La CNN ha diffamato Darya Dugina per screditarla: “Era agente della disinformazione”

di Andrew Korybko – 27/08/2022 (traduzione automatica, rielaborazione testo: ambienteweb.org)

CNN Defamed Darya Dugina As A “Disinformation” Agent To Discredit Her Multipolar Legacy (substack.com)

‎L’assassinio della ‎‎giornalista‎‎ ‎‎Darya‎‎ ‎‎Dugina‎‎ da parte di un terrorista ucraino alla fine di agosto ha dimostrato che la campagna di guerra dell’informazione degli Stati Uniti contro la Russia ha conseguenze pericolose per i suoi obiettivi innocenti. Quell’egemone unipolare in declino e i suoi vassalli occidentali (che in questo contesto include anche il regime fantoccio fascista di Kiev) sono dedicati a distruggere letteralmente la vita di coloro che parlano contro di loro, prima attraverso notizie false e poi attraverso uccisioni mirate che sono successivamente giustificate su quella falsa base esattamente come l’ambasciatore di Kiev in Vaticano ‎‎ha recentemente cercato di giustificare‎‎. Di Darya. Un odio speciale è riservato alle persone che condividono diversi paradigmi per interpretare la ‎‎transizione sistemica globale in corso‎‎ poiché sono coloro che hanno le maggiori possibilità di svegliare le masse occidentali.‎

‎Darya è stata tra coloro che hanno diffuso con passione la sua visione del mondo multipolare a chiunque avesse interesse ad ascoltare. Era una stella politica nascente della sua patria nel momento in cui la sua vita fu bruscamente interrotta da quel vile attacco terroristico, ma la sua uccisione servì solo ad aumentare la consapevolezza globale delle cause che le erano così care e possono quindi essere descritte come estremamente controproducenti con il senno di poi. Lungi dall’essere dimenticata, Darya passerà alla storia come un’eroina russa, soprattutto dopo che il presidente Putin le ha conferito postumo ‎‎ l’Ordine del Coraggio. È proprio a causa della sua canonizzazione de facto come uno dei ‎‎ santi secolari ‎‎emergenti dell’Ordine Mondiale Multipolare‎‎ ‎‎che la CNN ha deciso di diffamarla come agente di “disinformazione” al fine di screditare la sua eredità indiscutibilmente influente.‎

‎Rob Picheta‎‎, che si descrive come giornalista della CNN Digital di Londra, ha pubblicato un odioso massetto sulla prima pagina del loro sito su come “la morte di‎‎ ‎‎Darya Dugina fornisce uno sguardo sulla vasta macchina della disinformazione della Russia – e sulle donne influenti che la fronteggiano‎‎”. Lo scopo dietro il suo pezzo era quello di fuorviare il suo pubblico occidentale mirato a pensare che lei non fosse altro che una propagandista il cui unico ruolo nella vita era quello di creare “disinformazione” facilmente screditata. A tal fine, ha citato un membro ucraino del Consiglio Atlantico – che è ‎‎finanziato dai governi occidentali‎‎ ed è stato quindi ‎‎designato‎‎ dalla Russia come agente straniero – così come l’altrettanto “esperto” russo finanziato dal governo degli Stati Uniti Kamil Galeev, che è famigerato per aver condiviso un ‎‎filo traditore e pro-terrorismo‎‎ su Twitter.‎

‎I semplici punti che vengono spinti nel suo pezzo sono che Darya era presumibilmente uno dei crescenti agenti di disinformazione del suo paese, si era presumibilmente intromessa nelle elezioni francesi e che altre donne come lei non sono altro che burattini. È molto pesantemente implicito leggendo tra le righe che il suo assassinio non è stato poi così male dal momento che Picheta l’ha travisata come un bersaglio legittimo a causa del suo ruolo attivo nell’articolare una particolare versione del multipolarismo, che ha diffamato come “imperialista”. In altre parole, ha misoginamente rimosso ogni agenzia da Darya e dalle altre donne russe con cui non è d’accordo per arrivare in modo indipendente alle proprie opinioni politiche, le ha oggettivate come parte di una cospirazione globale proveniente dal Cremlino, e quindi ha implicato che va bene se vengono uccise. ‎

‎”‎‎Ciò che è disonestamente diffamato come ‘propaganda russa’ è solo la visione del mondo multipolare‎‎”, tuttavia, anche se quelli come Picheta che sono impegnati a invertire la declinante egemonia unipolare degli Stati Uniti non possono tollerare che sia possibile per le persone avere semplicemente un’opinione contraria. Ciò è interamente dovuto alla loro fede nella visione suprematista screditata della civiltà occidentale come “eccezionale”, che implica anche che i suoi modelli si diffonderanno “inevitabilmente” in tutto il mondo poiché sono presumibilmente i migliori e più efficaci che potrebbero mai essere concepiti dall’umanità. Quelli come Darya e la stragrande maggioranza dell’umanità in tutto il Sud del mondo che non sono d’accordo con questa odiosa insinuazione che i caucasici sono superiori sotto tutti gli aspetti sono bollati come “teorici della cospirazione” e “nemici”.‎

‎Questa osservazione conferma che Darya e i miliardi di altri come lei in realtà svolgono ruoli polari opposti a quelli che sono stati maliziosamente attribuiti a loro. Lei e la stragrande maggioranza dell’umanità non sono “teorici della cospirazione” che Picheta ha implicato essere obiettivi legittimi di attacchi terroristici sulla presunta base che le loro opinioni contrarian sono “pericolose” e “imperialiste”. In realtà, sono lui e i suoi colleghi che partecipano all’ecosistema di disinformazione oggettivamente esistente dei media mainstream occidentali (MSM) guidati dagli Stati Uniti che sono i teorici della cospirazione in buona fede il cui lavoro è veramente pericoloso e imperialista poiché mira a mettere un bersaglio sulla schiena di ciascuno dei loro avversari politici. Detto questo, né Picheta né i suoi colleghi meritano di morire come lui ha così disgustosamente sottinteso su Darya e la sua.‎

‎Il fatto stesso che la CNN abbia pubblicato il pezzo odioso e misogino di Picheta, per non parlare della prima pagina del suo sito web, mostra quanto sia diventato disperato il MSM per screditare Darya e la sua eredità multipolare. L’assassinio da parte di Kiev di questa visionaria russa in ascesa l’ha trasformata in un’eterna martire dell’ordine mondiale emergente che sta sistematicamente smantellando l’egemonia unipolare in declino degli Stati Uniti. Più persone in tutto il mondo sono consapevoli del suo lavoro perspicace che mai, compresi gli occidentali le cui menti saranno liberate dalla propaganda del MSM dopo aver letto di più sulle opinioni di questo famoso giornalista russo. È proprio questo risultato che spaventa di più gli Stati Uniti, ma tutti gli sforzi per diffamare Darya come l’ultimo di alto profilo della CNN non faranno che consolidare ulteriormente la sua eredità multipolare.‎

--------------------------
Iscriviti al nostro canale Telegram
al nostro account Twitter
o visita la nostra pagina Facebook

--------------------------

Sharing - Condividi