Il ministro degli Esteri tedesco ha screditato l’intero concetto di democrazia occidentale

Andrew Korybko – 02/09/2022 (traduzione automatica)

The German Foreign Minister Discredited The Entire Concept Of Western Democracy (substack.com)
‎Le osservazioni di Annalena Baerbock saranno con ogni probabilità viste come un punto di svolta con il senno di poi, durante il quale la maschera “democratica” è scivolata in modo infame per rivelare il volto dittatoriale dell’élite tedesca.‎

‎Il concetto di democrazia occidentale è ampiamente inteso nel senso che i rappresentanti eletti della società dovrebbero sempre lavorare nell’interesse del loro popolo ed essere responsabili nei loro confronti, motivo per cui l’ultima dichiarazione politica del ministro degli Esteri tedesco è stata così scioccante da testimoniare. Annalena Baerbock ‎‎ha ironicamente fatto il seguente voto antidemocratico‎‎ mercoledì durante una conferenza su “Il pericolo chiaro e presente della democrazia: come rispondiamo?”:‎

‎”Se faccio la promessa alla gente in Ucraina – ‘Siamo con voi, finché avete bisogno di noi’ – allora voglio mantenerla. Non importa cosa pensano i miei elettori tedeschi, ma voglio consegnare al popolo ucraino.‎

‎…‎

‎Ci troviamo di fronte all’inverno, quando saremo sfidati come politici democratici. La gente andrà in strada e dirà: “Non possiamo pagare i prezzi dell’energia”. E io dirò: “Sì, lo so, quindi ti aiutiamo con le misure sociali”.‎

‎Ma non voglio dire ‘Ok allora fermiamo le sanzioni contro la Russia’. Staremo con l’Ucraina, e questo significa che le sanzioni rimarranno anche in inverno, anche se diventa davvero difficile per i politici”.‎

‎Nell’arco di poche frasi, il massimo diplomatico del leader de facto dell’UE ha appena screditato l’intero concetto di democrazia occidentale. Lungi dal lavorare per gli interessi di quelle persone che hanno eletto il suo governo, promette apertamente di lavorare contro di loro anche se scendono in piazza per protestare in massa contro la sua ‎‎ controproducente politica di sanzioni alla Russia, che ha portato a infliggere enormi difficoltà ai tedeschi medi.‎

‎Più di sei mesi fa, prima dell’ultima ‎‎ fase del ‎‎conflitto‎‎ ‎‎ucraino‎‎ ‎‎provocata dagli Stati Uniti‎‎, i funzionari occidentali e gli influenti opinionisti della loro società (principalmente nei media mainstream influenzati dal governo) avrebbero diffamato qualsiasi speculazione su questo scenario come una cosiddetta “teoria della cospirazione” per la loro ‎‎campagna di guerra dell’informazione dannosa contro le menti del loro stesso popolo.‎‎ . Ed ecco, ora che Baerbock ha appena screditato la democrazia occidentale, queste stesse persone non hanno nulla da dire.‎

‎Semmai, gli osservatori possono aspettarsi che quegli opinionisti si radunino presto in sua difesa, sostenendo che ogni tedesco deve soffrire per presumibilmente “proteggere la democrazia” in Ucraina. “I fini giustificano i mezzi”, come insegna la mentalità machiavellica, quindi ne consegue che l’essenza della democrazia occidentale deve apparentemente essere sospesa indefinitamente fino a quando la cosiddetta “decolonizzazione della Russia” non sarà completamente completata come i leader occidentali stanno ora suggerendo è il loro grande obiettivo strategico in questa ‎‎guerra per procura‎‎.‎

‎Dal momento che non è ‎‎altro che una fantasia politica‎‎, ciò significa che lo status quo ante bellum relativamente molto più “democratico” ovviamente non tornerà mai più, né è nemmeno destinato in primo luogo. La consapevolezza strisciante di questo fatto politico provocherà prevedibilmente proteste diffuse in tutto l’Occidente, rese ancora più selvagge dalla disperazione della gente mentre lottano seriamente per pagare le loro spese di vita di base per la prima volta dalla seconda guerra mondiale.‎

‎È in questo contesto che è molto più facile capire esattamente ciò che Baerbock ha cercato di ottenere attraverso la sua dichiarazione provocatoria che ha completamente screditato la democrazia occidentale. Sta cercando di indurre il pubblico a credere che la loro sofferenza economica esistente e futura sia per una cosiddetta “causa più grande” di loro, una che era apparentemente “inevitabile” per il loro governo da sostenere nonostante gli immensi costi. Questa falsa narrazione è ingenuamente intesa a indebolire il movimento di protesta.‎

