Nel discorso in tv Biden si è mostrato come il leader americano più pericoloso e divisivo della storia

Andrew Korybko – 02/09/2022 (traduzione automatica)

Biden Spit On The Soul Of The American Nation By Pitting His People Against One Another (substack.com)

‎Diffamare maliziosamente circa la metà del paese come minacce esistenziali inclini al terrorismo per “l’anima della nazione” non è altro che il più rozzo mezzo machiavellico per dividere e governare la popolazione.‎

‎Il divisore in capo senza precedenti‎

‎Il discorso televisivo nazionale del presidente degli Stati Uniti Joe Biden di giovedì che il ‎‎sito ufficiale della Casa Bianca‎‎ ha titolato come “la continua battaglia per l’anima della nazione” ha visto l’incumbent diventare il leader americano più pericoloso e divisivo della storia. Lungi dal cercare di purificare e proteggere quella stessa anima, ha spudoratamente sputato su di essa mettendo il suo popolo l’uno contro l’altro come parte di un ovvio complotto divide et impera in vista delle elezioni di medio termine testa a testa che mancano solo due mesi.‎

‎Sfatare la falsa credenza di Biden nell’uguaglianza e nella democrazia‎

‎La prima parte che spicca è Biden che sottolinea come il luogo del suo discorso, l’Independence Hall di Filadelfia dove è stata fatta la Dichiarazione di Indipendenza e la Costituzione firmata, rafforza i concetti reciprocamente complementari di uguaglianza e democrazia connessi con questi due documenti. Non crede veramente in nessuno di questi, anche se come dimostrato dall’addetto stampa della Casa Bianca Karine Jean-Pierre ‎‎che condanna tutte le opinioni minoritarie come “estremiste”‎‎ all’inizio dello stesso giorno. ‎

‎Tuttavia, ha finto di essere un vero credente in loro al fine di fabbricare artificialmente le basi su cui confrontarsi con l’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump. Biden ha affermato che il suo predecessore e coloro che ancora sostengono il suo ‎‎movimento Make America Great Again (MAGA)‎‎ presumibilmente “rappresentano un estremismo che minaccia le fondamenta stesse della nostra repubblica”. Inquadrarli falsamente come minacce esistenziali così vicine alle midterm è ovviamente finalizzato a manipolare le percezioni degli elettori.‎

‎Applicare le “Regole per i Radicali” contro il Movimento MAGA‎

‎Questa rozza tattica sarebbe condannata dal governo americano se fosse impiegata da qualsiasi leader del Sud del mondo, indipendentemente dal fatto che sia infondata come nel caso di Biden o genuinamente supportata dai fatti. Biden ha poi canalizzato le famigerate “‎‎Regole per i radicali‎‎” di Saul Alinksy‎‎, in particolare la tredicesima regola di “Scegli il bersaglio, congelalo, personalizzalo e polarizzalo”, quando afferma che “il Partito Repubblicano oggi è dominato, guidato e intimidito da Donald Trump e dai repubblicani MAGA”.‎

‎Aggiungendo che “questa è una minaccia per questo paese”, l’incumbent ha minacciosamente sottinteso che la piena autorità dello stato sarà abbattuta per sopportare coloro che sono anche semplicemente sospettati di essere remotamente collegati all’ex presidente o al suo movimento con falsi pretesti di sicurezza nazionale. Poi è tornato immediatamente all’illuminazione a gas ancora una volta, proprio come ha fatto in precedenza, sostenendo in modo poco convincente di sostenere la visione dei Padri Fondatori di uguaglianza e democrazia contrastando Democratici e MAGA su false basi.‎

‎Chi impiega davvero la violenza politica e le teorie della cospirazione elettorale?‎

