Putin: “Il dovere della Russia è quello di aiutare il Donbass”

PETROPAVLOVSK-KAMCHATSKY, 5 settembre. /TASS/.

Il dovere della Russia è quello di aiutare il Donbass, dice Putin – Russian Politics & Diplomacy – TASS

Il dovere della Russia è quello di aiutare le persone che vivono nel Donbass, tutti i tentativi di risolvere pacificamente la situazione si sono conclusi con un fallimento a causa della posizione di Kiev, ha detto il presidente russo Vladimir Putin lunedì in un incontro con i partecipanti a un forum ambientale che si svolge in Kamchatka.

Putin ha osservato di essere stato colpito dal coraggio dei residenti del Donbass che difendono le loro repubbliche in prima linea. “Vi assicuro, so di cosa sto parlando, perché sono volato qui subito dopo un altro rapporto della leadership del Ministero della Difesa [su quello che sta succedendo]. Non sono militari professionisti, i locali costituiscono due unità, ma combattono meglio dei militari professionisti, combattono molto coraggiosamente, coraggiosamente ed efficacemente “, ha detto il presidente.

Ma oltre alle persone coraggiose e forti, ci sono molti professionisti nelle repubbliche, ha aggiunto il presidente. “Gentile, professionale e in sintonia con il lavoro positivo nei loro campi: nelle arti, nell’istruzione e nella protezione dell’ambiente”, ha elencato.

“E naturalmente, come in altri settori, nel restauro delle abitazioni, nel rilancio dell’industria, dell’agricoltura. Dobbiamo anche aiutare queste persone. E, naturalmente, lo faremo”, ha concluso Putin.

***

L’attuale tragedia nel Donbass è stata causata dal regime neonazista, che ha preso il potere con la forza nel 2014 e ha lanciato un’azione militare nella regione, ha detto lunedì il presidente russo Vladimir Putin.

“La tragedia che si sta verificando nel Donbass è il risultato delle azioni del regime nazionalista e neonazista, che ha preso il potere con la forza nel 2014 e poi ha lanciato attività di combattimento nel Donbass”, ha detto Putin parlando a un incontro con i partecipanti al forum ambientale in Kamchatka, nell’Estremo Oriente russo.

“Ha tenuto due volte operazioni militari su larga scala usando potenza di fuoco pesante, aviazione, armi pesanti e così via. E tutto questo continua ancora oggi”.

“Il nostro dovere è quello di aiutare queste persone e la Russia lo sta facendo”, ha osservato.

Secondo Putin, i tentativi di Mosca di risolvere il conflitto con mezzi pacifici sono falliti a causa dell’intransigenza di Kiev.

“Dovevamo sicuramente aiutare e ora stiamo assistendo le persone che vivono nel Donbass”, ha aggiunto il presidente russo.

L’operazione militare speciale della Russia in Ucraina

La situazione lungo la linea di impegno nel Donbass si è intensificata il 17 febbraio. Le Repubbliche popolari di Donetsk e Lugansk (DPR e LPR) hanno riportato allora la peggiore ondata di bombardamenti da parte dell’esercito ucraino, che ha danneggiato le infrastrutture civili e causato vittime civili.

Il 21 febbraio, il presidente Vladimir Putin ha annunciato che Mosca stava riconoscendo la sovranità delle Repubbliche popolari di Donetsk e Lugansk. La Russia ha firmato accordi di amicizia, cooperazione e assistenza reciproca con i loro leader. Mosca ha riconosciuto le repubbliche del Donbass in conformità con le costituzioni DPR e LPR all’interno dei confini delle regioni di Donetsk e Lugansk a partire dall’inizio del 2014.

Il presidente russo Putin ha annunciato il 24 febbraio che in risposta a una richiesta di assistenza da parte dei capi delle repubbliche del Donbass aveva deciso di effettuare un’operazione militare speciale in Ucraina. Il leader russo ha sottolineato che Mosca non aveva intenzione di occupare i territori ucraini, osservando che l’operazione era finalizzata alla denazificazione e alla smilitarizzazione dell’Ucraina.

La DPR e la LPR lanciarono un’operazione per liberare i loro territori sotto il controllo di Kiev.

--------------------------
Iscriviti al nostro canale Telegram
al nostro account Twitter
o visita la nostra pagina Facebook

--------------------------

Sharing - Condividi