Macron ha insultato l’intelligenza degli africani sostenendo che i poteri multipolari li manipolano

Andrew Korybko – 29/08/2022 (traduzione automatica e rielaborazione testo: ambienteweb.org)

Macron Insulted Africans’ Intelligence By Claiming That Multipolar Powers Manipulate Them (substack.com)

 

‎La spudorata supremazia etno-nazionalista associata alla sua odiosa dichiarazione porterà gli africani a raddoppiare il loro attivismo antimperialista e panafricanista, poiché nessuna persona che si rispetti capitolerebbe mai di fronte a una pressione così palesemente razzista e quindi si sottometterebbe volontariamente ad essere dominata dal suo aggressore.‎

‎Il presidente francese Macron ‎‎ha affermato‎‎ durante il suo ultimo viaggio in Algeria che “Molte delle reti (di informazione) che sono segretamente spinte (in Africa) – … dalla Turchia… dalla Russia… dalla Cina – avere un nemico: la Francia.” Questo è stato un insulto supremo all’intelligenza di tutti gli africani poiché ha lasciato intendere essi che sono presumibilmente così stupidi da essere facilmente manipolati da poteri multipolari. Invece di riconoscere le ragioni genuinamente popolari e politicamente legittime per cui molti africani si stanno attivamente ribellando contro l’influenza francese nella sua autoproclamata “‎‎sfera di influenza‎‎” nella cosiddetta “Françafrique” come il ministero degli Esteri di Turkiye ‎‎ gli ha suggerito di fare, Macron ha scelto di pronunciare ancora una volta calunnie infondate simili nello spirito a quelle ‎‎maliziose‎‎ che in precedenza ha fatto contro il ‎‎Mali‎‎. ‎

‎La realtà è che la ‎‎transizione sistemica globale verso il multipolarismo‎‎ che ha accelerato senza precedenti dall’ultima ‎‎ fase provocata ‎‎ dagli ‎‎Stati Uniti‎‎ del ‎‎conflitto‎‎ ‎‎ucraino‎‎ ‎‎ è servita a ispirare l’intero ‎‎Sud globale guidato dai BRICS a respingere il Golden Billion dell’Occidente guidato dagli Stati Uniti ‎‎ in questo momento cruciale della ‎‎Nuova Guerra Fredda.‎‎ tra questi due modelli polari opposti di sviluppo socio-economico e politico. Inoltre, molti africani si sono sentiti incoraggiati a intensificare ulteriormente i loro sforzi dopo che il presidente Putin ha svelato il suo ‎‎manifesto rivoluzionario globale‎‎ alla fine di luglio, seguito poco dopo dal ministro degli Esteri Lavrov che ha promesso che la Russia aiuterà l’Africa a ‎‎completare pienamente i suoi processi di decolonizzazione‎‎ prima del suo viaggio di ‎‎successo‎‎ nel continente. ‎

‎”‎‎Il ruolo dell’Africa nella nuova guerra fredda‎‎” è destinato ad essere quello di un grande campo di battaglia tra il Golden Billion e il Sud del mondo proprio perché il suo popolo non vuole essere più soggiogato e spietatamente sfruttato dal primo per mezzo millennio. La Francia, che è tra i più potenti egemoni del Golden Billion in Africa e supera persino l’influenza degli Stati Uniti in alcune parti del continente, non nasconde nemmeno più le sue intenzioni neo-coloniali dopo che Macron ha gettato la maschera e ha iniziato a insultare l’intelligenza degli africani nel modo estremamente razzista che ha appena fatto. La cosiddetta “battaglia per i cuori e le menti” è già stata vinta dalle grandi potenze multipolari del Sud del mondo come la Russia e la Cina, che stanno contribuendo a liberare tutti i paesi africani senza vincoli.‎

‎Non oserebbero mai mancare di rispetto ai loro partner, figuriamoci nel modo rozzo che Macron ha appena fatto, soprattutto perché loro stessi sono stati vittime di simili forme di abuso verbale. Gli africani sono ben consapevoli non solo delle orgogliose storie anticoloniali di questi due e altri, ma anche di quanto sinceramente rispettino tutti gli altri in contrasto con il comportamento esemplificato da leader occidentali come quello francese e i suoi simili. L’insulto razzista di Macron all’intelligenza di tutti gli africani non è solo maleducato, ma suggerisce anche che il Golden Billion è fatto “giocando bene” dopo aver abbandonato tutte le pretese della loro finta “cortesia” che hanno tentato in modo poco convincente di praticare in passato. Come i “leader di pensiero” occidentali non si stancano mai di ricordare a tutti, “il potere rende giusto” ai loro occhi, quindi perché ora stanno seminando il caos in tutta l’Africa.‎

‎Anche questa non è una speculazione, ma un fatto documentato dopo‎‎ che il Mali ‎‎ha recentemente accusato‎‎ la ‎‎ Francia di sostenere quei terroristi collegati ad Al Qaeda che ‎‎hanno dichiarato guerra‎‎ al suo partner russo alla fine di giugno. Poi la ‎‎guerra ibrida del terrore guidata‎‎ da Stati Uniti ed ‎‎Egitto‎‎ ‎‎ma ‎‎guidata dal‎‎ ‎‎ TPLF sull’Etiopia‎‎ riprese poco dopo dall’altra parte del continente. In effetti, quel conflitto di seconda menzione che è diventato caldo nel novembre 2020 dopo anni di pianificazione multilaterale può essere visto con il senno di poi come il nuovo modello che l’Occidente e i suoi vassalli regionali come l’Egitto stanno impiegando da quando è stato ordito come punizione per la neutralità di principio dell’Etiopia ‎‎nella Nuova Guerra Fredda tra il Golden Billion dell’Occidente guidato dagli Stati Uniti e il Sud globale guidato dai BRICS. Ne consegue quindi che anche stati multipolari simili come il Mali e altri saranno puniti.‎

‎Macron ha commesso un grave errore lasciandosi gettando la maschera dopo aver espresso le sue insinuazioni razziste sugli africani considerati, presumibilmente, privi dell’intelligenza per non essere manipolati da potenze straniere. La spudorata supremazia etno-nazionalista associata alla sua odiosa osservazione porterà gli africani a raddoppiare il loro attivismo antimperialista e panafricanista, poiché nessuna persona che si rispetti capitolerebbe mai di fronte a una pressione così palesemente razzista e quindi si sottometterebbe volontariamente ad essere dominata dal suo aggressore. L’odio razzista del leader francese contro gli africani servirà solo ad accelerare il declino dell’egemonia dell’Occidente guidato dagli Stati Uniti su quel continente.‎

--------------------------
Iscriviti al nostro canale Telegram
al nostro account Twitter
o visita la nostra pagina Facebook

--------------------------

Sharing - Condividi