‎Lo stesso uomo che rappresenta il partito che ha alimentato freneticamente le fiamme della ‎‎guerra ibrida del terrore‎‎ ‎‎guidata da‎‎ ‎‎ Antifa e BLM ‎‎ sull’America per tutta l’estate 2020, i cui innumerevoli antagonisti sono stati ‎‎manipolati per funzionare come “utili idioti”‎‎ della fazione anti-MAGA dello “‎‎stato profondo‎‎” degli Stati Uniti ” (burocrazie militari, di intelligence e diplomatiche permanenti), ha affermato controfattualmente che sono Trump e i suoi sostenitori che hanno diviso il paese attraverso l’uso della violenza per fini politici.‎

‎Biden ha anche insultato l’intelligenza degli americani dicendo che sono solo alcune persone MAGA che hanno mai rifiutato l’esito di un’elezione presidenziale quando la maggior parte dei democratici si è rifiutata di riconoscere la legittimità della vittoria di Trump nel 2016. Non solo, ma i loro burattinai anti-MAGA dello “stato profondo” hanno letteralmente inventato la teoria della cospirazione del Russiagate che hanno riciclato attraverso rappresentanti alleati del Congresso, forze dell’ordine, media e ONG per screditare l’intero dei suoi quattro anni in carica.‎

‎Il percorso dei democratici verso una dittatura post-moderna distopica‎

‎La “carneficina, oscurità e disperazione” che il presidente in carica ha affermato che la gente maga vede quando guardano l’America è stato in realtà il grido di battaglia dei democratici durante tutto il mandato di Trump e soprattutto in vista delle elezioni del 2020. Quando Biden ha detto che “diffondono paura e bugie – bugie raccontate per profitto e potere”, questo ha oggettivamente descritto i democratici come è stato spiegato in precedenza rispetto alla teoria della cospirazione del Russiagate e al loro falso allarmismo sul fatto che Trump sia un “dittatore peggiore di Hitler”.‎

‎Sul tema della dittatura, l’autore ha predetto poco dopo le contestate elezioni del 2020 che “‎‎l’America di Biden sarebbe un inferno distopico‎‎”, che continua a svolgersi progressivamente esattamente come previsto. “‎‎ ‎‎Ogni democratico è un aspirante dittatore‎‎”, quindi ne consegue naturalmente che l’ultimo prestanome del partito giocherebbe a questa fantasia descrivendo falsamente i suoi avversari politici come presunte “minacce” al fine di creare il pretesto “pubblicamente plausibile” per imporre una ‎‎dittatura post-moderna di tipo pakistano‎‎.‎

‎Il suo famigerato discorso ha manipolato perniciosamente ‎‎il concetto di pre-bunking‎‎ al fine di indurre gli americani a considerare falsamente circa la metà del paese come una minaccia esistenziale per “l’anima della nazione”. Dividendoli e governandoli in un modo così stereotipicamente machiavellico, Biden (o meglio quei membri dello “stato profondo” che sono dietro di lui e hanno scritto il suo discorso) sta deliberatamente cercando di radicalizzare la minoranza di persone MAGA a rischio per impegnarsi in una violenza politica altamente pubblicizzata.‎

‎La mentalità MAGA‎

‎Obiettivamente parlando, sono sempre stati sulla difensiva strategica anche prima dell’elezione di Trump poiché l’intera ‎‎ragione per cui hanno votato per lui in primo luogo era la‎‎ loro speranza che avrebbe invertito – o almeno rallentato – la tendenza guidata dai democratici di smantellare completamente tutto ciò che l’America rappresentava. Quando il 45 ° presidente è entrato in carica, si sono poi trovati ferocemente presi di mira dai loro avversari, che alla fine hanno intrapreso una follia nazionale di terrorismo urbano contro di loro nell’estate 2020.‎

‎Dopo ‎‎la scandalosa partenza‎‎ ‎‎del loro eroe ‎‎ dalla Casa Bianca e la sua sostituzione con il segnaposto democratico sostenuto dallo “stato profondo”, coloro che simpatizzano con MAGA o sono per lo meno percepiti come associati ad esso sono ora a rischio di essere attivamente oppressi dallo stato. Il discorso pieno di odio di Biden non farà che esacerbare queste paure, che potrebbero facilmente radicalizzare la minoranza assoluta di quelle persone con malattie mentali preesistenti e quindi spingerle alla violenza politica.‎

