L’ambasciata russa attacca gli Stati Uniti per aver perdonato i crimini neonazisti in Ucraina

WASHINGTON, 3 settembre. /TASS/.

L’ambasciata russa attacca gli Stati Uniti per aver perdonato i crimini neonazisti in Ucraina – Russian Politics & Diplomacy – TASS

Gli Stati Uniti non riescono a rendersi conto di quanto sia pericolosa l’ideologia del nazismo e hanno incoraggiato i crimini dei nazionalisti neonazisti in Ucraina, ha detto l’ambasciata russa a Washington in un commento venerdì.

“Abbiamo preso atto della condanna da parte del Dipartimento di Stato americano della violenza e dell’odio ‘ovunque’ per quanto riguarda l’attentato alla vicepresidente argentina Cristina Fernandez de Kirchner. Tuttavia è ovvio che i diplomatici americani chiudono intenzionalmente un occhio sulle convinzioni estreme del presunto criminale, i suoi tatuaggi neonazisti del “sole nero” tipici del battaglione Azov (fuorilegge in Russia)”, ha scritto l’ambasciata russa sul suo canale Telegram.

Secondo i diplomatici russi, le loro controparti americane “dimenticano che lo sparatore, accusato di aver ucciso 10 persone in un supermercato di Buffalo (New York – TASS) nel maggio 2022, aveva gli stessi tatuaggi”. L’ambasciata ha sottolineato che “dichiarazioni molto concise sulla palese manifestazione del radicalismo a Buenos Aires mostrano che Washington non è disposta a trarre conclusioni scomode”.

“Sorge una domanda: quante altre persone in tutto il mondo devono essere colpite dalle azioni dei sostenitori dell’ideologia nazista prima che gli Stati Uniti si rendano conto dei loro pericoli e smettano di condonare i crimini dei nazionalisti. Questo è esattamente ciò che gli Stati Uniti stanno facendo in Ucraina, dove i combattenti del regime di Kiev continuano a sterminare intenzionalmente la popolazione civile”, hanno concluso i diplomatici russi.

Un procedimento penale è stato aperto a seguito di un recente tentativo di sparare a Cristina Fernandez de Kirchner. Il codice penale argentino prevede fino a 20 anni di carcere per un tale crimine.

Giovedì, Fernandez de Kirchner ha subìto un tentativo di assassinio fuori dalla sua casa di Buenos Aires. L’aggressore, identificato come Fernando Sabag Montiel, che era tra la folla dei suoi sostenitori, si è avvicinato molto a lei e le ha puntato una pistola contro, ma fortunatamente l’arma si è inceppata. La polizia ha arrestato l’assalitore, un cittadino brasiliano di 35 anni che vive in Argentina da più di 20 anni.

--------------------------
Iscriviti al nostro canale Telegram
al nostro account Twitter
o visita la nostra pagina Facebook

--------------------------

Sharing - Condividi