‎La realtà, tuttavia, è che la “democrazia” è stata smantellata in Ucraina nientemeno che da Zelensky stesso con il pieno sostegno occidentale dopo aver bandito i partiti di opposizione, incarcerato alcuni dei loro membri e chiuso i media critici. Inoltre, non c’era nulla di “inevitabile” nel fatto che la Germania capitolasse alle richieste di sanzioni degli Stati Uniti e quindi commettesse un suicidio economico nel senso di impoverire volontariamente il proprio popolo e quindi ostacolare per sempre la competitività dell’UE nei confronti degli Stati Uniti.‎

‎Indipendentemente dalla drammatica promessa di Baerbock all’Ucraina, gli ultimi dati del Kiel Institute for the World Economy’s Ukraine Support Tracker che sono stati riportati da Politico alla fine di agosto dimostrano che la Germania e gli altri cinque maggiori paesi dell’UE non hanno preso ‎‎nuovi impegni militari‎‎ a Kiev a luglio. Abbastanza chiaramente, il ministro degli Esteri del leader de faco del blocco sta parlando con una lingua biforcuta per ragioni che solo lei può spiegare, ma che congetture istruite possono aiutare a rispondere.‎

‎Da un lato, lei e i suoi simili sono seriamente intenzionati a smantellare la democrazia occidentale esattamente come Zelensky ha smantellato la sua fatiscente ex Repubblica sovietica, ma dall’altro, capisce anche acutamente che la Germania non può sostenere indefinitamente il suo aiuto militare a Kiev. Qui sta il dilemma tra parole, azioni e intenzioni – reso ancora più complicato dalla loro confluenza in questo caso – che rende difficile prevedere esattamente cosa farà la Germania dopo.‎

‎Tuttavia, i parametri delle sue opzioni di elaborazione delle politiche sono già evidenti. La sua élite non vuole tornare allo status quo ante bellum relativamente più “democratico”, ma non può nemmeno procedere a tutta velocità con l’imposizione di una dittatura iper-liberale poiché si aspettano già che ci siano disordini di massa quest’inverno una volta che l’imminente crisi energetica raggiungerà il culmine. Ciò suggerisce una cosiddetta politica di “via di mezzo” in base alla quale la prossima dittatura sarà imposta gradualmente e non radicalmente.‎

‎Per quanto riguarda la dimensione militare, anche la Germania non può tornare indietro sui suoi impegni precedenti, ma non può nemmeno tenere il passo di ciò che è stato precedentemente inviato, per non parlare di competere con gli Stati Uniti in questo senso. Per questo motivo, ci si aspetta che il leader de facto dell’UE continuerà a vomitare retorica poco convincente su “stare con l’Ucraina indipendentemente dal costo” mentre ridimensiona silenziosamente alcune delle sue forniture di armi a Kiev dietro le quinte.‎

‎La politica di sanzioni anti-russe della Germania rimarrà probabilmente molto severa dal momento che è applicata dal suo patrono americano, che non lascerà mai che Berlino la abbandoni senza il permesso di Washington, che non dovrebbe mai essere concesso. Questo a sua volta suggerisce che la base strutturale dell’instabilità di quel paese non sarà affrontata, il che significa che si possono prevedere più proteste, all’interno delle quali elementi provocatori (collegati allo stato o meno) potrebbero creare il pretesto per accelerare le tendenze dittatoriali.‎

‎Mentre la Germania lotta per bilanciare le sue azioni e intenzioni rispetto a queste tre politiche relative al futuro del suo sistema politico, alla vendita di armi a Kiev e alle sanzioni anti-russe, i suoi rappresentanti probabilmente si atterranno al copione ufficiale, indipendentemente dalle vere discussioni politiche. In quanto tale, la gente media dovrà speculare su ciò che potrebbe realmente accadere dietro le quinte poiché nulla sarà chiaro, il che di per sé è un altro esempio di Germania che scredita la democrazia occidentale.‎

‎Tutto sommato, le osservazioni di Baerbock saranno con ogni probabilità viste come un punto di svolta con il senno di poi, durante il quale la maschera “democratica” è scivolata in modo infame per rivelare il volto dittatoriale dell’élite tedesca. “‎‎Il complotto secolare della Germania per conquistare il controllo dell’Europa è quasi completo‎‎” nelle sfere economica, militare e politica, per cui la sua élite sembra aver deciso che è tempo di imporre gradualmente una dittatura in patria per presumibilmente gettare le basi per la loro dittatura sul resto dell’UE.‎

--------------------------
Iscriviti al nostro canale Telegram
al nostro account Twitter
o visita la nostra pagina Facebook

--------------------------

Sharing - Condividi