‎Lo scenario peggiore‎

‎Nessun americano sinceramente rispettoso della legge e patriottico danneggerebbe mai i propri compatrioti, non importa quanto feroci possano diventare le loro dispute politiche, eppure è impossibile difendersi perfettamente dai “lupi solitari”, compresi quelli che sono stati precedentemente sul radar della polizia segreta (FBI). Nel peggiore dei casi in cui uno o alcuni di loro finiscano per fare qualcosa di terribile, Dio non voglia, allora non c’è dubbio che l’incidente (che potrebbe anche manifestarsi come un attacco terroristico) sarebbe sfruttato dal partito al governo.‎

‎Gaslighting à Precondizionamento à Violenza politica à “Annullamento” sponsorizzato dallo Stato‎

‎I sostenitori di Biden ne approfitterebbero certamente per accelerare la discesa dell’America in una dittatura post-moderna distopica, ma affinché i loro piani godano della massima probabilità di successo, devono prima dividere e governare efficacemente la popolazione attraverso tattiche di illuminazione a gas esattamente come ha appena fatto l’incumbent. Il passo successivo è quello di precondizionarli ad aspettarsi violenza politica da parte che è stata erroneamente definita una minaccia esistenziale che è presumibilmente predisposta al terrorismo, che Biden ha appena raggiunto.‎

‎Nel peggiore dei casi, Dio non voglia, la cosiddetta “cancel culture” può quindi essere immediatamente armata al suo estremo politico più feroce attuando una repressione a livello nazionale contro tutti coloro che sono anche solo lontanamente sospettati di essere associati al MAGA. Questi piani subdoli non sono nulla che un sincero credente nella “continua battaglia per l’anima della nazione” tramerebbe, ma è per questo che nessuno dovrebbe innamorarsi delle false affermazioni di Biden, del suo sostenitore e dei loro “utili idioti” che sono patrioti.‎

‎Unità & Divisione‎

‎Dall’alto verso il basso e dal basso verso l’alto, i democratici sono uniti come mai prima d’ora quando si tratta di attuare questa repressione a livello nazionale, anche se il loro accordo reciproco in questo senso è finora solo tacito e non esplicito. Com’è, così anche si può dire che MAGA è unita senza precedenti nel prepararsi a questo scenario distopico di dittatura post-moderna, anche se sono solo i primi che hanno il potere di essere agenti “legittimi” di cambiamento a causa del loro monopolio sull’uso della violenza da parte dello stato.‎

‎Per essere assolutamente chiari in modo che non ci sia alcuna falsa percezione di ambiguità, ‎‎l’autore non sta in alcun modo implicando che MAGA dovrebbe impiegare illegittimamente la violenza ‎‎(cioè tutto ciò che non è il diritto legalmente sancito all’autodifesa) contro chiunque, sia i loro avversari politici che lo stato. Il movimento che si è coalizzato attorno a Trump, ma organicamente sorto molto prima della sua ascesa politica, deve assolutamente rimanere impegnato in mezzi pacifici e politici per riconquistare il potere attraverso il voto.‎

‎Dopo aver chiarito quel punto cruciale di principio che dovrebbe sempre essere in prima linea nella mente di ogni persona allineata al MAGA, la pratica politica a volte differisce dalla teoria politica, quindi non si può dare per scontato che almeno una di quelle persone che sono state oggettivamente sulla difensiva strategica per anni, come è stato spiegato in precedenza, non sarà innescata nel commettere violenza politica dal discorso di Biden. Comunque possa accadere, Dio non voglia, che lo scenario peggiore metterebbe in moto eventi drastici.‎

‎Riflettere sulle osservazioni odiose di Biden‎

‎Coloro che hanno il tempo di rileggere per intero le osservazioni odiose dell’incumbent saranno più in grado di discernere più chiaramente i secondi fini che sono fortemente impliciti nelle sue parole provocatorie. È stato incaricato di ripetere una retorica altisonante al fine di indurre le persone a non sospettare che i democratici si preparino per la sequenza di eventi che avrebbero seguito il suo deliberato tentativo di radicalizzare già la minoranza ultra-marginale di persone MAGA già psicologicamente disturbate.‎

