin, il ministro degli Esteri Sergey Lavrov e il segretario del Consiglio di sicurezza Nikolay Patrushev. Durante i colloqui è stata prestata seria attenzione alla crisi in Kosovo e Metohija.

Il 31 luglio, la situazione in Kosovo e Metohija è peggiorata bruscamente dopo che la polizia dell’entità non riconosciuta ha chiuso il checkpoint sulla linea amministrativa con la Serbia, con l’intenzione di introdurre carte di migrazione per i serbi residenti nella regione a partire dal 1 ° agosto e chiedendo anche la reimmatricolazione delle auto serbe. In risposta, i serbi nella parte settentrionale del Kosovo sono scesi in strada per manifestare e bloccare le principali autostrade. Le sirene sono state suonate in un certo numero di città nel nord della regione. La polizia e i membri della forza di sicurezza internazionale in Kosovo (KFOR), che operano sotto l’egida della NATO, sono stati spostati sul ponte sul fiume Ibar, che collega il nord e il sud di Kosovska Mitrovica. Come risultato degli sforzi internazionali, Pristina ha rinviato l’introduzione delle carte di migrazione e il divieto di targhe serbe fino al 1 ° settembre.

BELGRADO, 24 agosto. /TASS/

Gli Stati Uniti non dovrebbero trattare i serbi come indiani nelle riserve – Ministro degli interni serbo – Mondo – TASS

--------------------------
Iscriviti al nostro canale Telegram
al nostro account Twitter
o visita la nostra pagina Facebook

--------------------------

Sharing - Condividi