Componenti tossici insoliti trovati nei vaccini Covid, “senza eccezioni”: Lo dicono scienziati tedeschi

Di Sabino Paciolla – Agosto 26th, 2022

Componenti tossici insoliti trovati nei vaccini COVID, “senza eccezioni”: Lo dicono scienziati tedeschi – Il blog di Sabino Paciolla

 

“Un gruppo di scienziati tedeschi indipendenti ha trovato componenti tossici, per lo più metallici, in tutti i campioni di vaccino COVID analizzati, ‘senza eccezioni’, utilizzando moderne tecniche di misurazione medica e fisica”.

L’articolo che segue è stato scritto da Enrico Trigoso, un giornalista di The Epoch Times che si occupa dell’area di New York. L’articolo è apparso su The Epoch Times e ve lo propongo nella mia traduzione. 

Queste 4 immagini illustrano la varietà di fenomeni e oggetti insoliti trovati nel sangue di soggetti vaccinati con Comirnaty BioNTech/Pfizer (Per gentile concessione di Helen Krenn)

Un gruppo di scienziati tedeschi indipendenti ha trovato componenti tossici, per lo più metallici, in tutti i campioni di vaccino COVID analizzati, “senza eccezioni”, utilizzando moderne tecniche di misurazione medica e fisica.

Il gruppo di lavoro per l’analisi del vaccino COVID afferma che alcuni degli elementi tossici trovati all’interno delle fiale dei vaccini AstraZeneca, Pfizer e Moderna non erano elencati negli elenchi degli ingredienti dei produttori.

Nei vaccini sono stati trovati i seguenti elementi metallici:

  • Metalli alcalini: cesio (Cs), potassio (K)
  • Metalli alcalino terrosi: calcio (Ca), bario (Ba)
  • metalli di transizione: cobalto (Co), ferro (Fe), cromo (Cr), titanio (Ti)
  • Metalli delle terre rare: cerio (Ce), gadolinio (Gd)
  • Gruppo minerario/metallo: alluminio (Al)
  • Gruppo di carbonio: silicio (Si) (in parte materiale di supporto/slitta)
  • Gruppo ossigeno: zolfo (S)

Queste sostanze, inoltre, “sono visibili al microscopio in campo oscuro come strutture distintive e complesse di dimensioni diverse, possono essere spiegate solo in parte come il risultato di processi di cristallizzazione o decomposizione, [e] non possono essere spiegate come contaminazione dal processo di produzione”, hanno scoperto i ricercatori.

I ricercatori hanno dichiarato che i risultati sono preliminari.

I risultati “si basano sul lavoro di altri ricercatori della comunità internazionale che hanno descritto risultati simili, come il dottor Young, il dottor Nagase, il dottor Botha, il dottor Flemming, il dottor Robert Wakeling e il dottor Noak”, ha dichiarato al The Epoch Times il dottor Janci Lindsay, tossicologo non coinvolto nello studio.

“Il numero e la consistenza delle dichiarazioni di contaminazione, insieme all’inquietante silenzio degli enti normativi e di sicurezza mondiali, sono preoccupanti e lasciano perplessi in termini di ‘trasparenza’ e di continue affermazioni da parte di questi enti che i vaccini genetici sono ‘sicuri’”, ha aggiunto Lindsay.

Confronto tra cristalli nel sangue e nel vaccino; a sinistra, si trovano formazioni cristalline nel sangue di soggetti vaccinati con Comirnaty (BioNTech/Pfizer), le immagini a destra mostrano che questi tipi di cristalli si trovano anche nel vaccino Comirnaty. (Per gentile concessione di Helen Krenn)
Helena Krenn, fondatrice del gruppo, ha presentato i risultati alle autorità governative tedesche per una revisione.

“Lo abbiamo sottoposto ai partecipanti del governo e a ulteriori indirizzi di giornali con la piattaforma open-debate.eu, solo in Germania, Austria e Svizzera”, ha detto Krenn a The Epoch Times.