‎Diffamare maliziosamente circa la metà del paese come minacce esistenziali inclini al terrorismo per “l’anima della nazione” non è altro che il più rozzo mezzo machiavellico per dividere e governare la popolazione. Per quanto oscuro possa apparire il futuro dopo la provocazione senza precedenti di Biden alla guerra dell’informazione contro il popolo americano, lo scenario peggiore non è inevitabile poiché nulla della traiettoria attualmente caotica della situazione è deterministico.‎

‎Ritirare l’America dall’orlo della guerra civile‎

‎Mentre probabilmente sembra davvero che una guerra civile non dichiarata possa presto essere combattuta tra i democratici sostenuti dallo “stato profondo” guidati per le strade da una coalizione di Antifa, BLM e forze dell’ordine ideologicamente allineate da un lato contro gli americani affiliati al MAGA dall’altro (o è già in corso secondo alcuni), questo scenario potrebbe anche essere evitato. Gli influencer responsabili di entrambe le parti dovrebbero immediatamente far sapere che sconfessano qualsiasi violenza.‎

‎Coloro che all’interno delle loro fila non sono d’accordo con i loro metodi pacifici di risoluzione delle controversie politiche devono essere rinnegati in modo che qualsiasi violenza canaglia che Potrebbero dio non proibire di commettere non sia credibilmente associata alla causa di entrambe le parti. I membri delle forze dell’ordine dovrebbero anche ricordare il loro dovere di sostenere imparzialmente la legge e non lasciarsi manipolare da nessuno per fini politici, mentre i legislatori non devono mai dimenticare il loro sacro obbligo di proteggere le persone di cui sono responsabili.‎

‎Il ruolo dei leader politici responsabili e dei membri delle forze dell’ordine‎

‎La guerra ibrida del terrore contro l’America avrebbe potuto essere facilmente stroncata sul nascere se i sindaci / governatori avessero ordinato alla polizia locale / alla Guardia Nazionale di farlo, ma hanno volutamente rifiutato come parte del loro complotto politico per influenzare le percezioni delle persone in vista delle elezioni del 2020 in modo che votassero contro Trump. In caso di imminenti disordini su larga scala, guidati da “utili idioti” democratici sostenuti dallo “stato profondo” o da persone MAGA canaglia, questi stessi leader devono agire in modo decisivo a differenza di prima.‎

‎Allo stesso modo, le forze dell’ordine dovrebbero prepararsi a dissentire pubblicamente con quei leader sopra menzionati se i loro superiori ancora una volta rifiutano di schierarli per proteggere la popolazione. I seguaci del principio dovrebbero anche prendere in considerazione il rifiuto di limitare illegalmente i diritti dei cittadini rispettosi della legge del Secondo Emendamento se viene loro ordinato di farlo poiché questo è uno degli scenari che potrebbero essere impiegati dai Democratici in risposta al precedente scenario speculativo peggiore o forse anche per provocarlo.‎

‎Pensieri conclusivi‎

‎L’America è pericolosamente sul punto di scendere in una dittatura post-moderna distopica in rapida evoluzione e piena, spinta oltre il precipizio nientemeno che dal suo presidente in carica e da quelle oscure forze dello “stato profondo” che sono dietro di lui. Questo risultato disastroso può ancora essere evitato, così come gli scenari peggiori che probabilmente renderebbero irreversibile questa traiettoria, ma richiederà agli americani di tutte le opinioni politiche di riunirsi per ‎‎ sconfiggere ‎‎pacificamente‎‎ coloro che vogliono dividerli e governarli.‎

--------------------------
Iscriviti al nostro canale Telegram
al nostro account Twitter
o visita la nostra pagina Facebook

--------------------------

Sharing - Condividi