I polacchi si mettono in fila per giorni per comprare carbone prima dell’inverno

di Tyler Durden – 29 ago 2022

“This Is Beyond Imagination”: i proprietari di case polacchi si mettono in fila per giorni per comprare carbone prima dell’inverno | ZeroHedge

Diverse settimane fa abbiamo riferito che tra i prezzi strabilianti del gas e dell’elettricità in Europa, Deutsche Bank ha previsto che un numero crescente di famiglie tedesche utilizzerà la legna da ardere per il riscaldamento, una previsione che sembra essere diventata auto-soddisfacente quando le ricerche tedesche su Google per legna da ardere (“brennholz”) erano esplose dai grafici:

Il grafico rappresenta l’esplosione della richiesta di legna da ardere

Ma mentre i tedeschi stanno ancora “cercando” solo nel regno virtuale, per innumerevoli polacchi la ricerca è fin troppo reale.

Artur, 57 anni, pensionato, è salito da Swidnik, a circa 30 km (18 miglia) dalla miniera nella Polonia orientale, sperando di acquistare diverse tonnellate di carbone per se stesso e la sua famiglia.

“I bagni sono stati montati oggi, ma non c’è acqua corrente”, ha detto, dopo tre notti di sonno nella sua piccola berlina rossa in una fila strisciante di camion, trattori che trainano rimorchi e auto private. “Questo è oltre ogni immaginazione, le persone dormono nelle loro auto. Ricordo i tempi del comunismo, ma non mi è passato per la mente che potessimo tornare a qualcosa di ancora peggiore”.

La famiglia di Artur è uno dei quasi 4 milioni in Polonia che dipendono dal carbone per il riscaldamento (certo, queste famiglie sono probabilmente in condizioni migliori di quelle che si affidano al gas naturale il cui prezzo aumenta del 10-20% ogni giorno ed è ora quasi letteralmente nella stratosfera) e ora affrontano carenze e aumenti dei prezzi, dopo che la Polonia e l’Unione Europea hanno imposto un embargo sul carbone russo in seguito all’invasione dell’Ucraina da parte di Mosca a febbraio. La Polonia ha vietato gli acquisti con effetto immediato ad aprile, mentre il blocco ha imposto di farli svanire entro agosto.

Mentre la Polonia produce oltre 50 milioni di tonnellate dalle proprie miniere ogni anno, il carbone importato, in gran parte dalla Russia, è un alimento base per la casa a causa dei prezzi competitivi e del fatto che il carbone russo viene venduto in grumi più adatti all’uso domestico.

L’impennata della domanda ha costretto Bogdanka e altre miniere controllate dallo stato a razionare le vendite o offrire il carburante ai singoli acquirenti tramite piattaforme online, in quantità limitate. Artur, che non ha voluto dare il suo nome completo, ha detto di aver raccolto documenti dalla sua famiglia allargata nella speranza di raccogliere tutte le loro allocazioni di carburante contemporaneamente.

La miniera prevedeva di vendere carburante per circa 250 famiglie venerdì e avrebbe continuato le vendite durante il fine settimana per ridurre i tempi di attesa, ha detto a Reuters Dorota Choma, portavoce della miniera di Bogdanka. I limiti sono in atto per prevenire l’accaparramento e la speculazione sul mercato nero, o anche la vendita di posti in coda, ha detto Choma.

Come tutte le miniere di carbone polacche, Bogdanka vende tipicamente la maggior parte del carbone che produce alle centrali elettriche. L’anno scorso, ha venduto meno dell’1% della sua produzione a singoli clienti, quindi manca la logistica per vendere carburante direttamente agli acquirenti al dettaglio.

Lukasz Horbacz, capo della Camera di commercio mercantile polacca del carbone, ha detto che il calo delle importazioni russe è iniziato a gennaio, quando Mosca ha iniziato a utilizzare i binari ferroviari per il trasporto militare.

“Ma la ragione principale delle carenze è l’embargo che è entrato in vigore immediatamente. Ha capovolto il mercato”, ha detto a Reuters. Un portavoce dei Weglokoks, un commerciante di carbone di proprietà statale incaricato dal governo di aumentare le importazioni da altri paesi, ha rifiutato di commentare, mentre il ministero del clima non era disponibile per un commento. I funzionari governativi hanno ripetutamente affermato che la Polonia avrebbe avuto abbastanza carburante per soddisfare la domanda.

Negli ultimi anni, la Polonia è stata la critica più esplicita della politica climatica dell’UE definita da un petulante adolescente scandinavo e un convinto difensore del carbone che genera fino all’80% della sua elettricità. Ma la produzione di carbone è costantemente diminuita con l’aumentare del costo dell’estrazione a livelli più profondi. Il consumo di carbone si è mantenuto per lo più stabile, provocando un graduale aumento delle importazioni. Nel 2021, la Polonia ha importato 12 milioni di tonnellate di carbone, di cui 8 milioni di tonnellate provenienti dalla Russia e utilizzate da famiglie e piccole centrali termiche.

A luglio, la Polonia ha ordinato a due società controllate dallo stato di importare diversi milioni di tonnellate di carburante da altre fonti, tra cui Indonesia, Colombia e Africa, e ha introdotto sussidi per i proprietari di case che affrontano un raddoppio o triplicazione dei prezzi del carbone rispetto allo scorso inverno.

“Fino al 60% di coloro che usano il carbone per il riscaldamento possono essere colpiti dalla povertà energetica”, ha detto Horbacz.

Tornato a Bogdanka, Piotr Maciejewski, 61 anni, un agricoltore locale che si è unito alla coda martedì, ha detto di essere pronto per una lunga attesa. “Il mio trattore rimane in fila, vado a casa per dormire un po’”, ha detto.

--------------------------
Iscriviti al nostro canale Telegram
al nostro account Twitter
o visita la nostra pagina Facebook

--------------------------

Sharing - Condividi