Altri due risultati importanti sono stati che i campioni di sangue dei vaccinati hanno avuto “cambiamenti marcati” e che sono stati osservati più effetti collaterali in proporzione alla “stabilità dell’involucro delle nanoparticelle lipidiche”.

Una nanoparticella lipidica è una particella estremamente piccola, una membrana liposolubile che è il veicolo dell’RNA messaggero (mRNA).

Metodologia

“Utilizzando un piccolo campione di analisi del sangue vivo di individui vaccinati e non vaccinati, abbiamo determinato che l’intelligenza artificiale (AI) può distinguere con un’affidabilità del 100% tra il sangue dei vaccinati e quello dei non vaccinati. Ciò indica che i vaccini COVID-19 possono modificare a lungo termine la composizione del sangue della persona vaccinata senza che questa ne sia consapevole”, si legge nello studio.

I risultati dei cambiamenti fisiologici acuti e cronici nel sangue delle persone inoculate con i vaccini, rilevati in modo coerente attraverso il software di intelligenza artificiale, “riecheggiano anche i risultati di molti altri ricercatori e supportano le affermazioni di contaminazione e/o adulterazione”, ha detto Lindsay.

“Abbiamo stabilito che i vaccini COVID-19 contengono costantemente, oltre ai contaminanti, sostanze di cui non siamo in grado di determinare lo scopo”, si legge nello studio.

Il gruppo è composto da 60 membri, tra cui medici, fisici, chimici, microbiologi e operatori sanitari alternativi, affiancati da avvocati e psicologi.

Oggetti anomali nel vaccino vettore Janssen di Johnson & Johnson. Si noti che oggetti di questo tipo non sono stati trovati in tutti i campioni. (Per gentile concessione di Helen Krenn)

Gli scienziati affermano che i loro risultati sono stati confermati da tecniche di misurazione incrociate: “Microscopia elettronica a scansione (SEM), spettroscopia a raggi X a dispersione di energia (EDX), spettroscopia di massa (MS), analisi al plasma ad accoppiamento induttivo (ICP), microscopia in campo chiaro (BFM), microscopia in campo scuro (DFM) e diagnostica delle immagini del sangue vivo, oltre all’analisi delle immagini mediante l’intelligenza artificiale”.

Gli analisti spiegano di aver collaborato con altri gruppi di diversi Paesi che hanno condotto indagini simili e hanno ottenuto risultati coerenti con i loro.

“I risultati della nostra analisi dei vaccini possono, di conseguenza, essere considerati come una convalida incrociata”, si legge nel rapporto riassuntivo delle loro scoperte.

“Va naturalmente riconosciuto che il lavoro [del gruppo di lavoro tedesco] è descritto come “risultati preliminari”, non ancora pubblicati in una rivista peer-reviewed e che la catena di custodia e l’identità di molti di questi scienziati sono sconosciute. Tuttavia, in questo clima pesantemente carico e censurato quando si tratta di contestare la “sicurezza e l’efficacia” dei vaccini genetici, io stesso posso testimoniare le difficoltà nel condurre la ricerca di base, e ancor meno nel pubblicare quella stessa ricerca su una rivista peer-reviewed, al fine di affrontare queste domande e diffondere i risultati”, ha detto Lindsay.

Astra Zeneca, Moderna, Pfizer e J&J non hanno risposto a una richiesta di commento.

Il vaccino Comirnaty di BioNTech/Pfizer presenta una diversità e un gran numero di oggetti insoliti. Il gran numero di piastrine e forme cristalline difficilmente può essere interpretato come impurità. Esse appaiono regolarmente e in gran numero in tutti i campioni. (Per gentile concessione di Helen Krenn)
--------------------------
Iscriviti al nostro canale Telegram
al nostro account Twitter
o visita la nostra pagina Facebook

--------------------------

Sharing - Condividi